Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Manuale dell'imperfetto sportivo

Di

Editore: RL Libri - Superpocket

3.4
(275)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8846203399 | Isbn-13: 9788846203397 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , Copertina rigida

Genere: Humor , Social Science , Sports, Outdoors & Adventure

Ti piace Manuale dell'imperfetto sportivo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In questo libro Beppe Severgnini racconta lo sport: lo sport socialmente utilecome la pallavolo, che si può giocare ovunque e ovunque consente a gruppi diragazzi e ragazze di giocare corteggiandosi (o corteggiarsi giocando); losport - per esempio il calcio - come simbolo di qualunque organizzazionesociale (e in ogni organizzazione, da un'azienda al governo, c'è bisogno di unlibero che gridi "Attenti al contropiede!"); lo sport freddo, come lo sci,dall'era della Scomodità Assoluta a quelle del Comfort Esagerato; lo sportgenerazionale, con la fenomenologia del QS (il Quarantenne Sportivo chetradisce la moglie solo con una mountain bike); lo sport familiare della MammaSportiva e del Papà Allenatore.
Ordina per
  • 4

    Che dire? Severgnini non tradisce mai e tutte le volte che ho preso in mano un suo libro o letto un suo articolo non me ne sono mai pentito. Questo manuale è uscito dieci anni fa e quindi molti riferimenti a personaggi dello sport son un po' fuori tempo ma ... proprio per questo la sua lettura m ...continua

    Che dire? Severgnini non tradisce mai e tutte le volte che ho preso in mano un suo libro o letto un suo articolo non me ne sono mai pentito. Questo manuale è uscito dieci anni fa e quindi molti riferimenti a personaggi dello sport son un po' fuori tempo ma ... proprio per questo la sua lettura mi ha fatto riaffiorare ricordi che ho accolto con piacere.

    ha scritto il 

  • 3

    Brillante, simpatico, divertente, sempre pronto a farti sorridere degli altri e di te. In una parola: Severgnini.
    Peccato che negli ultimi capitoli scivoli in uno sproloquio senza termine sul calcio. Al lettore poco interessato risulta eccessivo in principio, troppo lungo nel proseguo e infine ad ...continua

    Brillante, simpatico, divertente, sempre pronto a farti sorridere degli altri e di te. In una parola: Severgnini. Peccato che negli ultimi capitoli scivoli in uno sproloquio senza termine sul calcio. Al lettore poco interessato risulta eccessivo in principio, troppo lungo nel proseguo e infine addirittura fastidioso. In ogni caso i primi capitoli meritano.

    ha scritto il 

  • 4

    Severgnini e Gianni Brera

    Non vorrei sbagliare, ma è proprio in questo libro che Severgnini parla di Gianni Brera. Ultimo capitolo, o giù di lì.
    Discrezione -Brera non era esattamente avvicinabile-, ammirazione -è stato un grande innovatore-, questi e altri sentimenti emergono con una forza inusuale. Senza il consueto fi ...continua

    Non vorrei sbagliare, ma è proprio in questo libro che Severgnini parla di Gianni Brera. Ultimo capitolo, o giù di lì. Discrezione -Brera non era esattamente avvicinabile-, ammirazione -è stato un grande innovatore-, questi e altri sentimenti emergono con una forza inusuale. Senza il consueto filtro dell'ironia, si percepisce benissimo che per l'autore questo non è stato un passaggio come gli altri. Sono certa che sia la migliore cosa che ho letto dal giornalista con la zazzera metallizzata più simpatico in circolazione.

    ha scritto il 

  • 3

    L'umiltà di riderci su

    Un libro ben scritto anche se a volte mi ritrovavo con il gusto di capitoli fatti cadere così, sospesi a celare cose che invece avrei voluto sapere, irritante a volte la sospensione improvvisa e incomprensibile degli scritti, mi aspettavo che il racconto continuasse ed invece nulla, tutto era las ...continua

    Un libro ben scritto anche se a volte mi ritrovavo con il gusto di capitoli fatti cadere così, sospesi a celare cose che invece avrei voluto sapere, irritante a volte la sospensione improvvisa e incomprensibile degli scritti, mi aspettavo che il racconto continuasse ed invece nulla, tutto era lasciato in sospeso... Questo libro è una bella cavalcata leggera fra gli sport di una generazione che agli odierni fruitori di Play Station saranno forse sconosciuti, passati di moda ma per qualcuno sarà un bel tuffo nel passato, soprattutto se si viene da quella sonnacchiosa provincia in cui una palla, una moto o una bicicletta sono la strada per non restare immobili... a detta di amici che conoscono l'autore meglio di me questo non è il suo miglior lavoro ma credo meriti comunque di essere letto, qualcuno di voi magari possiede la chiave per continuarli quei capitoli sospesi e non con la forza delle parole scritte ma con la leggerezza delle immagini vissute.

    ha scritto il 

Ordina per