Marcello Mastroianni

Di

Editore: Mediane/Erga

4.5
(2)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 151 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8896042208 | Isbn-13: 9788896042205 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Arte, Architettura & Fotografia , Intrattenimento , Non-narrativa

Ti piace Marcello Mastroianni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"... nel 1959 iniziano le riprese de La dolce vita. Fin da subito l’intesa fra Marcello e Fellini è perfetta.
L’attore non haalcun problema a seguire il metodo del regista, che dà le battute agli attori all’ultimo momento, improvvisa situazioni e dialoghi in corso
d’opera, predilige una costruzione narrativa apparentemente frammentaria
e spezzettata ma che in realtà assume poi un senso emozionale
unico nell’unione dei quadri, ricostruisce ambienti reali in studio per dare un senso straniante e onirico all’atmosfera del film, un po’ come Visconti in Le Notti bianche, anche se all’epoca i critici contrapponevano faziosamente lo stile dei due registi.

Marcello e Federico sono accomunati da un atteggiamento scanzonato e giocoso nei confronti della vita, dalla passione per i viaggi in macchina,
dall’ammirazione per le donne, che seducono e da cui sono sedotti ma in maniera sempre innocente e divertita e su cui inventano simpatiche fantasie e giochi di parole. Mastroianni nel tratteggiare il cinico e simpatico giornalista Marcello Rubini diventa a poco a poco un vero e proprio alter ego del regista, che mette nel personaggio alcune sue caratteristiche e debolezze che allo stesso tempo sono anche caratteristiche e debolezze dello stesso attore protagonista.

Il film già durante le riprese si preannuncia come un grande evento, si narra di scene scandalose, si sparge la voce di scene di orgie e spogliarelli, tutta Roma accorre per sette notti a vedere il regista che gira la scena che poi diverrà epocale del protagonista che fa il bagno nella Fontana di Trevi con la diva di Hollywood interpretata dalla stupenda e giunonica Anita Ekberg.
Il personaggio di Marcello attraversa gli ambienti delle tre ore di film inserendosi in tutte le situazioni in maniera superficiale senza mai esserne coinvolto a fondo.
È ossessionato da una fidanzata gelosa e paranoica, vive una serie di avventure senza passione e senza gioia, passa una serata col padre di passaggio in città ma non riesce a recuperare il rapporto con lui, rimane sconvolto nel vedere che l’amico intellettuale che più ammirava si sia suicidato dopo aver ucciso i propri figli, ma nonostante tutto non riesce a maturare e rimane chiuso in questo gorgo decadente, senza avere la forza di vedere la possibilità di tornare innocente che
una giovane ragazza sembra indicargli simbolicamente. Il personaggio è ovviamente il più importante e complesso finora interpretato dall’attore, e rimarrà probabilmente il ruolo della sua vita ... "