Marcovaldo

di | Editore: Mondadori
Voto medio di 8226
| 568 contributi totali di cui 530 recensioni , 37 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Cuore di tenebra
Ha scritto il 07/02/18

Mitico Calvino, ti proietta in un altro mondo. Un mondo che non torna più. Libro non solo per ragazzi!

Acrasia
Ha scritto il 07/02/18
E io che pensavo fosse un libro per ragazzi che parlasse di ragazzi... invece è sì un libro per ragazzi perchè è scritto in modo apparentemente molto semplice, ma non parla di ragazzi, ma di mooolto di più! Un protagonista che fa parte della classe p...Continua
Alfredo d'Andrade
Ha scritto il 28/01/18

Scritto nel 1963, riletto oggi sembra ancora più naif, parla di una città che non esite più nei modi e nelle persone.

steam engenius
Ha scritto il 15/11/17
SPOILER ALERT
http://scaffalivirtuali.altervista.org/index.php?bookid=468
Per una serie di circostanze ed impegni vari, ho potuto leggere questo libro solo molto lentamente, ma devo dire che non c'è mai stato quel feeling che ti mette voglia di trovare il tempo, sacrificando qualcos'altro. É una raccolta di racconti che ho...Continua
GiUpEpPiNa
Ha scritto il 14/08/17
Pagine dolci come carezze e forti come schiaffi
Ci sono libri che entrano nella propria classifica personale, chi va in top ten, chi in top five, chi tra i belli senza posizione. Poi ci sono i libri che, appena finiti, sanno già che il loro destino sarà andare in una postazione, senza posizione nè...Continua

Silvja
Ha scritto il Jan 03, 2014, 11:09
Edizione del 1986, pagine 148, prezzo di copertina lire 9000, letto durante l'anno scolastico 89-90 nella classe 1° C
Taozo
Ha scritto il May 25, 2012, 15:56
Alle sei di sera la città cadeva in mano dei consumatori. Per tutta la giornata il gran daffare della popolazione produttiva era il produrre: producevano beni di consumo. A una cert’ora, come per Io scatto d’un interruttore, smettevano la produzione...Continua
Pag. 93
  • 1 commento
A Carlino1
Ha scritto il Dec 26, 2011, 10:19
Alle sei di sera la città cadeva in mano dei consumatori. Per tutta la giornata il gran daffare della popolazione produttiva era il produrre: producevano beni di consumo. A una cert'ora, come lo scatto d'un interruttore, smettevano la produzione, e v...Continua
Pag. 98
  • 1 commento
Ky Ria
Ha scritto il Jan 03, 2011, 15:11
biblioteca
...
Ha scritto il Nov 02, 2010, 07:56
Ma il rincasare nella sera piovigginosa, l'aspettare alla fermata il tram numero 30, il constatare che la sua vita non avrebbe conosciuto altro scenario che tram, semafori, locali al seminterrato, fornelli a gas, roba stesa, magazzini e reparti d'imb...Continua
Pag. 76
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteca...
Ha scritto il Dec 29, 2015, 10:58
Collocazione: NR 713 (2 copie)

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi