Marcovaldo

ovvero, Le stagioni in città

Voto medio di 8299
| 572 contributi totali di cui 534 recensioni , 37 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Marcovaldo, ovvero Le stagioni in città è una raccolta di venti novelle di Italo Calvino.
Il sottotitolo Le stagioni in città si rifà alla struttura dei racconti, associati ognuno ad una delle quattro stagioni dell'anno. Protagonista comune a tu
...Continua
inertiatic85
Ha scritto il 02/10/18
Un inno alla semplicità
Non vorrei dire un'eresia, ma in alcuni casi mi ha ricordato Fantozzi. E non è per ridimensionare questa splendida raccolta di novelle, perché ritengo che Fantozzi sia un personaggio importante della cinematografia italiana, sotto diversi aspetti. Ma...Continua
Pierangela
Ha scritto il 30/04/18

Racconti pieni di poesia e realtà.

Sara
Ha scritto il 26/04/18
I libri di Calvino mi piacciono sempre. Ho apprezzato la scritturadi questi racconti, soprattutto, dopo che avevo finito un ulteriore libro e ho potuto fare un parallelo: in Marcovaldo scorre tutto liscio, le parole sono incastrate le une alle altre...Continua
patriziabrr
Ha scritto il 28/02/18
Capolavoro con data di scadenza

"Consumare preferibilmente entro il...1970", tuttavia capolavoro! Credo che questo e le Città invisibili siano stato il manifesto della mia giovinezza. Ancora adesso scovo ogni traccia di natura tra il cemento...

Cuore di tenebra
Ha scritto il 07/02/18

Mitico Calvino, ti proietta in un altro mondo. Un mondo che non torna più. Libro non solo per ragazzi!


Silvja
Ha scritto il Jan 03, 2014, 11:09
Edizione del 1986, pagine 148, prezzo di copertina lire 9000, letto durante l'anno scolastico 89-90 nella classe 1° C
Taozo
Ha scritto il May 25, 2012, 15:56
Alle sei di sera la città cadeva in mano dei consumatori. Per tutta la giornata il gran daffare della popolazione produttiva era il produrre: producevano beni di consumo. A una cert’ora, come per Io scatto d’un interruttore, smettevano la produzione...Continua
Pag. 93
A Carlino1
Ha scritto il Dec 26, 2011, 10:19
Alle sei di sera la città cadeva in mano dei consumatori. Per tutta la giornata il gran daffare della popolazione produttiva era il produrre: producevano beni di consumo. A una cert'ora, come lo scatto d'un interruttore, smettevano la produzione, e v...Continua
Pag. 98
Ky Ria
Ha scritto il Jan 03, 2011, 15:11
...
Ha scritto il Nov 02, 2010, 07:56
Ma il rincasare nella sera piovigginosa, l'aspettare alla fermata il tram numero 30, il constatare che la sua vita non avrebbe conosciuto altro scenario che tram, semafori, locali al seminterrato, fornelli a gas, roba stesa, magazzini e reparti d'imb...Continua
Pag. 76

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteca...
Ha scritto il Dec 29, 2015, 10:58
Collocazione: NR 713 (2 copie)

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi