Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Marina

By Carlos Ruiz Zafon

(2078)

| Hardcover

Like Marina ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Barcellona, fine degli anni Settanta. Óscar Drai è un giovane studente che trascorre i faticosi anni della sua adolescenza in un cupo collegio della città catalana. Colmo di quella dolorosa energia così tipica dell'età, fatta in parti uguali di sogno Continue

Barcellona, fine degli anni Settanta. Óscar Drai è un giovane studente che trascorre i faticosi anni della sua adolescenza in un cupo collegio della città catalana. Colmo di quella dolorosa energia così tipica dell'età, fatta in parti uguali di sogno e insofferenza, Óscar di tanto in tanto ama allontanarsi non visto dalle soffocanti mura del convitto, per perdersi nel dedalo di vie, ville e palazzi di quartieri che trasudano a ogni angolo storia e mistero. In occasione di una di queste fughe il giovane si lascia rapire da una musica che lo porta fino alle finestre di una casa. All'interno, su un tavolo, un antico grammofono suona un'ammaliante canzone per voce e pianoforte; accanto, un vecchio orologio da taschino dal quadrante scheggiato. Óscar stesso, nel momento in cui sottrae l'oggetto e scappa, è sopraffatto da un gesto che risulta inspiegabile a lui per primo. Qualche giorno dopo però tutto gli apparirà tanto chiaro quanto splendidamente misterioso. Tornando sui suoi passi per restituire il maltolto, infatti, Óscar incontra la giovane Marina e il suo enigmatico padre, il pittore Germán. E niente per lui sarà più come prima. Il suo innato amore per il mistero si intreccerà da quel momento ai segreti inconfessabili del passato di una famiglia e di una Barcellona sempre più amata: segreti che lo spingeranno non solo alla più lunga fuga mai tentata dal detestato collegio, ma anche verso l'irrevocabile fine della sua adolescenza. Scritto prima de L'ombra del vento e Il gioco dell'angelo, romanzi che hanno consacrato Zafón come uno degli scrittori spagnoli più popolari di tutti i tempi, di essi Marina anticipa i grandi temi: gli enigmi del passato, l'amore per la conoscenza, la bellezza gotica e senza tempo di Barcellona.

1243 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Marina, Carlos Ruiz Zafòn

    A questo libro sono particolarmente legata, essendo uno dei miei preferiti, perchè è stato grazie ad esso che ho conosciuto Zafòn ed ho cominciato ad amare incondizionatamente il suo modo di scrivere ed i suoi racconti.
    Marina, è uno di quei libri ch ...(continue)

    A questo libro sono particolarmente legata, essendo uno dei miei preferiti, perchè è stato grazie ad esso che ho conosciuto Zafòn ed ho cominciato ad amare incondizionatamente il suo modo di scrivere ed i suoi racconti.
    Marina, è uno di quei libri che non appena termini, avverti una malinconia straziante e ti chiedi perchè non sia durato una sola pagina in più.
    Ho letteralmente adorato l'atmosfera cupa, gotica, fredda e tal volta anche un po' malinconica di questa Barcellona avvolta dai misteri, abbandonata a se stessa.
    Il racconto ha vari risvolti, per questo non sono in grado di catalogarlo sotto un solo genere. Sicuramente ci sono degli elementi che possono ricondurre al genere horror, che si intreccia anche un poco con la fantascienza.
    La trama ti cattura quasi immediatamente e ti incolla, letteralmente, alle pagine.
    Stupendo, niente da aggiungere.

    Is this helpful?

    twirise said on Jul 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Molto bello, stile Zafòn, di una bellezza che a volte spaventa. Un po' inquietante a tratti. Marina è una ragazza speciale, impossibile che non rimanga nel cuore dei lettori.

    Is this helpful?

    Nena M. said on Jul 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello, inquietante, Marina...

    ...è uno dei miei personaggi preferiti in assoluto. L'ho adorata. Questo libro è davvero un buon libro come tutti quelli di Zafon, certo è particolare e forse anche un po' squallido, ma bello. Non ho molto da dire, tranne che Zafon mi affascina sempr ...(continue)

    ...è uno dei miei personaggi preferiti in assoluto. L'ho adorata. Questo libro è davvero un buon libro come tutti quelli di Zafon, certo è particolare e forse anche un po' squallido, ma bello. Non ho molto da dire, tranne che Zafon mi affascina sempre, ma gli manca sempre un qualcosa che non mi riesco a spiegare.

    Is this helpful?

    @nto! said on Jul 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Inutile premettere che Zafòn è un autore incredibile, ed siamo davanti un altro dei suoi casi editoriali e dei suoi libri meravigliosi.
    “Una volta Marina mi disse che ricordiamo solo quello che non è mai accaduto. Sarebbe trascorsa un’infinità di te ...(continue)

    Inutile premettere che Zafòn è un autore incredibile, ed siamo davanti un altro dei suoi casi editoriali e dei suoi libri meravigliosi.
    “Una volta Marina mi disse che ricordiamo solo quello che non è mai accaduto. Sarebbe trascorsa un’infinità di tempo prima che potessi comprendere il significato di quelle parole.”
    Il romanzo si apre con questo periodo fantastico, che ti introduce immediatamente il personaggio di Oscar, un ragazzino abbandonato dai genitori a stare in un collegio senza mai tornare a casa durante le vacanze (e infatti della famiglia del ragazzo non se ne parla, se non appunto per spiegare la sua situazione di ospite fisso dell’istituto), e Marina, la seconda protagonista del racconto, una ragazzina vivace e attratta dal mistero.
    Le vicende dei ragazzi cominciano quasi subito, coinvolgenti, appassionanti, da far salire i brividi il più delle volte. Il romanzo tende all’horror e, benché si mantenga comunque molto sul reale, Zafòn ha aggiunto quel pizzico di fantastico che ha reso davvero entusiasmante la storia. Idee brillanti, inserite in un intreccio di grande spessore e personaggi davvero fantastici. In particolare ho apprezzato la capacità di Zafòn di rendermi simpatiche le personalità femminili, che spesso odio o non apprezzo. Invece, come ha già fatto con un altro suo libro “Il palazzo della mezzanotte”, nel quale ho trovato delle similitudini in alcuni punti, ho letteralmente adorato Marina e la fine drammatica del racconto mi ha completamente spiazzata. Il protagonista, Oscar, vive un percorso formativo che lo porta ad abbandonare l’età adolescenziale e ad entrare nella vita reale e adulta.
    L’ambientazione è meravigliosa: una Barcellona gotica, misteriosa, oscura, molte delle scene infatti sono “girate” nel Barrìo Gotico (il quartiere gotico) della città, rendendo ancor più macabre le vicende.
    Un altro punto da commentare è lo stile dell’autore, uno dei miei preferiti. Incredibile come, anche narrando la storia dal punto di vista di un ragazzino svogliato, riesca comunque ad utilizzare un lessico complesso accompagnato da periodi semplici e poco elaborati, metafore suggestive e descrizioni non troppo pesanti.
    Consiglio vivamente questo libro, che ho comprato a mia madre per la festa della mamma, e do cinque stelline ad un autore che non delude mai.

    Is this helpful?

    Konnichiwa Efp said on Jun 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    El libro me enganchó y no me soltó hasta el final. Hacía tiempo que no sentía algo así con un libro. Es increíble como unas palabras escritas en papel pueden influirte tanto.

    Is this helpful?

    Patry Smiley said on Jun 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ricordiamo solo quello che non é mai accaduto.

    Is this helpful?

    lunilae said on May 27, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book