Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Marina

By Carlos Ruiz Zafon

(90)

| Paperback | 9788423648993

Like Marina ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Óscar Drai se marchó huyendo de sus recuerdos, pensando ingenuamente que si ponía suficiente distancia, las voces de su pasado se acallarian para siempre.
Ahora ha regresado a su ciudad para conjurar sus fantasmas y enfrentarse a su memoria. La Continue

Óscar Drai se marchó huyendo de sus recuerdos, pensando ingenuamente que si ponía suficiente distancia, las voces de su pasado se acallarian para siempre.
Ahora ha regresado a su ciudad para conjurar sus fantasmas y enfrentarse a su memoria. La macabra aventura que le marcó en su juventud, el terror y la locura que rodearon, curiosamente la más bella historia de amor.

Marina me dijo una vez que sólo recordamos lo que nunca sucedió. Pasaría una eternidad antes de que comprendiese aquellas palabras, pero más vale que empiece por el principio, que en este caso es el final... en mayo de 1980 desaparecí del mundo durante una semana. Por espacio de siete días y siete noches, nadie supo de mi paradero.

Todos tenemos un secreto encerrado bajo llave en el ático del alma.

1242 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Molto bello, stile Zafòn, di una bellezza che a volte spaventa. Un po' inquietante a tratti. Marina è una ragazza speciale, impossibile che non rimanga nel cuore dei lettori.

    Is this helpful?

    Nena M. said on Jul 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bello, inquietante, Marina...

    ...è uno dei miei personaggi preferiti in assoluto. L'ho adorata. Questo libro è davvero un buon libro come tutti quelli di Zafon, certo è particolare e forse anche un po' squallido, ma bello. Non ho molto da dire, tranne che Zafon mi affascina sempr ...(continue)

    ...è uno dei miei personaggi preferiti in assoluto. L'ho adorata. Questo libro è davvero un buon libro come tutti quelli di Zafon, certo è particolare e forse anche un po' squallido, ma bello. Non ho molto da dire, tranne che Zafon mi affascina sempre, ma gli manca sempre un qualcosa che non mi riesco a spiegare.

    Is this helpful?

    @nto! said on Jul 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Inutile premettere che Zafòn è un autore incredibile, ed siamo davanti un altro dei suoi casi editoriali e dei suoi libri meravigliosi.
    “Una volta Marina mi disse che ricordiamo solo quello che non è mai accaduto. Sarebbe trascorsa un’infinità di te ...(continue)

    Inutile premettere che Zafòn è un autore incredibile, ed siamo davanti un altro dei suoi casi editoriali e dei suoi libri meravigliosi.
    “Una volta Marina mi disse che ricordiamo solo quello che non è mai accaduto. Sarebbe trascorsa un’infinità di tempo prima che potessi comprendere il significato di quelle parole.”
    Il romanzo si apre con questo periodo fantastico, che ti introduce immediatamente il personaggio di Oscar, un ragazzino abbandonato dai genitori a stare in un collegio senza mai tornare a casa durante le vacanze (e infatti della famiglia del ragazzo non se ne parla, se non appunto per spiegare la sua situazione di ospite fisso dell’istituto), e Marina, la seconda protagonista del racconto, una ragazzina vivace e attratta dal mistero.
    Le vicende dei ragazzi cominciano quasi subito, coinvolgenti, appassionanti, da far salire i brividi il più delle volte. Il romanzo tende all’horror e, benché si mantenga comunque molto sul reale, Zafòn ha aggiunto quel pizzico di fantastico che ha reso davvero entusiasmante la storia. Idee brillanti, inserite in un intreccio di grande spessore e personaggi davvero fantastici. In particolare ho apprezzato la capacità di Zafòn di rendermi simpatiche le personalità femminili, che spesso odio o non apprezzo. Invece, come ha già fatto con un altro suo libro “Il palazzo della mezzanotte”, nel quale ho trovato delle similitudini in alcuni punti, ho letteralmente adorato Marina e la fine drammatica del racconto mi ha completamente spiazzata. Il protagonista, Oscar, vive un percorso formativo che lo porta ad abbandonare l’età adolescenziale e ad entrare nella vita reale e adulta.
    L’ambientazione è meravigliosa: una Barcellona gotica, misteriosa, oscura, molte delle scene infatti sono “girate” nel Barrìo Gotico (il quartiere gotico) della città, rendendo ancor più macabre le vicende.
    Un altro punto da commentare è lo stile dell’autore, uno dei miei preferiti. Incredibile come, anche narrando la storia dal punto di vista di un ragazzino svogliato, riesca comunque ad utilizzare un lessico complesso accompagnato da periodi semplici e poco elaborati, metafore suggestive e descrizioni non troppo pesanti.
    Consiglio vivamente questo libro, che ho comprato a mia madre per la festa della mamma, e do cinque stelline ad un autore che non delude mai.

    Is this helpful?

    Konnichiwa Efp said on Jun 30, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    El libro me enganchó y no me soltó hasta el final. Hacía tiempo que no sentía algo así con un libro. Es increíble como unas palabras escritas en papel pueden influirte tanto.

    Is this helpful?

    Patry Smiley said on Jun 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ricordiamo solo quello che non é mai accaduto.

    Is this helpful?

    lunilae said on May 27, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Amo Barcellona, le case di Antonio Gaudi', e soprattutto amo quell'aria di mistero, di cupo e gotico respiro che i libri di Zafon sanno darle, quell'atmosfera che, da semplice turista, ho solo potuto lambire e non certo assaporare fino in fondo. E q ...(continue)

    Amo Barcellona, le case di Antonio Gaudi', e soprattutto amo quell'aria di mistero, di cupo e gotico respiro che i libri di Zafon sanno darle, quell'atmosfera che, da semplice turista, ho solo potuto lambire e non certo assaporare fino in fondo. E questo sarà pure un libro scritto durante l'infanzia letteraria di Zafon, ma io mi sono ritrovata a girare per casa accendendo tutte le luci (cosa che non faccio mai, io giro per casa al buio esattamente come il mio bellissimo gatto nero con gli occhi verdi...), con il terrore di sentire sulle spalle gli artigli di carne morta e ingranaggi meccanici di Michail Kolvenik. Ancestrale terrore o suggestione letteraria, sono state queste pagine a darmi queste sensazione; e quando un libro risulta essere così potente, è un libro da amare e da far amare agli altri.

    Is this helpful?

    Sharra63 said on May 14, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book