Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Mariti

By Ángeles Mastretta

(245)

| Paperback | 9788809058521

Like Mariti ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Irridenti, baldanzose, sedotte dalle sfide dell'amore giovane, le splendide "donne dagli occhi grandi" raccontate da Ángeles Mastretta hanno incantato milioni di lettori in tutto il mondo. La scrittrice messicana le ritrova oggi più mature, più consa Continue

Irridenti, baldanzose, sedotte dalle sfide dell'amore giovane, le splendide "donne dagli occhi grandi" raccontate da Ángeles Mastretta hanno incantato milioni di lettori in tutto il mondo. La scrittrice messicana le ritrova oggi più mature, più consapevoli, tenacemente ironiche e capaci di inventarsi un nuovo destino, temprate come sono dalla vita in coppia che hanno intrecciato con mariti, amanti, eterni fidanzati (o fidanzate, perché non sempre la fatidica mezza mela è di sesso maschile). Il passare del tempo le ha viste misurarsi nelle difficili arti della convivenza e della separazione, ospitare nelle loro case e nei loro cuori passioni condivise e solitudini non meno ricche, difendere con anima e corpo la fedeltà come i tradimenti. Complice di chiunque conosca le delizie e malizie della vita trascorsa con un essere amato, Ángeles Mastretta ritrae nei suoi "Mariti" uomini indimenticabili, pigri, audaci, irragionevoli, brutali, teneri, insostituibili o sostituibilissimi. Uomini disegnati dalle parole d'amore, di rabbia, di nostalgia e di allegria che si scambiano le loro donne, perché "i mariti sono uno stato d'animo".

40 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Uno dei due.

    Lucia guardò suo marito che sonnecchiava in poltrona. Ogni tanto, si svegliava, la guardava e sorrideva come da un altro mondo. Una delle volte in cui sollevò le ciglia, lei gli disse con estrema dolcezza: "Sai? Quando uno dei due muore ...(continue)

    Uno dei due.

    Lucia guardò suo marito che sonnecchiava in poltrona. Ogni tanto, si svegliava, la guardava e sorrideva come da un altro mondo. Una delle volte in cui sollevò le ciglia, lei gli disse con estrema dolcezza: "Sai? Quando uno dei due muore io me ne andrò in Italia".

    Is this helpful?

    Teresa Trafeli said on Mar 2, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    48 racconti brevi lievi, positivi, da leggere come degli aforismi. 48 storie di donne sedotte, abbandonate, in lotta con l'avanzare degli anni, con le piccole, quotidiane faccende di incomprensioni coniugali e routine, con i grandi trasporti delle st ...(continue)

    48 racconti brevi lievi, positivi, da leggere come degli aforismi. 48 storie di donne sedotte, abbandonate, in lotta con l'avanzare degli anni, con le piccole, quotidiane faccende di incomprensioni coniugali e routine, con i grandi trasporti delle storie d'amore senza tempo. Nonostante il titolo della raccolta, le vere protagoniste sono loro, perché non si arrendono mai - neanche di fronte all'evidenza. L'unica piccola nota negativa è una certa ripetitività della struttura e delle trame, che fa perdere un po' di brio alla lettura. piacevole la scrittura, semplice, che viaggia molto per immagini.

    Is this helpful?

    I Am Vertical said on May 6, 2012 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    - ¿Qué habías decidido? – le preguntó su hermana.
    - Dejarlo ir – dijo por fin entregándose al tono de melodrama que había tomado el aire -. Pero eso no quita la verdad: es el amor de mi vida.
    - Porque no te casaste con él – dijo su hermana que siempr ...(continue)

    - ¿Qué habías decidido? – le preguntó su hermana.
    - Dejarlo ir – dijo por fin entregándose al tono de melodrama que había tomado el aire -. Pero eso no quita la verdad: es el amor de mi vida.
    - Porque no te casaste con él – dijo su hermana que siempre usaba el peor momento para decir las cosas ciertas.
    - No elegí – dijo ella –. Siempre elige él. Siempre se va antes que yo con una copa y dos canciones y veinticinco lamentos.
    Dejó que su hermana leyera la carta.
    - Dásela y santo remedio. Dividen la desgracia en dos.
    Ana pensó que tal cosa sería imposible, porque en los docientos años que tenían de conocerse, la culpa había sido siempre de ella. Al menos eso dijo el aire, desde el momento aquel en la escalera, cuando todo tenía remedio menos sus nombres atados entre sí.

    (De “Con todo y todo”, pag. 29)

    Is this helpful?

    gattalupesca said on Apr 19, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una lettura da non perdere

    La Mastretta è e resta una scrittrice strepitosa. Qui si è persa un po' la freschezza comunicativa e l'incisività presente nell'analogo e probabilmente inarrivabile "Donne dagli occhi grandi", ma, nonostante il titolo, le protagoniste/eroine restano ...(continue)

    La Mastretta è e resta una scrittrice strepitosa. Qui si è persa un po' la freschezza comunicativa e l'incisività presente nell'analogo e probabilmente inarrivabile "Donne dagli occhi grandi", ma, nonostante il titolo, le protagoniste/eroine restano ancora una volte le donne.

    Is this helpful?

    Darkglobe said on Mar 21, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Forse Angeles Mastretta ha scelto questo titolo per avvertire il lettore della presenza di un attore non protagonista in questi racconti: gli uomini. Mariti è un nome collettivo che include quelli che incontriamo a partire dall'età in cui, per ciascu ...(continue)

    Forse Angeles Mastretta ha scelto questo titolo per avvertire il lettore della presenza di un attore non protagonista in questi racconti: gli uomini. Mariti è un nome collettivo che include quelli che incontriamo a partire dall'età in cui, per ciascuna di noi, la parole amore comincia a significare qualcosa.

    Romanzo tutto al femminile, gradevole, che rappresenta un campionario abbastanza completo e variegato di quel "universo femminile" che le donne rinfacciano agli uomini di non capire, ma che spesso ho l'impressione che custodiscono con compiaciuta segretezza.

    Storie di donne tradite e traditrici, libere e consapevoli, divorziate, madri-compagne-amanti che si annullano, sorelle, amiche.

    Ambientato in Messico, questo romanzo spazia temporalmente dall'inizio del secolo ad oggi, racconta storie di adolescenti, di anziane che osservano la vita con gli occhi di chi ne ha vissute più d'una, è scritto in punta di pennino o attraverso email, passa dalla tradizione orale a internet.

    Gradevole, scorrevole, il classico libro da prestare alle amiche.

    Anche se non vi ho trovato uno stile originale o inconfondibile, questo Mariti non è privo di passaggi molto ben scritti, ironici, struggenti.

    Avrebbe voluto che suo marito le dicesse che era bella e che il suo amante le dicesse che l'amava. Impossibile. Stando così le cose, li lasciò entrambi e si comprò un grande specchio e le opere complete di Mozart. Non fu mai tanto felice come in quell'estate.

    Sognò che incontrava la donna di suo marito e non l'ammazzava. Aveva sempre avuto voglia di strangolarla, almeno un pochino… Non camminavano per le stesse strade alla stessa ora, non cercavano l'ombra degli stessi alberi, non si scaldavano allo stesso sole. Per questo non l'ammazzò.

    Anche se non erano arrivati a togliersi i vestiti sotto lo stesso tetto, si immaginavano insieme per la vita e si guardavano con sguardi carichi di qualcosa che si chiama anelito e che altro non è se non nostalgia del futuro.

    Si addormentarono così, nella lentezza delle ore che uno vive come se fossero già passate. Le ore ripetute, anonime, le ore come tante, le ore noiose di cui un giorno sentiremo la mancanza.

    Le scoprì i seni e la baciò come se fosse fatta di noci e di datteri.

    Era tutto perfetto, quindi lui non riuscì a sopportarlo… lui si lanciò in un discorso in cui le dichiarava un amore inconfutabile e pertanto l'urgenza di un addio.

    A volte un brusio di nostalgia le saliva dai piedi fino alla fronte… "È la menopausa", disse sua sorella quando la sentì descrivere quella repentina sensazione di angoscia. "Non ha niente a che vedere con lo schizofrenico che ti ha lasciata. Per quanto la perdita di un marito possa sembrarti drammatica, non è niente in confronto alla perdita dell'estradiolo".

    Is this helpful?

    arancioeblu said on Jan 5, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    io amo moltissimo le storie generose e indulgenti della Mastretta... amori imperfetti, di persone che non sono belle, non sono impeccabili, non sono ricche e nemmeno gloriosamente povere... poveri diavoli che attraversano la vita come tutti gli altri ...(continue)

    io amo moltissimo le storie generose e indulgenti della Mastretta... amori imperfetti, di persone che non sono belle, non sono impeccabili, non sono ricche e nemmeno gloriosamente povere... poveri diavoli che attraversano la vita come tutti gli altri, ma a cui la scrittrice regala il diritto di avere un amore, qualcosa di grandissimo e banale, raccontanto con naturalezza e affetto. Tradimenti, coppie stanche, persone che si sono rincorse per tutta la vita e alla fine si lasciano ancora... tutto perché si ama. perchè la vita è un po' più complicata del previsto. ma la Mastretta non pontifica, non insegna, non sponsorizza... sembra accarezzare ed amare ogni storia, anche la più sgraziata e storta, e così accarezza anche me e mi lascia un sapore dolce in bocca, pur senza essere melensa. E ti viene il dubbio che la vita e l'amore siano veramente una cosa meravigliosa.

    Is this helpful?

    giovi said on Dec 13, 2011 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book