Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Marketing non convenzionale

Viral, Guerrilla, Tribal e i 10 principi fondamentali del marketing postmoderno

Di ,,

Editore: Il Sole 24 Ore Norme & Tributi

4.0
(117)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 888363893X | Isbn-13: 9788883638930 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Business & Economics , Social Science , Textbook

Ti piace Marketing non convenzionale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Un must per restare aggiornati sulle nuove rotte che il marketing sta intraprendendo. utilissimo, semplice e scorrevole, ricco di esempi, idee e proposte.
    Lo consiglio anche a scatola chiusa...

    ha scritto il 

  • 2

    di solito non lo faccio ma...

    questo libro merita una recensione...l'ho letto per un corso universitario e quindi la mia opinione potrà sembrare un po' di parte ma...MIO DIO!
    Autori che credono di essere dei media-guru e idee campate in aria senza la benché minima giustificazione di merito se non quella di essere state ...continua

    questo libro merita una recensione...l'ho letto per un corso universitario e quindi la mia opinione potrà sembrare un po' di parte ma...MIO DIO!
    Autori che credono di essere dei media-guru e idee campate in aria senza la benché minima giustificazione di merito se non quella di essere state partorite da loro...gli invincibili del marketing.
    Se è vero che "il marketing non convenzionale non esiste" allora questi sono i profeti del nulla, gli ultimi nati di una progenie di professoroni bravi solo a sciorinare idee 2.0 senza avere neanche la capacità di accendere un computer.
    Credetemi...dopo aver sentito per anni le solite idee "rivoluzionarie" come il "WOM" ed il "marketing delle esperienze" posso seriamente dire che non serve un libro per elencarle tutte, tanto ce n'è una buona su 200.000

    ha scritto il 

  • 4

    Il volume, scritto a sei mani da Bernard Cova, Alex Giordano e Mirko Pallera, è uno strumento indispensabile per cogliere l’essenza della contemporaneità, capirne dinamiche e tendenze, analizzarne l’evolversi.
    220 pagine di ragione e passione, rigore scientifico e creatività: un percorso ch ...continua

    Il volume, scritto a sei mani da Bernard Cova, Alex Giordano e Mirko Pallera, è uno strumento indispensabile per cogliere l’essenza della contemporaneità, capirne dinamiche e tendenze, analizzarne l’evolversi.
    220 pagine di ragione e passione, rigore scientifico e creatività: un percorso che permette agli autori di comprendere che la domanda giusta da porsi non è “dove sta andando il marketing?” ma “dove sta andando la società?”, giungendo alla conclusione che “[...] il marketing non-convenzionale non esiste. Esiste invece una società fatta di perenni mutamenti, repentini e discontinui, e pertanto il grosso del lavoro è quello di ricalibrare i linguaggi per riferirci ad essa [...]“.

    ha scritto il 

  • 0

    Ho letto Marketing non-convenzionale.

    E mi ha conquistato, ma solo dopo pagina 28. Praticamente dal 2° capitolo fino alla fine.


    Cos’ha che non va il primo capitolo?


    Niente, solo che io sono più per i casi pratici che per le teorie sociologiche, e l’ingresso in questo testo passa per un’anticamera un po’ troppo colta per ...continua

    E mi ha conquistato, ma solo dopo pagina 28. Praticamente dal 2° capitolo fino alla fine.

    Cos’ha che non va il primo capitolo?

    Niente, solo che io sono più per i casi pratici che per le teorie sociologiche, e l’ingresso in questo testo passa per un’anticamera un po’ troppo colta per me, che sono un copywriter come quelli della Leo Burnett di Chicago negli anni 60 “che prima di impugnare la matita si sputavano sulle mani” (giuro che l’ho letta davvero, mi pare nell’Ogilvy On Advertising).

    Comunque tornando al libro, tanto ero tiepido nelle prime pagine, tanto l’ho trovato valido, completo e stimolante nel suo sviluppo, come prova la quantità di sottolineature che vi ho lasciato.

    Oltre agli stimoli di marketing non-convenzionale (che tra l’altro non esiste, lo dicono loro, esiste un solo marketing, quello che funziona, pag. 58), che sono tanti e interessanti, il libro è anche un bell’insieme di quelle-cose-che-ti-ricordi-ma-che-quando-ti-servono-non-sai-più-dove-trovare, come ad esempio la storia del flop della nuova Coca-Cola, o l’impagabile tabellina “nuova scuola di mktg vs vecchia scuola di mktg” di Kathy Sierra (2005), o il caso Mozilla Firefox, quello Diet Coke-Mentos, le 95 tesi in italiano stampate sulla carta…

    Alcune chicche:

    "La resistenza al marketing non è un desiderio improvviso di smettere di comprare. I consumatori voglioo interagire con le marche. Sono intelligenti, tecnologicamente avanzati e con poco tempo a disposizione. Vogliono un marketing che mostri maggior rispetto e attenzione per il loro tempo. Finché non miglioreremo il nostro approccio con i consumatori, essi continueranno a resistere e a chiudersi ai messaggi pubblicitari delle aziende. (Walker Smith, ceo di Yankelovich, 2004)."

    "Tutti i tipi di nuovo marketing non sono validi quando partono dalle imprese: devono avere come base i consumatori."

    "La chiave di svolta di un mercato basato sulla Long Tail è che in teoria ciascuno può avere un pubblico."

    "La vera potenza della Coda Lunga si rivela grazie al sistema delle raccomandazioni."

    "Elenco delle panacee di marketing 1985-2005: anti-marketing, authenticity marketing, buzz marketing, cause-related marketing, chrono-marketing, co-marketing, community marketing, convergence marketing, convergence marketing, centextual marketing, counter marketing, creative marketing, cult marketing, customer centric marketing, database marketing, eco-marketing, emotion marketing empowerment marketing, ethnic marketing, entrepreneurial marketing, event marketing, expeditionary marketing experence marketing, exponential marketing, family marketing…
    [e siamo solo a un terzo della lista]."

    "Il vantaggio reale di un approccio non-convenzionale è in primo luogo l’economicità."

    E qui mi ricollego a un caso cui tutti guardiamo come esemplare, la community Ducati. Ebbene, in queste pagine ho scoperto che tutto è nato dalla considerazione che una campagna tradizionale era troppo cara. Come dire: la necessità aguzza l’ingegno.

    Il libro in una frase:

    "Uno sguardo d’insieme sul senso del marketing di una profondità e intelligenza tali da permetterci uno sguardo anche più ampio, sul senso dell’impresa economica in generale."

    Se vuoi leggere il post originale su ohmymarketing.wordpress.com clicca qui:

    http://ohmymarketing.wordpress.com/2008/02/05/ho-letto-marketing-non-convenzionale/

    ha scritto il 

  • 5

    Mi sono avvicinato a questo tipo con un po' di pregiudizio, conoscendo bene gli autori pensavo che non mi avrebbero raccontato molto di più di quello che già conoscevo. Mi sbagliavo. E' un libro fondamentale per due motivi: a) perché racchiude una sistematizzazione completa del sapere legato alle ...continua

    Mi sono avvicinato a questo tipo con un po' di pregiudizio, conoscendo bene gli autori pensavo che non mi avrebbero raccontato molto di più di quello che già conoscevo. Mi sbagliavo. E' un libro fondamentale per due motivi: a) perché racchiude una sistematizzazione completa del sapere legato alle evoluzioni del marketing e b) perché questa sistematizzazione ha il pregio di essere lucida, chiara e sintetica in un modo che facilita la lettura ed appassiona. E' un manuale di ottima qualità, originale e soprattutto che comunica la passione degli autori per i temi trattati. Bravi.

    ha scritto il 

Ordina per