Martha Peake

Voto medio di 711
| 75 contributi totali di cui 63 recensioni , 11 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
È la storia di Martha Peake e di suo padre Harry, poeta e contrabbandiere, dal quale ha ereditato l'ardore ma non la passione per il gin. Quando Harry, offuscato dagli effetti dell'alcol, commette un ultimo innominabile gesto di brutalità, Martha, ... Continua
Ha scritto il 22/07/17
La cosa più bella del libro è la dedica. Brutto come pochi, a tratti ridicolo.
Ha scritto il 15/01/16
Grande CIOFECA
Libro insulso , stupido, inutile, inverosimile, noioso e pesante peggio di una soap opera !!! Mi sono dovuta violentare per portarlo a termine.
Ha scritto il 05/12/14
Romanzo intenso e coinvolgente, ma con un finale abbastanza deludente. Il mio preferito rimane "Follia".
Ha scritto il 28/10/14
Alcuni scrittori hanno il dono.Potrebbero scrivere di come preparare i pop corn o di come abbiano deciso di tenere la bicicletta in garage piuttosto che in strada.. Insomma, qualsiasi argomento, storia, idiozia.. Loro saprebbero renderla magica e ci ...Continua
  • 4 mi piace
  • 2 commenti
Ha scritto il 06/10/14
Coinvolgente sin dalle prime righe.

Ha scritto il Oct 06, 2014, 09:21
Era forse entrata a far parte della rivolta contro il re? Doveva essere proprio così. Era una traditrice della patria? Probabilmente. L'idea le piaceva, sì, le dava uno strano senso di sollievo pensare che era una ribelle, una traditrice, una ...Continua
Pag. 179
Ha scritto il Oct 06, 2014, 09:19
Se il mondo chiama mostro un uomo, e nessuno interviene a negare tale assunto, quell'uomo diventa un mostro ai suoi stessi occhi.
Pag. 111
Ha scritto il Oct 06, 2014, 09:18
Clyte era il tipo d'uomo che si muove sempre nell'ombra, e ovunque si trova va sempre a mettersi nell'angolo più oscuro. Era una creatura che strisciava, che sgattaiolava, prima ancora che ci si potesse avvedere della sua persona; era assai più ...Continua
Pag. 109
Ha scritto il Oct 06, 2014, 09:15
La sua umanità era bruciata, lasciando solo ceneri e vampate, una sorte di ardente amarezza che di tanto in tanto lo faceva esplodere senza preavviso, e altrettanto repentinamente lo faceva sprofondare in uno stato di apatica introspezione.
Pag. 83
Ha scritto il Oct 06, 2014, 09:14
Aveva avuto i soldi, ma in cambio s'era venduto l'anima, aveva lasciato che lo trattassero come un animale, e non è forse l'anima a distinguere l'uomo dall'animale?
Pag. 81

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il May 26, 2017, 14:54
823.914 MCG

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi