Martin Eden

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

4.3
(2024)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 458 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Polacco , Olandese , Finlandese

Isbn-10: 8817153478 | Isbn-13: 9788817153478 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: O. Previtali

Disponibile anche come: Paperback , Cofanetto , Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Biografia , Narrativa & Letteratura , Scienze Sociali

Ti piace Martin Eden?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 1

    Non mi e' piaciuto, l'ho trovato troppo descrittivo e a tratti molto lento. Il personaggio di Martin, presuntuoso, non mi ha trasmesso nessuna simpatia. Peccato perche' ero curiosa di conoscere questo ...continua

    Non mi e' piaciuto, l'ho trovato troppo descrittivo e a tratti molto lento. Il personaggio di Martin, presuntuoso, non mi ha trasmesso nessuna simpatia. Peccato perche' ero curiosa di conoscere questo autore di cui non avevo mai letto niente.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Mai avere una sola meta nella vita....

    Martin Eden ha un solo obiettivo/ideale nella vita; scrivere ed elevarsi socialmente e nell'universo intellettuale. Persegue questo fine con tutto se stesso facendolo diventare una vera ossessione che ...continua

    Martin Eden ha un solo obiettivo/ideale nella vita; scrivere ed elevarsi socialmente e nell'universo intellettuale. Persegue questo fine con tutto se stesso facendolo diventare una vera ossessione che lo porta sempre più a vivere racchiuso in questa mania sino a perdere il contatto con la realtà. Alla fine.raggiunto quando non ci sperava più il suo traguardo essendo diventato uno scrittore famoso ed ammirato, si accorge che questo grande successo è effimero e non gli interessa più.....

    ha scritto il 

  • 5

    Non saprei.

    Non saprei... non sulla qualità (su quella non c'è dubbio). Non saprei... quello che potrei/dovrei pensare riguardo alle tematiche. Sono d'accordo? Non sono d'accordo? Non saprei...
    È un brano comples ...continua

    Non saprei... non sulla qualità (su quella non c'è dubbio). Non saprei... quello che potrei/dovrei pensare riguardo alle tematiche. Sono d'accordo? Non sono d'accordo? Non saprei...
    È un brano complesso, è una storia complessa. No, non ho detto complicata. C'è bisogno di un "oracolo" per poter fare un salto di qualità e comprendere appieno.
    Il fatto, poi, che nella prefazione le prime tre righe svelino le ultime tre della storia potrebbe lasciare perplessi, senonché è necessaria una cieca fiducia nella guida della Pivano e lasciarsi guidare verso la direzione: la storia non è tutto (forse è niente), ma quello che ci sta dietro - le motivazioni - sono tutto (forse di più).
    Ah, quindi, le motivazioni... Non saprei. Descritte e palesate molto bene, pure nelle mie corde ma... cosa mi lascia interdetto? Non ho capito bene e questo mio non capire ha un'accezione assolutamente positiva! Questo libro - mentre ripeterò le parole del giovane Eden (creazione?!) - mi darà da pensare sicuramente per i prossimi due lustri, sperando alla fine di arrivare ad una conclusione (anche solo per sfinimento).
    Una bella sfida, una bella avventura proprio dove possa sembrare che avventure non ce ne siano.
    Lavoro Eseguito.

    ha scritto il 

  • 4

    Ho scritto molte recensioni diverse durante la lettura. Ora che è finita, riesco a dire solo che mi sento tradita da come Jack London ha concluso questo romanzo, epico e bellissimo, che ti gonfia e ti ...continua

    Ho scritto molte recensioni diverse durante la lettura. Ora che è finita, riesco a dire solo che mi sento tradita da come Jack London ha concluso questo romanzo, epico e bellissimo, che ti gonfia e ti fa volare come un aquilone

    ha scritto il 

  • 5

    Ho riletto questo libro a distanza di molti anni dalla prima volta che fu per me folgorante. Anche stavolta è stata una lettura splendida, rileggendolo ho capito quanto "Martin Eden" abbia contribuito ...continua

    Ho riletto questo libro a distanza di molti anni dalla prima volta che fu per me folgorante. Anche stavolta è stata una lettura splendida, rileggendolo ho capito quanto "Martin Eden" abbia contribuito a formare una certa parte del mio carattere. La parabola ascendente di Martin, che dall'ingenuo entusiasmo porta alla cruda consapevolezza, è amara e cinica, ma vera. Jack London è un gigante.

    ha scritto il 

  • 5

    In search of Eden

    Martin in search of Eden: which is affirmation of the self as writer and as man. When he has it all he does not care any longer, loses himself and the finally attained eden on earth. What a great stor ...continua

    Martin in search of Eden: which is affirmation of the self as writer and as man. When he has it all he does not care any longer, loses himself and the finally attained eden on earth. What a great story, what a great book.

    ha scritto il 

  • 5

    La capacità di London di descrivere la psicologia delle persone è stupefacente. Itre anni della vita di Martin dalla vitale ed entusiamante scoperta alla depressione suicida ,passando attrav ...continua

    La capacità di London di descrivere la psicologia delle persone è stupefacente. Itre anni della vita di Martin dalla vitale ed entusiamante scoperta alla depressione suicida ,passando attraverso la delusione per il genere umano .. Una parabola annichilente che però trascina con la forza di una scrittura limpida , mai noiosa . Un classico imperdibile

    ha scritto il 

  • 5

    Martin Eden

    Martin Eden, di Jack London

    Periodo piuttosto fortunato: sto continuando ad inanellare letture meravigliose, l’una dopo l’altra.
    “Martin Eden” è considerato il capolavoro di Jack London: una sorta di ...continua

    Martin Eden, di Jack London

    Periodo piuttosto fortunato: sto continuando ad inanellare letture meravigliose, l’una dopo l’altra.
    “Martin Eden” è considerato il capolavoro di Jack London: una sorta di autobiografia, raccontata in terza persona, attraverso cui lo scrittore statunitense raccontò le vicende di un ragazzo del popolo destinato a diventare scrittore di successo.
    Anche se gli inizi paiono puntare nella direzione del cosiddetto “romanzo di formazione”, che all’epoca andava per la maggiore, ad un certo punto diventa evidente il cambio di traiettoria: questo romanzo costituisce, in realtà, una delle più feroci e caustiche critiche dell’individualismo.
    Analizzando l’ascesa sociale del giovane Martin, London rappresenta in maniera precisa ed efficace le difficoltà di integrazione nel mondo borghese che gli si pone davanti. Se da un lato lo stile di vita ed i modelli a cui si ispirano le classi superiori sono troppo lontani dal sistema di valori del protagonista, d’altro canto non è più possibile tornare indietro: la classe popolare da cui Martin proviene è ormai inaccessibile, quasi si trattasse di un mondo distante ed irraggiungibile.
    E così, come un pesce fuor d’acqua, Martin trarrà la conclusione dell’inutilità del suo percorso: l’approdo ad uno status borghese con cui non ha nulla in comune, una casta di “bottegai” che disprezza profondamente.
    Sullo sfondo delle vicende narrate, assistiamo al disvelarsi di un vero e proprio “microcosmo”: un palcoscenico su cui si muovono popolani e borghesi, ognuno arroccato sulle proprie posizioni, nell’attesa di una lotta di classe sempre pronta ad esplodere.
    È un romanzo che lascia largo spazio all’introspezione, con un’attenta analisi psicologica dei protagonisti, e che merita di essere letto. Nonostante siano passati più di cento anni dalla prima pubblicazione, riesce ancora a cogliere nel segno con una lucidità ed una forza espositiva dirompente.

    ha scritto il 

  • 3

    seconda rilettura deludente

    avevo molto amato questo romanzo, da ragazza. ho la sensazione che, mentre i romanzi di avventura di london conservino la loro magia anche letti in età adulta, l'ingenuità dei contenuti più spiccatame ...continua

    avevo molto amato questo romanzo, da ragazza. ho la sensazione che, mentre i romanzi di avventura di london conservino la loro magia anche letti in età adulta, l'ingenuità dei contenuti più spiccatamente politici o sociali non possano che lasciare disarmati.
    forse avrei preferito conservare il ricordo e l'amore della mia prima lettura :(

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per