Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Mary e il gigante

Di

Editore: Fanucci

3.5
(100)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Altri

Isbn-10: 8834707788 | Isbn-13: 9788834707784 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: T. Pincio

Disponibile anche come: Paperback , eBook

Genere: Fiction & Literature , Romance , Science Fiction & Fantasy

Ti piace Mary e il gigante?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
E' la storia di Mary Ann Reynolds, una giovane donna sensibile, e delle suedifficoltà affettive e relazionali. I suoi uomini, prima un cantante dicolore, poi l'anziano proprietario di un negozio di dischi, accompagnano Marylungo un itinerario di consapevolezza e disperazione che rivela un complessopanorama emotivo e culturale, quello di un decennio, gli anni Cinquanta,entrato nell'immaginario collettivo in modo anomalo e spesso falsato, e cheoggi è centro di forte rilettura.
Ordina per
  • 3

    Romanzo non perfettamente riuscito, ma di piacevole e scorrevole lettura, e comunque interessante, nel mucchio di quelli “non SF” che perlopiù videro la luce come pubblicazioni postume, edite negli anni ‘80 dopo essere state rifiutate dagli editori all’epoca in cui vennero scritti, nei ’50.
    ...continua

    Romanzo non perfettamente riuscito, ma di piacevole e scorrevole lettura, e comunque interessante, nel mucchio di quelli “non SF” che perlopiù videro la luce come pubblicazioni postume, edite negli anni ‘80 dopo essere state rifiutate dagli editori all’epoca in cui vennero scritti, nei ’50.
    Peraltro molti indizi lasciano credere che fu ampiamente riveduto rispetto alla versione originale, soprattutto nel finale, qui apparentemente (ma solo apparentemente) felice, dove tra i motivi dei precedenti rifiuti c’era stato anche proprio la mancanza di un happy end, come si conveniva alla letteratura di maggior consumo dell’epoca.
    Tuttavia la storia e i personaggi, soprattutto quello di Mary Ann, la giovane protagonista, l’elfo innocente e allo stesso tempo tentatore dei “giganti” di turno: il padre potenziale stupratore, il cantante nero pronto a mollarla all’arrivo di una biondona più scafata, e il coprotagonista Shilling, colto e gentile, ma attempato e in declino, e con il vizio di innamorarsi delle jeune filles en fleur e di profittare dei loro momenti di maggiore fragilità, sono interessanti e abbastanza bene delineati per dipingere questa America dei primi anni ’50, apparentemente serena e tranquilla come quella delle sit-com che la TV inizia a diffondere, ma che cova al suo interno inquietudini e malessere che verranno incarnati da quella generazione che presto verrà definita “gioventù bruciata”.
    Tre stellette forse son poche, il romanzo è qualcosa di più che così-così, ma quattro son troppe. Forse se avesse veramente voluto pubblicarlo PKD lo avrebbe rimaneggiato ulteriormente.
    Forse.

    ha scritto il 

  • 3

    Una strana sensazione

    E' strano leggere un PKD che non sia di fantascienza (sempre se si considera possibile definire un autore come PKD attraverso un solo genere): all'inizio fatichi quasi ad accettarlo. Poi piano piano riconosci la mano ed il libro inizia a girare. Certo non ha quella coerenza anticipatrice dei capo ...continua

    E' strano leggere un PKD che non sia di fantascienza (sempre se si considera possibile definire un autore come PKD attraverso un solo genere): all'inizio fatichi quasi ad accettarlo. Poi piano piano riconosci la mano ed il libro inizia a girare. Certo non ha quella coerenza anticipatrice dei capolavori dickiani, ma è comunque una piacevole lettura.

    ha scritto il 

  • 3

    L'uomo giusto per Mary

    Una strana lettura,questa di "Mary e il gigante". Mi ha lasciato un senso di vaghezza, come se non riuscissi a padroneggiarne il signifcato: in effetti, la storia scorre lentamente, quasi apatica e un po'scontata. A dispetto del titolo,la storia sentimentale di Mary e Tweany- il cantante nero che ...continua

    Una strana lettura,questa di "Mary e il gigante". Mi ha lasciato un senso di vaghezza, come se non riuscissi a padroneggiarne il signifcato: in effetti, la storia scorre lentamente, quasi apatica e un po'scontata. A dispetto del titolo,la storia sentimentale di Mary e Tweany- il cantante nero che affascina la giovane per la sua possanza fisica- mi ha lasciato abbastanza indifferente. Solo quando si sviluppa la vicenda parallela, con Mary commessa presso il negozio di dischi e l'innamoramento del proprietario per questa donna più giovane di quasi trent'anni, ho avuto la sensazione che il romanzo iniziasse a decollare. E da allora è stato tutto un crescendo. Ho visto con nitidezza i contorni che dànno pregio e sostanza alla trama. L'ambiente provinciale stretto tra la monotonia che scandisce i giorni eppure non risparmia il rischio di tragici eventi. I pregiudizi grandi e piccoli che fanno da sponda alle divisioni pubbliche e a quelle private. Così si propagano e resistono all'usura del tempo antiche violenze. Quelle basate sull'odio razziale, ma anche quelle contro i soggetti minori della storia. In primis le donne e la loro pervicace forza eversiva. Poi anche i personaggi si fanno concreti, gettano la maschera. Anche se è è chiaro che recitano a soggetto, il lettore comincia ad affezionarsi a loro, sta dalla loro parte. Ne comprende la necessità, vuole che le cose vadano come di fatto vanno. Penso al personaggio di Shilling che è un po'come il filo di Arianna, il vecchio saggio che fa riacquistare alla donna una parte della sua anima e al personaggio di Paul che poi sarà l'uomo giusto per Mary. Finalmente il libro si chiude con un happy end che non ha niente di banale.

    ha scritto il 

  • 5

    Mary è una giovane ragazza intrappolata in un mondo, in un'esistenza che non sente sua, che in effetti non lo è e che fino a quel momento aveva tentato in tutti i modi di rigettarla. Per sopravvivere e per non farsi inghiottire dal suo demone Mary si aggrappa ad uomini più grandi di lei e apparen ...continua

    Mary è una giovane ragazza intrappolata in un mondo, in un'esistenza che non sente sua, che in effetti non lo è e che fino a quel momento aveva tentato in tutti i modi di rigettarla. Per sopravvivere e per non farsi inghiottire dal suo demone Mary si aggrappa ad uomini più grandi di lei e apparentemente forti e quando anche questi la deludono si rifugia in se stessa chiudendo chiunque altro fuori. Quello che lei cerca è solamente amore. Lotta con le unghia e con i denti per riuscire a conquistarsi un piccolo angolo di tranquillità in quel mondo che è l'unico in cui le è concesso di vivere.
    Mary vive un forte dissidio che la lacera e la spinge ad un comportamento incoerente, spesso dettato da emozioni e sentimenti nati quasi per caso. Cerca disperatamente di trovare un equilibrio tra il bisogno spasmodico di aiuto, di avere qualcuno cui affidarsi completamente, e quello altrettanto pressante di essere libera, di non dover dipendere da nessuno.
    Il titolo del romanzo “Mary e il gigante” è a mio parere fortemente significativo. La sua chiave di lettura è duplice. Chiarisce la natura dei rapporti che la protagonista instaura con gli uomini della sua vita, ma, una volta terminato il libro, appare evidente che il gigante di cui si fa menzione è l'ombra stessa di Mary, dei suoi timori, problemi e tormenti.
    In conclusione credo che Dick con questo romanzo abbia saputo perfettamente ricreare una realtà forte ed emblematica del periodo in cui i fatti sono ambientati, anche se molti sono gli spunti che spingono il lettore a riflettere sul periodo che noi stiamo vivendo.

    ha scritto il 

  • 2

    Deludente

    Questo romanzo, all'epoca, non fu accettato dall'editore di P.Dick. A rileggerlo oggi vien da chiedersi se c'aveva visto giusto, l'editore, e se oggi viene pubblicato sulla scia del successo dell'autore in questione. Un romanzo lento, dove per la metà del tempo non succede praticamente nulla. Amo ...continua

    Questo romanzo, all'epoca, non fu accettato dall'editore di P.Dick. A rileggerlo oggi vien da chiedersi se c'aveva visto giusto, l'editore, e se oggi viene pubblicato sulla scia del successo dell'autore in questione. Un romanzo lento, dove per la metà del tempo non succede praticamente nulla. Amo molto Dick e acquistai questo romanzo proprio per leggere qualcosa al di fuori del suo "stile". Ma mi ha deluso. Mostra uno spaccato di vita che, al di la dell'interesse verso l'America anni 50, ha poco da dire. Almeno a me. Un susseguirsi di scene e avvenimenti che osserviamo come fossimo davanti a un reality show applicato alla realtà. Se l'idea può essere lungimirante per gli anni in cui è stata scritta, non lo è altrettanto la sua realizzazione, noiosa.

    ha scritto il 

  • 4

    Philip K.Dick- Mary e il gigante-Fanucci
    Fanucci, editore di fantascienza appassionato di Dick offre questa recente traduzione di un'opera prima dell'autore californiano. Non si tratta ancora di un romanzo di S.F.. Scritto a metà degli anni 50 è una realistica e trascinante storia ambientat ...continua

    Philip K.Dick- Mary e il gigante-Fanucci
    Fanucci, editore di fantascienza appassionato di Dick offre questa recente traduzione di un'opera prima dell'autore californiano. Non si tratta ancora di un romanzo di S.F.. Scritto a metà degli anni 50 è una realistica e trascinante storia ambientata in una cittadina di provincia nell'America post bellica. Il realismo crudo e pieno di dettagli si mescola con elementi di ironia e di sarcasmo. Ci fa seguire un percorso di iniziazione di Mary, ragazza in bilico, alla continua ricerca di se stessa. E’ ventenne, una ragazzina per quegli anni. Fugge da, casa per sottrarsi alle smanie e dagli approcci incestuosi del padre alcolista; dalla madre insipiente che mostra di non accorgersene; dal primo impiego del quale insoddisfatta; dai successivi... Cerca o spera di trovare una figura simile di sostegno, che le possa dare quel senso di famiglia che le manca. Non lo trova nel cantante afroamericano immenso e narcisista. Neppure nel "gigante" cinquantottenne, cultore di musica classica che le propone di fargli da commessa nel proprio negozio di dischi in eriga. e da mantenuta. Instabile , fragile e insoddisfatta. La seguiremo nel suo viaggio tra un alloggio provvisorio e l'altro; tra un impiego e l'altro; tra un approccio sessuale e l'altro... Fino alla fine; nell'epilogo ci sembra di vederla rasserenata e tranquilla. Potrebbe essere arrivata al capolinea.

    ha scritto il 

  • 0

    Un rarissimo Dick ,a di razza

    Questo libro è una perla rara, trattandosi di un romanzo classico e contemporaneo che muove i passi in un periodo post-bellico, dove i timori divengono ossessioni. In esso si avvertono echi e allusioni a grandi autori, primo fra tutti Hemingway.i personaggi di questo romanzo sentono in modo lanc ...continua

    Questo libro è una perla rara, trattandosi di un romanzo classico e contemporaneo che muove i passi in un periodo post-bellico, dove i timori divengono ossessioni. In esso si avvertono echi e allusioni a grandi autori, primo fra tutti Hemingway.i personaggi di questo romanzo sentono in modo lancinante la propria solitudine, il proprio isolamento. La protagonista non può quindi fuggire dal suo ruolo, dal suo distaccamento dalla realtà, che assume tratti schizofrenici, visionari, metareali, tipici marchi di fabbrica della poetica dickiana.

    ha scritto il 

  • 4

    Dick è una garanzia

    Sinceramente non avevo grandi aspettative per questo libro: non solo si trattava di affrontare un Dick insolito (i suoi lavori non-fantascientifici mi erano ancora ignoti), ma oltretutto "Mary e il Gigante" è uno scritto che venne scartato dall'editore.
    Insomma, ammetto di averlo approcci ...continua

    Sinceramente non avevo grandi aspettative per questo libro: non solo si trattava di affrontare un Dick insolito (i suoi lavori non-fantascientifici mi erano ancora ignoti), ma oltretutto "Mary e il Gigante" è uno scritto che venne scartato dall'editore.
    Insomma, ammetto di averlo approcciato con una diffidenza che si riserva agli esperimenti malriusciti; invece, in modo del tutto inaspetttato, mi ha conquistato da subito ed è persino riuscito a sorprendermi.
    Nel corso dell'opera, Dick dipinge con efficacia la sonnolenta vita di provincia dell'America anni '50, tra le sue contraddizioni e i lati oscuri del privato dietro una facciata di apparente normalità (tematica cara a un altro figlio di quell'epoca, David Lynch, vedi Velluto Blu e Twin Peaks), tratteggiando le figure di un gruppo di outsider "integrati" (Mary per prima), che hanno trovato una collocazione sociale in una realtà a cui però non sentono di appartenere completamente.
    Mi ha colpito il finale (che ovviamente non riporto) apparentemente lieto, ma che invece lascia trasparire una grande amarezza di fondo, e può essere letto come una disillusa rassegnazione alle regole di una società che tende ad uniformare, appiattire e a livellare, proponendo modelli di felicità standard per chi ormai ha rinunciato a sognare.
    Bello e interessante.

    ha scritto il