Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Maurizio Ferraris racconta Socrate, Platone, Aristotele e la Scuola di Atene

Capire la filosofia - La filosofia raccontata dai filosofi, 2

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso (La Biblioteca di Repubblica)

3.7
(72)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 93 | Formato: Paperback

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Philosophy

Ti piace Maurizio Ferraris racconta Socrate, Platone, Aristotele e la Scuola di Atene?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Socrate aveva svalutato i fenomeni naturali privilegiando l'interiorità. Platone aveva detto che quello che si presenta alla nostra esperienza è essenzialmente apparenza [...]. Aristotele, al contrario, ci dice che le cose per apparire hanno [...] una loro necessità interna.
I filosofi si possono dividere in due grandi famiglie: coloro i quali ritengono che le apparenze sono tutte da condannare perché ingannano e l'essenza sta da un'altra parte, e coloro i quali ci dicono che se le apparenze appaiono in quella maniera è perché c'è un motivo e quindi bisogna innanzitutto dare ragione alle apparenze.
Ordina per
  • 5

    le 5 stelle

    mi ha fatto sprofondare negli abissi dei miei anni al liceo...
    "sprofondare"? "abissi"? beh insomma, mi è piaciuto ricordare certi temi abbandonati.

    ha scritto il 

  • 4

    Collana di splendidi "bignamini"


    "Aristotele, il maestro di color che sanno" (Dante Alighieri)


    "Per me, era meglio restare cosi' come ero, ne' sapiente della loro sapienza ne' ignorante della loro ignoranza, piuttosto che avere l'una e l'altra come loro" (Apologia di Socrate (Platon ...continua

    Collana di splendidi "bignamini"

    "Aristotele, il maestro di color che sanno" (Dante Alighieri)

    "Per me, era meglio restare cosi' come ero, ne' sapiente della loro sapienza ne' ignorante della loro ignoranza, piuttosto che avere l'una e l'altra come loro" (Apologia di Socrate (Platone) ).

    ha scritto il 

  • 4

    Stringi stringi, uno badava all'essenza, l'altro ai modelli e l'Aristotele si occupava di tutto, natura e metafisica; il Socrate discuteva per strada, il suo allievo ha messo su l'Accademia e il terzo il Liceo; ma se il primo stava con Santippe e Pizia si dedicava allo stagirita, quale idea potev ...continua

    Stringi stringi, uno badava all'essenza, l'altro ai modelli e l'Aristotele si occupava di tutto, natura e metafisica; il Socrate discuteva per strada, il suo allievo ha messo su l'Accademia e il terzo il Liceo; ma se il primo stava con Santippe e Pizia si dedicava allo stagirita, quale idea poteva avere dell'amore Platone?

    ha scritto il 

  • 4

    Sono proprio deliziosi questi libretti (parlo dei primi due della serie). Sono nello stesso tempo dei bigini, delle letture rilassanti e dei garbati inviti a riprendere in mano libri abbandonati da anni sui ripiani della libreria...

    ha scritto il