Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Maus

zgodba o preživetju

By

4.6
(4712)

Language:Slovenščina | Number of Pages: | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Spanish , Catalan , French , Italian , Dutch

Isbn-10: 9616500155 | Isbn-13: 9789616500159 | Publish date: 

Category: Biography , Comics & Graphic Novels , History

Do you like Maus ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 4

    Originale.

    È difficile recensire questo fumetto, nulla si può dire riguardo l'orrore che vi è raccontato all'interno. Lo stile del disegno è essenziale ma significativo, la scelta di rappresentare i personaggi come animali è simbolica ed azzeccata. Ho apprezzato, tra l'altro, moltissimo gli spaccati sulla v ...continue

    È difficile recensire questo fumetto, nulla si può dire riguardo l'orrore che vi è raccontato all'interno. Lo stile del disegno è essenziale ma significativo, la scelta di rappresentare i personaggi come animali è simbolica ed azzeccata. Ho apprezzato, tra l'altro, moltissimo gli spaccati sulla vita dopo il campo e sul difficile rapporto padre-figlio, proprio per sottolineare che la follia nazista continua ad avere conseguenze tuttora, su sopravvissuti che sarebbe meglio chiamare mutilati, per la ferita non rimarginabile che portano. Una pecca, a mio parere, è quella d'aver finito il volume senza raccontare la vita ad Auschwitz, è pur vero che ve n'é un altro tutto dedicato a questo, ma io non lo sapevo e sono rimasta male per questo finale tagliato così grossolanamente.

    said on 

  • 4

    Anche per chi detesta i fumetti!!!

    Vladek è ormai un uomo anziano, ma si porta in spalla il peso di una vita dura, faticosa, ma anche felice. È polacco, ha vissuto entrambe le guerre mondiali ed è stato deportato ad Auschwitz. È ancora vivo. Quale miglior modo di trasmettere le sue memorie se non in un’intervista di più di 20 ore ...continue

    Vladek è ormai un uomo anziano, ma si porta in spalla il peso di una vita dura, faticosa, ma anche felice. È polacco, ha vissuto entrambe le guerre mondiali ed è stato deportato ad Auschwitz. È ancora vivo. Quale miglior modo di trasmettere le sue memorie se non in un’intervista di più di 20 ore rilasciata proprio a suo figlio Artie?
    Il fumetto racconta in modo alternato la storia del suo rapporto col figlio e la storia di Vladek negli anni del nazismo.
    Le vicende sono straordinarie e attraversano ogni singolo riflesso del carattere del protagonista e dei personaggi secondari.

    Avreste mai pensato di raccontare la storia della Shoah in un modo così infantile, divertente e appassionante come un fumetto? Io no e sono rimasta sorpresa ed entusiasta leggendo questo libro, un’opera che dimostra ancora una volta che i fumetti, i “comics” e le “bande dessinée”, chiamati con nomi giocosi in tutto il mondo, sono un genere serio ed efficace per trasmettere un messaggio nel mondo dell’editoria tanto quanto un tomo scritto in carattere 9.
    Non sono un’appassionata di fumetti, tuttavia ho dovuto rivalutare positivamente il loro potere comunicativo. Il modo in cui è scritto e disegnato questo libro è opera di un vero artista: Art Spiegelman si affermò come uno dei più grandi fumettisti al mondo dopo aver scritto “Maus”, nient’altro che la storia di suo padre. Il fumetto è senz’altro rivolto anche a coloro che non amano questo genere, infatti le parole abbondano e le raffigurazioni si limitano ad accompagnare il testo e renderlo un fumetto.
    Non posso che consigliare questa straordinaria storia illustrata a tutti voi, grandi e piccoli, uomini e donne, amanti dei fumetti e non. Buona lettura!

    said on 

  • 5

    Consigliato a tutti

    Definirei questo libro un capolavoro. Non amo molto i fumetti ma questo è uno dei libri più riusciti sul Olocausto e non solo. C'è ironia, spiega il senso di colpa del sopravvissuto ma anche il valore dell'amicizia, degli affetti. Forse è stato pensato anche per i ragazzi, lo farei leggere a tutt ...continue

    Definirei questo libro un capolavoro. Non amo molto i fumetti ma questo è uno dei libri più riusciti sul Olocausto e non solo. C'è ironia, spiega il senso di colpa del sopravvissuto ma anche il valore dell'amicizia, degli affetti. Forse è stato pensato anche per i ragazzi, lo farei leggere a tutti i ragazzi. E' un bel modo di affrontare quel nefasto periodo.

    said on 

  • 5

    Evviva il fumetto.

    Invito a leggere questo capolavoro a chi non crede che i fumetti siano in grado di trasmettere le stesse emozioni che proviamo quando leggiamo un libro.
    Ovviamente lo consiglio anche a chi, come me, ama i fumetti.

    said on 

Sorting by
Sorting by