Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Maus

I Classici del fumetto di Repubblica n. 49

By Art Spiegelman

(671)

| Paperback

Like Maus ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Maus di Art Spiegelman è un doppio racconto. C'è la storia di una delle più grandi tragedie dell'umanità, l'Olocausto, vista con la lente deformante di una satira che mostra gli ebrei come topi, i tedeschi nei panni di gatti crudeli e i polacchi come Continue

Maus di Art Spiegelman è un doppio racconto. C'è la storia di una delle più grandi tragedie dell'umanità, l'Olocausto, vista con la lente deformante di una satira che mostra gli ebrei come topi, i tedeschi nei panni di gatti crudeli e i polacchi come maiali. Ci sono la persecuzione e la morte, che con cadenza regolare sconvolgono l'esistenza di un intero popolo. E poi c'è la storia di un rapporto familiare appassionato e tormentato, ovvero quello fra lo stesso autore e il padre Vladek, voce narrante del libro e memoria storica di tutte le atrocità vissute negli anni Quaranta. Maus non è solo uno dei capolavori assoluti dell'arte sequenziale, ma anche uno dei patrimoni della narrativa novecentesca, il libro che ha ridato centralità al dibattito attorno a questo particolarissimo tipo di linguaggio fatto di parole e immagini: il fumetto.

27 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un capolavoro a fumetti per raccontare l'olocausto

    Gli ebrei sono topi e i nazisti gatti. I polacchi maiali, i francesi rane e gli americani cani. E, anche nei fumetti, i cani fanno scappare i gatti.
    Non stiamo parlando de “La fattoria degli animali” ma di Maus, di Art Spiegelman, il capolavoro a fu ...(continue)

    Gli ebrei sono topi e i nazisti gatti. I polacchi maiali, i francesi rane e gli americani cani. E, anche nei fumetti, i cani fanno scappare i gatti.
    Non stiamo parlando de “La fattoria degli animali” ma di Maus, di Art Spiegelman, il capolavoro a fumetti che racconta l’olocausto. Art Spiegelman ha impiegato 13 anni per disegnare i due capitoli (Mio padre sanguina storia, E qui sono cominciati i miei guai) che compongono il libro, pubblicato in due puntate tra il 1986 e il 1991. Anni di chiacchierate con suo padre, Vladek Spiegelman, ebreo polacco, sopravvissuto ai campi di sterminio e indomito protagonista di Maus.
    “Racconto di un sopravvissuto” è il sottotitolo, ed il senso di colpa per essere sopravvissuti è il centro segreto delle tavole. La storia ci riporta dagli Stati Uniti dei nostri giorni alla Polonia degli anni 30, dove i genitori di Art si sono appena innamorati. E dove Hitler sta per organizzare la più potente catena di distruzione di massa che sia mai stata concepita. Vlad Spiegelman è sopravvissuto ad Auschwitz tanto da poter raccontare la propria vicenda a suo figlio, fumettista, decenni dopo. Ma la sua storia è un’eccezione.
    Di Maus, oltre alla bellezza delle tavole, resta un senso di familiarità con la shoa. E’ la grande storia dal punto di vista della piccola gente, dove sono i dettagli che contano. Quando è larga l’intercapedine del salotto, quanto sono solide le scarpe ad Auschwitz, quanto ci si può fidare dei propri vicini. Il tutto raccontato in modo intelligente e mai pietistico, ironico e sconvolgente. Un fumetto che parla di cose serie meglio dei libri di storia.
    Nel 1992 Maus ha vinto lo Special Award del Premio Pulitzer. Il New York Times l’ha definito “un’epopea narrata a disegni minuscoli” e Umberto Eco ha scritto che “quando il libro è finito, si attende il seguito con la disperata nostalgia di essere stati esclusi da un universo magico”.

    Is this helpful?

    Margherita Amore said on May 8, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo è un capolavoro

    La tensione narrativa non cala un attimo e non ci si accorge nemmeno più che i personaggi sono disegnati con il muso di animali tanto sono persone vive e reali che saltano fuori dalla pagina: topi gli ebrei, gatti i tedeschi, maiali i polacchi.
    In qu ...(continue)

    La tensione narrativa non cala un attimo e non ci si accorge nemmeno più che i personaggi sono disegnati con il muso di animali tanto sono persone vive e reali che saltano fuori dalla pagina: topi gli ebrei, gatti i tedeschi, maiali i polacchi.
    In questo lungo racconto della tragedia degli ebrei polacchi non c'è pietismo, nè ci sono protagonisti simpatici o accattivanti, come se la malvagità di quel tempo avesse contaminato ciascuno di loro.
    La narrazione è in due tempi distinti: l'oggi, dove il padre ormai vecchio racconta al figlio la propria storia, e ieri, il tempo della Polonia degli anni '30, poi della deportazione e della tragedia.
    Il padre ci viene presentato come molti vecchi: è squallidamente tirchio,non si cura di comprendere il figlio, è egoista e decisamente poco simpatico, vive in Florida con ogni agio e tortura la seconda moglie che accusa di essere avida. E' a questo vecchio che il figlio chiede di raccontare la propria storia di deportazione, resa ancora più cupa dal suicidio della prima moglie nel 1968, quando erano da tempo in America, di nuovo ricchi e con l'incubo del nazismo ormai lontano.
    E mentre il vecchio racconta dipingendo un uomo giovane, ricco commerciante nella Polonia degli anni '30, duro, ambizioso e intraprendente, noi riscopriamo la terribile storia degli ebrei polacchi, ben resa da un segno grafico cupo.
    Al racconto di Auschwitz si alterna la vita nell'America contemporanea, dove il vecchio delira sempre di più a mano a mano che le sue malattie si aggravano, rendendo sempre piu' difficile al figlio l'assistenza, e al lettore il trovarlo simpatico, anche se lo si vorrebbe, leggendo le terribili esperienze che ha vissuto. Ma il genocidio non significa che le vittime siano tutte gradevoli e angelicate...
    L'ultima tavola ci mostra la sua tomba, dove è sepolto accanto alla prima moglie suicida; e ci rendiamo conto che l'inspiegabilità di quel suicidio é il simbolo dell'impossibilità di vivere da superstite o, almeno, di vivere serenamente ricordando quelle vite scomparse senza motivo.

    Is this helpful?

    mafalda0250 said on Dec 28, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un fumetto che è un capolavoro. Un fumetto di denuncia, ma che si legge facilmente. affascinante, vero, leggero, profondo. Da leggere.

    Is this helpful?

    Questor said on Apr 7, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    In realtà mi aspettavo di più. Viene osannato come un capolavoro fumettistico. Fuor di dubbio che è una bella opera, in cui spiega in maniera chiara e dalla parte di un ebreo tutto quello che il popolo ebreo ha vissuto durante gli anni della seconda ...(continue)

    In realtà mi aspettavo di più. Viene osannato come un capolavoro fumettistico. Fuor di dubbio che è una bella opera, in cui spiega in maniera chiara e dalla parte di un ebreo tutto quello che il popolo ebreo ha vissuto durante gli anni della seconda guerra mondiale e prima. Ben strutturato e mi piace soprattutto il fatto che non si sofferma molto su quello che è avvenuto "politicamente", ma pone l'attenzione a come la gente vedeva le "piccole" modifiche e le nuove leggi che venivano approvate. Da leggere

    Is this helpful?

    Antonio Piccinno said on Apr 4, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (671)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Paperback 175 Pages
  • ISBN-10: A000016597
  • Publisher: Gruppo Editoriale L'Espresso
  • Publish date: 2004-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback
Improve_data of this book