Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Maxi Dylan Dog n. 11

L'eclissi - Blackout - Gli "Untori"

Di ,,,,

Editore: Sergio Bonelli Editore

3.9
(27)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 292 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000123089 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustrazione di copertina: Angelo Stano

Genere: Comics & Graphic Novels , Horror , Mystery & Thrillers

Ti piace Maxi Dylan Dog n. 11?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
L’Eclissi

Un innocuo Bed and Breakfast diventa teatro di un week-end di terrore per Dylan Dog e Raquel, la bella fidanzata di turno. Qui li attende infatti l’accoglienza, tutt’altro che amichevole, dei Forrester, cortesi ospiti di giorno, maniaci assassini di notte… con, in più, un inquietante segreto!

Blackout

Una misteriosa epidemia di cecità getta gli abitanti di Londra nel caos e nell’anarchia. Mentre l’esercito e le autorità lottano per arginare il contagio, che rischia di sprofondare il mondo in un’epoca buia, il nostro Old Boy, stranamente immune, si adopera per scoprire l’origine del male.

Gli "Untori"

Esiste la “Sfortuna”? Sì, almeno secondo gli abitanti del piccolo paesino di Eversham, che ritengono responsabili di tutte le loro disgrazie i Silver, una famiglia di presunti iettatori. L’Indagatore dell’Incubo dovrà sconfiggere le radicate superstizioni locali per giungere alla sconvolgente verità.
Ordina per
  • 4

    Non è forse un mondo di caos e sopraffazione quello che state costruendo? Guardati intorno, Dylan Dog...

    Edificate città sempre più invivibili, in cui nessuna persona sana di mente vorrebbe abitare; vi riempite di veleni, come se non vi bastasse inquinare l'aria che respirate e il cibo che mangiate; praticate la violenza come divertimento e come strumento di profitto; scegliete come governanti i ...continua

    Edificate città sempre più invivibili, in cui nessuna persona sana di mente vorrebbe abitare; vi riempite di veleni, come se non vi bastasse inquinare l'aria che respirate e il cibo che mangiate; praticate la violenza come divertimento e come strumento di profitto; scegliete come governanti i più corrotti tra voi, e mentre intorno tutto va in malora, vi nascondete dietro mille giustificazioni: il dovere, il quieto vivere, la vostra inadeguatezza... Il bello è che ne siete perfettamente coscienti, sapete cosa vi attende dietro l'angolo, eppure continuate a vivere le vostre giornate come se niente fosse, illudendovi assurdamente che certi disastri non si verificheranno mai, o che in ogni caso a voi non succederà nulla. Siete come i passeggeri di un aereo che sta precipitando, stupidamente occupati a contendersi i salatini dell'aperitivo, o a sorseggiare compiaciuti lo champagne che offrono in prima classe. La verità è semplice, Dylan... voi non volete vedere, e io ho esaudito il vostro desiderio. [...]
    A presto, Dylan... alla prossima epidemia, inondazione o guerra... è solo questione di tempo.

    ha scritto il 

  • 4

    Premesso che è difficile giudicare un albo contenente tre storie e premesso il fatto che non ho mai amato molto Montanari e Grassani come disegnatori, consegno tre stellette (risicate) per questo albo e quasi tutte per merito della prima storia che, anche se ha un sapore di "roba gia vista e lett ...continua

    Premesso che è difficile giudicare un albo contenente tre storie e premesso il fatto che non ho mai amato molto Montanari e Grassani come disegnatori, consegno tre stellette (risicate) per questo albo e quasi tutte per merito della prima storia che, anche se ha un sapore di "roba gia vista e letta", mi è parsa ben scritta.

    ha scritto il 

  • 3

    Prima storia veramente pessima, con dialoghi ai limiti del farsesco; terza senza infamia e senza lode, specie se confrontata con l'attuale livello delle storie di DD. Nel mezzo c'è però Blackout, che in qualche pagina riesce a conquistare davvero: non fosse una scopiazzatura di Saramago, il giudi ...continua

    Prima storia veramente pessima, con dialoghi ai limiti del farsesco; terza senza infamia e senza lode, specie se confrontata con l'attuale livello delle storie di DD. Nel mezzo c'è però Blackout, che in qualche pagina riesce a conquistare davvero: non fosse una scopiazzatura di Saramago, il giudizio sarebbe alquanto lusinghiero.
    Ah: disegni, come sempre, al limite del guardabile.

    ha scritto il