Ha scritto il 23/03/17
Christa Wolf ritorna a parlarci di mitologia greca. Dopo il lavoro magistrale della Cassandra è il turno di un altro personaggio femminile: Medea.In questo romanzo corale la scrittrice ci dà l'opportunità di rivalutare la figura di questa donna, ...Continua
Ha scritto il 29/01/17
La Wolf dopo Cassandra (splendido) riscopre un altro personaggio femminile del mito, la terribile Medea, che folle di gelosia uccide i propri figli per vendicarsi del marito Giasone. Ma questa, come quasi sempre accade, è una storia raccontata da ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 11/12/16
Scavando nelle origini del mito, Christa Wolf riscrive la vicenda di Medea. Non più donna tradita desiderosa di vendetta, assassina e infanticida, ma esule, madre e sacerdotessa di culti antichi, vittima dell'odio della società patriarcale di ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 04/10/16
La struttura, in cui la trama si dispiega poco per volta nel racconto di ciascun personaggio, rende il libro, già ricco e profondo di per sè, ancora più sfaccettato. Attuale ieri, oggi e per sempre. Sì, è il libro perfetto.
  • 6 mi piace
  • 1 commento
Ha scritto il 03/09/16
Medea, donna passionale e romantica, tradita da Giasone che amava e per il quale ha abbandonato la sua famiglia e la patria. Interessante il riferimento al mito antico e non al dramma di Euripide. Intenso e commovente, un libro al femminile. Da ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Mar 24, 2017, 11:01
Medea mi chiamò per nome, come se si accorgesse di me per la prima volta, mi allontanò un poco da sé, [...] e poi disse con grande serietà, quasi solennemente, come se avesse appena preso una decisione: Giasone, io ti mangio il cuore.
Ha scritto il Mar 23, 2017, 07:56
Del resto mi domando se il piacere di distruggere la vita degli altri non dipenda dal fatto che si ricava pochissimo piacere e pochissima gioia dalla propria.
Ha scritto il Mar 23, 2017, 07:55
Cosa so di questa donna, cosa so di ciò in cui crede. Vorrei chiederle se esiste una fede che liberi i credenti dalla paura della morte, che ci ossessiona.
Ha scritto il Mar 23, 2017, 07:54
Imparai che non c’è menzogna troppo grossolana a cui la gente non creda, se essa viene incontro al suo segreto desiderio di crederci.
Ha scritto il Mar 23, 2017, 07:54
Sai che cosa cercano, Medea? mi chiese.Cercano una donna che dica loro che non hanno colpe; che sono gli dei, oggetto casuale di adorazione, a trascinarli nelle loro imprese. Che la scia di sangue che si lasciano dietro fa parte della mascolinità ...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Sep 03, 2016, 17:19
Il mito di Giasone e il vello d'oro.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi