Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Procurar Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Medo e Submissão

Por

Editor: Record

3.9
(3603)

Language:Português | Number of Páginas: 146 | Format: Paperback | Em outros idiomas: (outros idiomas) French , English , Chi traditional , Italian , German , Spanish , Latvian , Dutch , Catalan , Polish

Isbn-10: 8501058408 | Isbn-13: 9788501058409 | Data de publicação: 

Category: Biography , Fiction & Literature , Humor

Do you like Medo e Submissão ?
Junte-se ao aNobii para ver se os seus amigos já o leram, e descubra livros semelhantes!

Registe-se gratuitamente
Descrição do livro
Romance vencedor do Grande Prêmio da Academia Francesa, este livro traz um relato autobiográfico, 'uma história humilhante', segundo a própria autora, que revela sua experiência como estagiária em uma grande empresa japonesa sediada em Tóquio. O romance se passa em 1990, onde a jovem Amélie, aos 22 anos, emprega-se, cheia de entusiasmo, na companhia Yumimoto. Mas logo nos primeiros instantes percebe que não será fácil adaptar-se à cultura de seus empregadores. Dois pequenos detalhes a deixam em situação de extrema inferioridade diante de seus chefes- além de mulher, ela é ocidental. Contratada como intérprete, a jovem encontra dificuldade em compreender os sistemas e a hierarquia japoneses. Como punição, recebe a mais humilhante de todas as tarefas - limpar os banheiros da firma. De forma bem humorada, Amélia faz um balanço de sua experiência, criticando e analisando a postura e os padrões japoneses.
Sorting by
  • 4

    Se bisogna ammirare la donna giapponese è perché non si suicida

    Amélie Nothomb, seguendo il padre ambasciatore, ha viaggiato il mondo fin da piccola. Belga, nata a Kobe, ha vissuto in Giappone, in Cina e in Bangladesh e ha frequentato scuole negli Stati Uniti e in ...continuar

    Amélie Nothomb, seguendo il padre ambasciatore, ha viaggiato il mondo fin da piccola. Belga, nata a Kobe, ha vissuto in Giappone, in Cina e in Bangladesh e ha frequentato scuole negli Stati Uniti e in Europa.

    In questo libro ci racconta un anno della sua esperienza lavorativa presso la grande multinazionale Yumimoto. Per lei riuscire a lavorare per una società giapponese è un sogno, perché immagina di portare il suo contributo a persone motivate, brillanti e capaci. Le cose vanno però un pochino diversamente, perché la sua mancanza di conoscenza degli usi della cultura orientale e delle rigidissime abitudini giapponesi le causano qualche problema. Si attira infatti l'antipatia del suo capo diretto e subisce, da quel momento, ogni sorta di umiliazione. Il suo lavoro passa rapidamente da interprete a ragioniera, ad addetta alle fotocopie, a postina, a portatrice di caffè, a esperta di ochakumi (la cerimonia del tè), ad aggiornatrice di calendari e per finire addetta ai gabinetti.

    “Ricapitoliamo. Da piccola volevo diventare Dio. Molto presto compresi che era chiedere troppo e versai un po’ di acqua benedetta nel mio vino da messa: sarei stata Gesù.Presi rapidamente coscienza del mio eccesso di ambizione e accettai di fare la martire, una volta diventata grande. Adulta, mi decisi a essere meno megalomane e a lavorare come interprete in un’azienda giapponese. Sfortunatamente, era troppo per me e dovetti scendere di un gradino per diventare ragioniera. Ma non c’erano stati freni alla mia folgorante caduta sociale. Mi venne dunque assegnato il posto di nulla facente. Purtroppo – avrei dovuto sospettarlo – era ancora troppo per me. Ottenni così l’incarico estremo: guardiano dei cessi.”

    Ma lei non demorde. Licenziarsi significherebbe un disonore, in una società giapponese. E allora impara a vivere ciò che le accade con ironia, accettando di buon grado tutte le situazioni irreali senza mai arrendersi.

    “Com'era bello vivere senza orgoglio e senza intelligenza. Mi ibernavo”.

    Il libro ci consente di capire meglio la cultura giapponese, così lontana dalla nostra sia in termini lavorativi che di vita e di aspettative. Un paese dove la competizione raggiunge livelli impensabili per noi occidentali. Una società in cui speranze, emozioni e desideri non sono espressi, devono essere tacitati.

    Meravigliosa la parte dove la Nothomb ci racconta quali possono essere le aspettative di una donna giapponese. E' un po' lunga, ma credo sia veramente interessante così com'è, non saprei proprio cosa tagliare:

    "Non che la Giapponese sia una vittima, tutt’altro. Tra le donne del pianeta non è certo la più sfavorita dalla sorte. No, se bisogna ammirare la Giapponese (e bisogna farlo) è perché non si suicida. La cospirazione contro il suo ideale comincia in tenerissima età.

    Le ingessano il cervello: 'Se a venticinque anni non sei ancora sposata, hai di che vergognarti', 'se ridi, non sei fine', 'se il tuo viso esprime un sentimento, sei volgare', 'se menzioni l’esistenza di un pelo sul tuo corpo, sei immonda', 'se un ragazzo ti bacia sulla guancia in pubblico, sei una puttana', 'se mangi con piacere, sei una scrofa', 'se provi piacere a dormire, sei una vacca'. Precetti del genere sarebbero ridicoli se non ti si conficcassero dentro.

    Perché, in fin dei conti, ciò che si trasmette alla Giapponese attraverso questi dogmi insensati è che non bisogna sperare in niente di bello. Non sperare di godere, perché il piacere ti annienterà. Non sperare di innamorarti, perché non vali abbastanza: quelli che ti ameranno lo faranno per i tuoi miraggi, mai per la tua verità. Non sperare che la vita ti porti qualcosa, perché ogni anno che passa ti leverà qualcosa. Non sperare in una cosa semplice come la tranquillità, perché non hai nessuna ragione per startene in pace. Spera di lavorare.Visto il tuo sesso avrai poche possibilità di arrivare in alto, ma spera di servire la tua azienda. Lavorare ti farà guadagnare dei soldi dai quali non trarrai nessuna gioia, ma da cui potrai eventualmente trarre dei vantaggi, per esempio in caso di matrimonio – perché non sarai tanto stupida da supporre che qualcuno possa volerti per il tuo valore intrinseco.

    Non è possibile enumerare tutti i tuoi doveri, perché non esiste attimo della tua vita che non sia dominato da uno di essi. Anche quando sarai chiusa in un bagno per dare umile sollievo alla tua vescica, avrai il dovere di vegliare perché nessuno possa sentire il canto del tuo ruscello: dovrai quindi tirare la catena in continuazione.

    Hai fame? Mangia appena, perché devi restare magra, non per il piacere di vedere la gente girarsi per strada al tuo passaggio (non lo farà nessuno), ma perché è vergognoso avere qualche rotondità.

    Hai il dovere di essere bella. Se ci riesci, la tua bellezza non ti darà voluttà alcuna. Gli unici complimenti che eventualmente riceverai proverranno da occidentali, e sappiamo bene quanto siano privi di gusto. Se ti ammiri allo specchio, fallo per paura e non per piacere: perché la tua bellezza ti porterà solo il terrore di perderla. Se sei una bella ragazza, non varrai granché; se non sei una bella ragazza, varrai meno di niente.

    Hai il dovere di sposarti, preferibilmente prima dei venticinque anni che saranno la tua data di scadenza. Tuo marito non ti darà l’amore, a meno che non sia matto, e non c’è felicità nell’essere amata da un matto. In ogni caso, che ti ami o meno, non lo vedrai mai. Alle due del mattino un uomo esausto e spesso ubriaco tornerà da te e sprofonderà nel letto coniugale dal quale si alzerà alle sei senza averti detto una parola.

    Hai il dovere di avere dei bambini che tratterai come divinità fino a tre anni, età in cui, d’un colpo, li caccerai dal paradiso per arruolarli al servizio militare, che durerà dai tre ai diciott’anni e poi dai venticinque fino alla morte.

    Trovi orribile tutto questo? Non sei la prima a pensarlo. Le tue simili lo pensano dal 1960. Come vedi, non è servito a niente. Molte di loro si sono ribellate e anche tu forse ti ribellerai nel solo periodo libero della tua vita, tra i diciotto e i venticinque anni. Ma a venticinque anni ti accorgerai all’improvviso di non essere sposata e proverai vergogna. Abbandonerai l’abbigliamento eccentrico per un tailleur sobrio, calze bianche e scarpe ridicole, sottoporrai la tua splendida capigliatura liscia a una messa in piega desolante e ti sentirai sollevata se qualcuno – marito o datore di lavoro – ti vorrà.

    Nel caso molto improbabile che tu faccia un matrimonio d’amore, sarai ancora più infelice perché vedrai tuo marito soffrire. Meglio non amarlo: così riuscirai a rimanere indifferente di fronte al naufragio dei suoi ideali, visto che lui, tuo marito, ne ha ancora. Gli hanno fatto sperare, per esempio, nell’amore di una donna. Si accorgerà presto invece che tu non lo ami. Come potresti amare qualcuno con quell’ingessatura che paralizza il cuore? Ti hanno imposto troppi calcoli perché tu possa amare. Se ami qualcuno è perché non ti hanno educata bene. I primi giorni di nozze, simulerai ogni genere di cose. Bisogna riconoscere che nessuna donna ha il tuo talento per la simulazione.

    E se in via del tutto eccezionale il tuo destino sfuggirà a una di queste regole, soprattutto non dedurne che hai trionfato: puoi dedurne casomai che ti sbagli. Non gioire dell’istante: lascia questo errore di calcolo agli occidentali. L’istante non è niente, la tua vita non è niente. Nessun tempo al di sotto dei diecimila anni conta qualcosa.

    Se può consolarti, nessuno ti considera meno intelligente di un uomo. Sei brillante, la cosa è sotto gli occhi di tutti, anche di quelli che ti trattano tanto bassamente. A pensarci bene, però, è davvero una consolazione? Almeno, se ti ritenessero inferiore, il tuo inferno avrebbe una spiegazione, e potresti uscirne dimostrando, in conformità con i precetti della logica, l’eccellenza del tuo cervello. E invece no: ti sanno uguale, se non superiore. E dunque la tua geenna è assurda, il che vuol dire che non esiste via di fuga.

    Invece ce n’è una. Hai il diritto di suicidarti. In Giappone è un atto molto onorevole. Non pensare però che l’aldilà sia uno di quei paradisi giocondi descritti da quei simpaticoni degli occidentali. Dall’altra parte non c’è niente di straordinario. In compenso, pensa alla cosa più importante: la tua reputazione postuma. Se ti suicidi, sarà splendente e sarà l’orgoglio dei tuoi parenti. Avrai un posto di riguardo nella tomba di famiglia: è la speranza più grande che un essere umano possa nutrire.

    Certo, puoi anche non suicidarti. Ma allora, prima o poi, non reggerai e in un modo o nell’altro cadrai nel disonore: ti troverai un’amante, o ti metterai a mangiare, o diventerai pigra – tutto può accadere. La voluttà si deve evitare perché favorisce la traspirazione. Non c’è niente di più vergognoso del sudore. Se mangi a quattro palmenti un bel piatto di fettuccine, se ti abbandoni alla rabbia del sesso, se passi l’inverno a dormicchiare vicino al camino, suderai. E nessuno avrà più dubbi sulla tua volgarità.

    Tra il suicidio e la traspirazione non esitare. Versare il proprio sangue è ammirevole quanto è immondo versare il proprio sudore. Se ti dai la morte, non suderai mai più e la tua angoscia sarà finita per sempre."

    Un libro breve, ma molto molto interessante. Complimenti alla Nothomb: col mio carattere nei suoi panni non avrei retto 5 minuti...

    dito em 

  • 3

    Brillante racconto sulle conseguenze, spinte quasi all'inverosimile, delle politiche rigidamente gerarchizzate su una dipendente di una grossa azienda giapponese.

    dito em 

  • 3

    Meglio altri libri

    Fortunatamente, ho letto molti altri libri della cara Nothomb.
    Questo, finora, è il più scarso, forse anche perché autobiografico.
    Oddio, magari autobiografico no, ma la protagonista è proprio Amélie- ...continuar

    Fortunatamente, ho letto molti altri libri della cara Nothomb.
    Questo, finora, è il più scarso, forse anche perché autobiografico.
    Oddio, magari autobiografico no, ma la protagonista è proprio Amélie-San: 12 mesi di angherie, mortificazioni e mea culpa, passati in un'azienda giapponese poco credibile o, quanto meno, distante anni luce dalla concezione occidentale.
    Evidentemente l'onore giapponese fa sì che non esistano lo stalking a lavoro o la clausola che se uno viene assunto per fare la segretaria non può pulire i cessi.
    Consiglio altre sue opere, per quanto non mi senta di bocciare Stupore e tremori.

    dito em 

  • 4

    I sistemi più autoritari provocano, nei paesi in cui vengono applicati, allucinanti casi di devianza – e, per la stessa ragione, inducono a una relativa tolleranza rispetto alle stranezze umane più st ...continuar

    I sistemi più autoritari provocano, nei paesi in cui vengono applicati, allucinanti casi di devianza – e, per la stessa ragione, inducono a una relativa tolleranza rispetto alle stranezze umane più strabilianti. Non si può avere idea di cosa sia un individuo eccentrico se non si è mai incontrato un eccentrico giapponese. Avevo dormito sotto la spazzatura? Beh, se ne erano visti altri.

    dito em 

  • 3

    L’autrice è figlia di un diplomatico belga ed è nata nel 1967 a Kobe, in Giappone, dove ha trascorso i primi anni di vita. Di quest’esperienza, oltre ad un’ottima conoscenza della lingua, conserverà u ...continuar

    L’autrice è figlia di un diplomatico belga ed è nata nel 1967 a Kobe, in Giappone, dove ha trascorso i primi anni di vita. Di quest’esperienza, oltre ad un’ottima conoscenza della lingua, conserverà un meraviglioso ricordo, che la spingerà a ritornare nel paese del sol levante da adulta.
    Il libro è appunto il racconto dell’anno di lavoro in una grande impresa giapponese, quando aveva 21 anni. La rigidissima gerarchia, e l’ostilità verso gli occidentali vengono descritte con incontenibile ironia.
    ....si segue la protagonista di mansione in mansione, constatando il suo perenne entusiasmo e le assurde pretese dei i numerosi superiori, che immancabilmente rilevano continue imperfezioni o infrazioni dell’etichetta. La lettera non è scritta in modo adeguato, le fotocopie non sono centrate, il modo di servire il the imbarazza gli ospiti perché Amelie conosce troppo bene il giapponese, il modo di aggiornare i calendari è troppo allegro e quindi fonte di distrazione, i calcoli non sono esatti e, infine, la sostituzione della carta igienica nei bagni maschili costituisce fonte di grande imbarazzo per i frequentatori.
    Nonostante l’impegno e la dedizione, Amelie comprende di non potersi veramente inserire nel lavoro, nelle logiche dell’azienda, né nei rapporti tra colleghi: per esserne veramente parte bisognerebbe possedere la capacità di assoluta sottomissione ai superiori e al lavoro.

    dito em 

  • 3

    Da leggere anche in un pomeriggio

    Romanzo breve che si lascia tranquillamente leggere anche in un pomeriggio.
    Ho adorato l'umorismo cinico e la descrizione della vita nel suo essere assurda. Una Amelie come modello di fermezza, un ese ...continuar

    Romanzo breve che si lascia tranquillamente leggere anche in un pomeriggio.
    Ho adorato l'umorismo cinico e la descrizione della vita nel suo essere assurda. Una Amelie come modello di fermezza, un esempio di calma assoluta e controllo, una vera e propria dimostrazione di come a volte sia necessario relativizzare, come dice Nothomb "restare è un atto coraggioso e di resistenza al tempo stesso disinteressato e sublime".

    dito em 

  • 4

    come ci vedono...

    avevo sempre snobbato la Nothomb, il suo Metafisica dei tubi, non mi aveva molto convinto. questo, invece, è molto divertente. lei alle prese col mondo del lavoro del sol levante, assunta non si sa be ...continuar

    avevo sempre snobbato la Nothomb, il suo Metafisica dei tubi, non mi aveva molto convinto. questo, invece, è molto divertente. lei alle prese col mondo del lavoro del sol levante, assunta non si sa bene in quale mansione e degradata a signora che si occupa dei bagni.
    tra odio e amore, merita una lettura (un libro da spiaggia, tra un bagno e l'altro)

    dito em 

  • 3

    "sanza 'nfamia e sanza lodo"

    Il titolo del libro non si riferisce agli effetti sul lettore, che sia chiaro! Tutto sommato si lascia leggere, scorre bene senza grandi fatiche. Ma non si può dire di più. Un po' come per gli ignavi ...continuar

    Il titolo del libro non si riferisce agli effetti sul lettore, che sia chiaro! Tutto sommato si lascia leggere, scorre bene senza grandi fatiche. Ma non si può dire di più. Un po' come per gli ignavi dell'inferno dantesco "sanza 'nfamia e sanza lodo", non meritevoli di stare all'inferno ma nemmeno in paradiso.

    dito em 

  • 4

    Uno sguardo ironico e spietato sulla società nipponica, sulle gerarchie e gli "stupori e tremori" su cui si basa il mondo del lavoro, sulla condizione della donna nel Sol Levante, a cui ingessano il c ...continuar

    Uno sguardo ironico e spietato sulla società nipponica, sulle gerarchie e gli "stupori e tremori" su cui si basa il mondo del lavoro, sulla condizione della donna nel Sol Levante, a cui ingessano il cervello e il cuore. Noi occidentali appariamo deboli ai loro occhi, sogniamo e sudiamo, attaccati a una finestra dalla quale immaginiamo di volare. Loro producono e non si permettono di concedersi la minima libertà o fantasia. E quando volano, lo fanno per davvero. Sebbene il racconto sia un po' datato, ambientato negli anni '90, l'immagine del Giappone che ne scaturisce mantiene la sua autenticità e attualità. E all'occidentale che tenta l'integrazione non spetta che il fallimento, in un contrasto di ideologie e stili di vita a cui, se ci si piega, dimostra tutto il suo carattere paradossale e contraddittorio, e se si decide di resistergli, si rimane semplicemente stupiti e sopraffatti.
    Lo stile della Nothomb è scorrevole, fluido, animato da un'ironia intelligente e caustica e da momenti di studiata e irriverente drammaticità. Leggerò di sicuro altro di suo.

    dito em 

  • 0

    Scalata all'insuccesso di un'europea(per quanto cresciuta in oriente) in Giappone. Dissacrante.
    Il primo libro della Nothomb che leggo, so che ne seguiranno altri.

    dito em 

Sorting by