Memòries d'Adrià

Per

4.3
(8721)

Language: Català | Number of Pàgines: 384 | Format: Others | En altres llengües: (altres llengües) French , English , Spanish , Chi traditional , Italian , German , Japanese , Portuguese , Dutch , Turkish

Isbn-10: 8440692315 | Isbn-13: 9788440692313 | Data publicació: 

També disponible com: Mass Market Paperback

Category: Biography , Fiction & Literature , History

Do you like Memòries d'Adrià ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Registra't gratis
Descripció del llibre
Sorting by
  • 2

    Mea culpa, non sono riuscito ad apprezzare queste Memorie, forse anche perchè le aspettative erano molto elevate. Ho fatto fatica a seguire i pensieri di Adriano, a parte qualche punto qua e là, sopra ...continua

    Mea culpa, non sono riuscito ad apprezzare queste Memorie, forse anche perchè le aspettative erano molto elevate. Ho fatto fatica a seguire i pensieri di Adriano, a parte qualche punto qua e là, soprattutto nell'ultima parte sulla vecchiaia e la malattia, e non mi è piaciuta neanche la prosa della Yourcenar, troppo rarefatta.
    Molto interessanti invece i "Taccuini di appunti". Beninteso, il mio resta un pensiero personale.

    dit a 

  • 5

    Quasi un capolavoro che però non vuole parlare a tutti

    Bello Bellissimo quasi un capolavoro. Ma non vuole parlare a tutti è un lavoro di una vita svolto in uno stile molto aulico. Riflessioni molto profonde sull'umanità del personaggio. Documentazioni mol ...continua

    Bello Bellissimo quasi un capolavoro. Ma non vuole parlare a tutti è un lavoro di una vita svolto in uno stile molto aulico. Riflessioni molto profonde sull'umanità del personaggio. Documentazioni molto approfondite precedono la scrittura.

    dit a 

  • 5

    "Il vero luogo natio è quello dove per la prima volta si è posato uno sguardo consapevole su se stessi: la mia prima patria sono stati i libri."
    "Chi ama il bello finisce per trovarne ovunque."
    "Mi sa ...continua

    "Il vero luogo natio è quello dove per la prima volta si è posato uno sguardo consapevole su se stessi: la mia prima patria sono stati i libri."
    "Chi ama il bello finisce per trovarne ovunque."
    "Mi sarebbe piaciuta la professione medica. [..] Mi appassionai a questa scienza, troppo vicina a noi per non essere incerta, esposta a entusiasmi e a errori, ma modificata senza posa dal contatto con l'immediato e con la nuda realtà."
    "E in questo modo, con un misto di riserva e di audacia, di sottomissione e di rivolta ben concertate, di esigenze estreme e di concessioni prudenti, ho finito per accettare me stesso."

    dit a 

  • 4

    Un romanzo altamente introspettivo, dove le vicende storiche fanno solo da cornice a sentimenti e sensazioni che vengono descritti dall'autrice con una capacità esemplare e una delicatezza straordinar ...continua

    Un romanzo altamente introspettivo, dove le vicende storiche fanno solo da cornice a sentimenti e sensazioni che vengono descritti dall'autrice con una capacità esemplare e una delicatezza straordinaria. La quinta stellina mancata è dovuta solo al fatto che il romanzo, proprio per queste sue caratteristiche, è a tratti un pò lento e quindi può risultare di non facile lettura. Da annoverare sicuramente tra i più bei classici mai scritti nella storia della letteratura

    dit a 

  • 4

    Assaggi da Marguerite Yourcenar. Five easy pieces + 2 intorno a “Memorie di Adriano”

    “Questo libro è stato concepito, poi scritto, tutto o in parte, sotto diverse forme, tra il 1924 e il 1929, tra i miei venti e venticinque anni. Quei manoscritti sono stati tutti distrutti. Meritavano ...continua

    “Questo libro è stato concepito, poi scritto, tutto o in parte, sotto diverse forme, tra il 1924 e il 1929, tra i miei venti e venticinque anni. Quei manoscritti sono stati tutti distrutti. Meritavano di esserlo.”
    (p. 281)

    “Prendere un’esistenza nota, compiuta, definita — per quanto possano mai esserlo — dalla Storia, in modo da abbracciarne con un solo sguardo l’intera traiettoria; anzi, meglio, cogliere il momento in cui l’uomo che ha vissuto questa esistenza la pesa, la esamina, e, per un istante, è in grado di giudicarla; fare in modo che egli si trovi di fronte alla propria vita nella stessa posizione di noi.”
    (p. 282)

    “Comunque, ero troppo giovane. Ci sono libri che non si dovrebbero osare se non dopo i quarant’anni. Prima di questa età, si rischia di sottovalutare l’esistenza delle grandi frontiere naturali che separano, da persona a persona, da secolo a secolo, l’infinita varietà degli esseri o, al contrario, di attribuire un’importanza eccessiva alle semplici divisioni amministrative, agli uffici di dogana, alle garritte delle sentinelle in armi. Mi ci sono voluti questi anni per calcolare esattamente la distanza tra l’imperatore e me.”
    (pp. 282-83)

    CONTINUA QUI:
    https://correzionedibozze.wordpress.com/2016/01/05/assaggi-da-marguerite-yourcenar-five-easy-pieces-2-intorno-a-memorie-di-adriano/

    dit a 

  • 4

    http://lemieletturecommentate.blogspot.it/2015/12/memorie-di-adriano-seguite-dai-taccuini.html

    Premetto che in realtà non ho letto il libro ma ho ascoltato la versione audio di Ad Alta Voce di Radio Tre supportandomi con l'ebook. Solitamente udire l'audiolibro è la stessa cosa che leggere un ca ...continua

    Premetto che in realtà non ho letto il libro ma ho ascoltato la versione audio di Ad Alta Voce di Radio Tre supportandomi con l'ebook. Solitamente udire l'audiolibro è la stessa cosa che leggere un cartaceo ma in questo caso credo che il tomo sia stato leggermente ridotto, tuttavia, ridotto o no, non cambia la percezione della grandiosità di quest'opera. Purtroppo la mia lettura-ascolto è stata tormentata dall'inserimento di una dose eccessiva di musiche che ho trovato detestabili e che a tratti mi hanno realmente irritato il sistema nervoso, un conto è inserire qualche piccolo intermezzo musicale, un altro è su venti minuti di lettura inserirne dieci di musiche angoscianti... ma passiamo oltre.

    Questo testo è un vero capolavoro letterario, la Yourcenar fa sembrare quasi reale questo memoriale sia per la profonda conoscenza dell'antichità sia per l'esposizione chiara e sontuosa dei concetti. Sicuramente ci sono delle incongruenze o delle affermazioni troppo profetiche perchè possano sembrar pensate realmente in quell'epoca, ma a dire il vero non importa molto e questo avvertire che la storia è stata scritta in epoca moderna non rovina l'effetto veridico e soprattutto non ne inofficia la validità letteraria.

    Sicuramente "Memorie di Adriano" non è una lettura leggera e, nonostante le accuse mosse all'audiolibro ascoltato, credo che se avessi dovuto leggere la versione cartacea la sera prima di dormire forse avrei desistito.
    (continua sul mio blog)

    dit a 

  • 4

    Estenuato ed estenuante Animula vagula blandula, Hospes comesque corporis Quae nunc abibis in loca Pallidula, rigida, nudula, Nec, ut soles, dabis iocos... Piccola anima smarrita e soave, compagna e o ...continua

    Estenuato ed estenuante Animula vagula blandula, Hospes comesque corporis Quae nunc abibis in loca Pallidula, rigida, nudula, Nec, ut soles, dabis iocos... Piccola anima smarrita e soave, compagna e ospite del corpo, ora ti appresti a scendere in luoghi incolori, ardui e spogli, ove non avrai più gli svaghi consueti... -- Publius Aelius Hadrian (Publius Aelius Traianus Hadrianus)

    dit a 

  • 5

    Favoloso! Sembrava fosse l'imperatore in persona a raccontare le sue proprie vicende. Impressionante! Forse, nel mio caso, complice di questo effetto è il fatto che abito molto vicino alla sua Villa… ...continua

    Favoloso! Sembrava fosse l'imperatore in persona a raccontare le sue proprie vicende. Impressionante! Forse, nel mio caso, complice di questo effetto è il fatto che abito molto vicino alla sua Villa…

    dit a 

  • 4

    Un romanzo impegnativo ma indiscutibilmente un capolavoro. La scrittura non è propriamente leggera, richiede una certa concentrazione per non perdere il significato di certi passaggi. Ma il racconto è ...continua

    Un romanzo impegnativo ma indiscutibilmente un capolavoro. La scrittura non è propriamente leggera, richiede una certa concentrazione per non perdere il significato di certi passaggi. Ma il racconto è divino, frutto di interminabili studi da parte della Yourcenar. Nonostante rimanga un romanzo, è scritto in chiave biografica e viene ricostruita la vita e il pensiero di Adriano. Le sue riflessioni, le sue paure, i suoi amori, le sue ideologie e le sue debolezze. Tanto vive quanto attuali. Da leggere.

    dit a 

Sorting by