Memoria delle mie puttane tristi

Voto medio di 5219
| 587 contributi totali di cui 519 recensioni , 67 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
"L'anno dei miei novant'anni decisi di regalarmi una notte di amore folle conun'adolescente vergine." Comincia così il nuovo romanzo di Gabriel GarciaMárquez, il libro con cui il premio Nobel colombiano torna dopo dieci annialla narrativa. A ... Continua
Ha scritto il 16/06/17
Israele e altri luoghi - 16 giu 17
Si legge in un sospiro, rimane però dentro con qualche passaggio indimenticabile, anche se alla fine ha una stentata sufficienza, o come direbbe l’autore, una sufficienza triste. Perché l’impianto generale, ed almeno un passaggio, sono una ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 03/05/17
Un'ultima gioia prima di morire
Dopo aver conosciuto le vicende di Lolita e del suo amante maturo, eccoci davanti ad un'altra vicenda di un uomo attempato sedotto da una minorenne.In questo caso, il protagonista novantenne decide di provare, sentendo la propria fine arrivare, ..." Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il 10/04/17
Rimandato
  • 2 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 05/04/17
Non morire senza aver provato la meraviglia...
Lo stile è inconfondibile, musicale, intriso di realismo magico. La storia si crea e svanisce con la stessa consistenza che hanno i sogni, lasciando il lettore ad interrogarsi su ciò che gli è apparso davanti: è amore? capriccio? un vizio? E' ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 10/03/17
Solo Marquez può parlare della vita sessuale di un novantenne con così tanta maestria, eleganza, intensità, in un romanzo che si evolve come crescita personale, fino alla consapevolezza del primo, grande, vero amore della sua vita. Bello, ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • 1 commento
  • Rispondi

Ha scritto il May 23, 2017, 16:11
Alla fine, con l'Allegretto poco mosso, mi fece rabbrividire la rivelazione raggelante che stavo ascoltando l'ultimo concerto che il destino mi riserbava prima di morire. Non sentii dolore né paura bensì l'emozione devastante di averlo vissuto.
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 26, 2017, 13:02
Se c'è una cosa che detesto in questo mondo sono le feste obbligate in cui la gente piange perché è allegra, i fuochi artificiali, le recite insulse, le ghirlande di carta crespa che non hanno nulla a che vedere con un bambino nato duemila anni ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 26, 2017, 13:00
Il sesso è la consolazione che si ha quando l'amore non basta
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 20, 2015, 13:55
"La fama è una signora molto grassa che non dorme con te ma quando ti svegli è sempre lì a guardarti ai piedi del letto."
Pag. 86
  • Rispondi
Ha scritto il Apr 20, 2015, 13:54
"Il sesso è la consolazione che si ha quando l'amore non basta."
Pag. 88
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Oct 12, 2016, 22:39
http://www.liberolibro.it/memoria-delle-mie-puttane-tristi-di-gabriel-garcia-marquez/
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi