Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Memoriale

Di

Editore: Einaudi Tascabili

3.8
(219)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 234 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806125125 | Isbn-13: 9788806125127 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature , History , Political

Ti piace Memoriale?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Questo è un libro molto difficile da catalogare e anche da commentare. Si parla di letteratura industriale ma io penso che sia solo lo sfondo in cui si dipanano le vicende. Per prima cosa si parte da ...continua

    Questo è un libro molto difficile da catalogare e anche da commentare. Si parla di letteratura industriale ma io penso che sia solo lo sfondo in cui si dipanano le vicende. Per prima cosa si parte da uno stile niente affatto facile o scorrevole, anzi direi che in alcuni punti é persino lirico, soprattutto quando il protagonista, Albino Saluggia, fantastica sulla natura,sul lago, sulle stagioni e, sì, anche sulla fabbrica. Ma tutto la vicenda si dispiega in un drammatico e disperante soliloquio, in cui il protagonista è sopraffatto dalle sue “tare”, dalle sue manie, dai suoi conflitti interiori. La fabbrica è solo un pretesto, come lo è la sua malattia, il pretesto a quella solitudine interiore, preludio dell’incomunicabilità verso i rapporti interpersonali che il suo animo non riesce ad instaurare né nella fabbrica né fuori. Saluggia è completamente refrattario alle ideologie e ai legami seri e durevoli; la sua incrollabile sincerità, la sua mancanza di falsità, il suo perseguire imperterrito nelle proprie paranoie lo portano ad un insanabile conflitto con il mondo intero. Quel mondo intero che egli vivifica nelle macchie immaginarie sul muro cui egli dà quella importanza vitale che è tale solo nella sua immaginazione. Certo la fabbrica è una presenza ambigua e a due facce, lo aiuta e lo respinge, gli fa sperare alcune cose e poi lo fa cadere nella disperazione. Nella fabbrica non c’è quel nido, quella solidarietà, quel calore umano che forse lui si aspettava. Ma come dice bene nel finale, per lui nessuno può venire in aiuto, né uomo né ideologia politica identificabile. C’è solo un gran “male di vivere” che nulla può guarire!!!!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Un uomo solo e disperato con manie di persecuzione che trova nel suo malessere psicofisico una giustificazione al disagio sociale che sente come un enorme peso, tanto da non riuscire a stabilire con n ...continua

    Un uomo solo e disperato con manie di persecuzione che trova nel suo malessere psicofisico una giustificazione al disagio sociale che sente come un enorme peso, tanto da non riuscire a stabilire con nessuno significativi rapporti interpersonali. ‘Mali e maligni’ sono i suoi aguzzini più crudeli da cui egli non può fuggire, perché non sa attribuire realmente al suo corpo ’una perfetta integrità’, non avendone gli strumenti adeguati; si nasconde e vive in campagna, l’unica ‘forte e onesta’, per sfuggire alla città, troppo ‘furba e interessata’, ma è qui che trova lavoro nella fabbrica che, pur immobile, può offrirgli quel tanto di serena compagnia fatta di rumori, di suoni e di ritmi più o meno calibrati, i soli che, comprendendo il suo disagio e la sua inadeguatezza, gli offrono la possibilità di acquisire le ‘abilità’ utili per il suo personale ‘progresso’ verso un riscatto necessario alla sua sopravvivenza dopo i ‘torti’ subiti nelle precedenti esperienze. Il suo migrare dalla Francia all’Italia, dopo un passaggio militare in Germania, può essere considerato quasi un lungo periodo di iniziazione verso una trasmigrazione di tutto il suo essere in identità altre e mai definite; si percepisce bene come sia coinvolto in un dolore che egli vede crescere passivamente intorno a sé e che si rifiuta di combattere perché in esso e da esso si sente salvato, anche se nutre la segreta speranza di liberarsene definitivamente grazie al lavoro, per lui fonte di 'giustizia'. Ma tra il desiderio e la realtà spesso è la certezza degli eventi ad indebolire l’illusoria consapevolezza della parziale fragilità dell’organismo: ”Erano dunque i miei mali di tanti anni che ritornavano. Erano mai cessati?...io potevo vincerli, se li tenevo dentro di me, anche ignorandoli…ma se altri li mettevano fuori di me e contro di me, non avrei più potuto dominarli e batterli.”. Se poi ripensa alle vicende legate alla sua esistenza, si rende conto che il suo tempo non può essere 'fisso', anzi lo percepisce 'ruotante', in quanto risponde ad una legge universale, così non esita a tornare in fabbrica per dimostrare la sua 'adattabilità fisica' più agli altri che a se stesso. In assoluto la sua massima aspirazione è quella di lavorare bene e vivere in pace, senza che nessuno gli imponga soluzioni che possano accentuare la sua condizione di 'malato senza essere malato'. “Dipendere da altri, senza nemmeno conoscerli ed essere confuso tra tutti gli altri” lo infastidisce, come il non godere di libertà e il non avere visibilità possono essere fonte di alienazione; se da una parte c'è la fabbrica e dall'altra il sanatorio, in mezzo esiste la terra che potrebbe salvarlo, se solo trovasse in essa se stesso come, invece, sente avvenire nella fabbrica da cui deriva un senso di oppressione ma anche di liberazione. "Non avevo famiglia...non avevo amici, il paese non contava", l'unica difesa diviene per lui la solitudine, fedele compagna della paranoia, di quella mania di persecuzione che induce all'autodistruzione.

    “Uscii dal sanatorio e giunsi a casa il 6 maggio 1956...Ormai le mie storie erano finite”.

    ha scritto il 

  • 4

    Vincenzina vuol bene alla fabbrica…..

    Un romanzo duro e straziante, una discesa nel buio di una mente sconnessa che lascia lividi e ferite anche nel lettore più tosto.
    La fabbrica, la condizione operaia sono ormai temi svaniti da ogni ori ...continua

    Un romanzo duro e straziante, una discesa nel buio di una mente sconnessa che lascia lividi e ferite anche nel lettore più tosto.
    La fabbrica, la condizione operaia sono ormai temi svaniti da ogni orizzonte culturale, quindi questo grande libro di Volponi vale ancora di più, perché ci mette davanti al problema esistenziale e umano della fabbrica. La fabbrica come luogo inumano, impossibile da vivere anche con le migliori intenzioni e le migliori strutture - forse una velata critica all'utopica azienda di Adriano Olivetti, per la quale Volponi lavorò?
    In ogni caso più che un romanzo sulla condizione operaia, questo è un romanzo sulla condizione umana e sullo iato traumatico tra società contadina e antica e mondo moderno e industriale.

    ha scritto il 

  • 4

    Potrebbe essere la storia di un paranoico qualunque, di quelli legatissimi alla madre e misogini, reduce dalla guerra e incapace di reintegrarsi nella società e invece c'è tutto un ambiente, intorno, ...continua

    Potrebbe essere la storia di un paranoico qualunque, di quelli legatissimi alla madre e misogini, reduce dalla guerra e incapace di reintegrarsi nella società e invece c'è tutto un ambiente, intorno, che amplifica la solitudine, non solo perché l'ambiente di fabbrica sarebbe alienante di per sé, ma proprio perché questa fabbrica ha una parvenza di volto umano. A me ha messo molta tristezza, ora, che gli operai quasi non ci sono più, che quel sogno industriale si è schiantato, leggere di quell'ambiente che sembra così lontano nel tempo. Ma non è una critica a quel mondo, è solo la storia di una lucida ossessione, narrata con toni lirici e accorati

    ha scritto il 

  • 5

    Con rispetto e in punta di piedi.

    “ A quel punto ho capito che nessuno può arrivare in mio aiuto”scrive l’operaio Albino Saluggia nell’ultimo rigo del suo memoriale.
    A quel punto l’impressione di trovarmi di fronte a un capolavoro (so ...continua

    “ A quel punto ho capito che nessuno può arrivare in mio aiuto”scrive l’operaio Albino Saluggia nell’ultimo rigo del suo memoriale.
    A quel punto l’impressione di trovarmi di fronte a un capolavoro (sottovalutato) avuta sin dai primi righi era una certezza assoluta. Che Volponi fosse stato un sinistrorso l’ho saputo (l’ho ricordato) solo dopo aver preso in mano Memoriale, perciò non mi si può imputare la faziosità.
    È certo che durante il tempo della lettura sono stata costantemente sovra-pensiero come se le sensazioni (forti) e la loro elaborazione non avessero la benché minima intenzione di lasciarmi a sfaccendare in pace, con conseguenti frittate bruciacchiate e affannate ricerche degli occhiali casa casa.
    Ho incrociato casualmente Volponi nel 2002, credo in seguito alla recensione sulle pagine culturali del Manifesto per l’uscita dei suoi Romanzi e Prose, nella NUE (meravigliosa collana Einaudi, scomparsa all’arrivo dei nuovi capitani d’industria, perché con la cultura non si mangia). L’ho comprato e messo in lettura e poi abbandonato e infine dimenticato. Erano anni in cui, il mio essere una fetta di prosciutto tra due di pancarré (figli piccoli e genitori anziani) e per giunta e fortunatamente lavoratrice, non mi permettevano di andare dietro all’illusione di essere una forte lettrice.
    Quando un gdl lo propone, corro agli scaffali del settore “Italiani”della libreria, ma tanta è la confusione sotto quel cielo che è stato più semplice comprare il tascabile.
    Chissà se allora sapevo qualcosa di più di più di Volponi al di là d’essere stato deputato del partito di cui avevo la tessera. Ne dubito, altrimenti non mi sarebbe sfuggito dalla mente così facilmente. Maturità nel ’70, e non era allora nel novero dei grandi della letteratura italiana e non lo è diventato neanche in seguito, come ho scoperto, rubricato già dal “famigerato” Menabò come uno scrittore della civiltà industriale. Limite e peccato originale di uno scrittore colpevole d’essersi tenuto alla larga dai postmodernisti e dalla loro stucchevole leggerezza dell’essere; condita anche, che non guastava, da una tenace volontà a rendersi incomprensibili al di là della mera analisi logica del periodo. Volponi non è un intellettuale astratto, per lui la cultura è lavoro e humanitas.
    La sua scrittura è complessa, pastosa, a tratti lirica o meglio epica, quell’epica che ci ha dato i primi e più bei romanzi dell’umanità. Mai involuta e aggrovigliata.
    Agli austeri critici e ai severi militanti della letteratura elitaria, guida del pensiero unico, mancava l’umiltà di riconoscere che l’unico sistema di segni per comprendere “la storia come realtà materiale” è proprio la letteratura che non deve temere di sporcarsi le mani.
    La storia è il set in cui si gira il film della vita di miliardi di esseri umani. A volte sta sullo sfondo, a volte interferisce pesantemente, ma nessuno si farà carico di queste vite anonime sbatacchiate dalla storia, ma carne e sangue, se non gli artisti.

    Lo sfondo del Memoriale di Volponi è il mondo di Volponi: l’Olivetti dove lui era una specie di direttore delle risorse umane. Il povero Cristo che il memoriale lo scrive è l’operaio Albino Saluggia affetto da un disturbo paranoide. Lo scrive in una lingua che è “colta” nella misura in cui ci si è dimenticati che la lingua non omologata, anche quella dei cafoni, si esprime attraverso metafore. Quella di Albino è prevalentemente metaforica tanto da farci sorgere il sospetto che Volponi si fosse messo a scrivere sotto dettatura del suo personaggio.
    Chiariamo subito che il poveretto non è pazzo, come comunemente viene inteso il paranoico, cioè de-realizzato e allucinato. E’ in grado di ragionare, di condurre gli atti quotidiani, capire la realtà che lo circonda e interpretarla come tutti facciamo ma distorcendola a uso e consumo della sua mania: quella di persecuzione. Tanto da farlo etichettare da coloro il cui ombelico è il centro del mondo come irriducibile e piagnona vittima del male di vivere.
    Albino non è il campione dell’alienazione nata nella catena di montaggio. Non è un personaggio esistenzialista. Non sogna di ritornare alla vita dei campi per sfuggire all’industrializzazione ma piuttosto ai suoi nemici, che ha individuato nei membri dell’infermeria della fabbrica. Alle fantasie di fuga si alternano quelle di spasmodico desiderio di ritornare in fabbrica sano, per rivalsa sui suoi persecutori , servi dei padroni che, con la falsa diagnosi di tubercolosi, si prestavano al loro disegno di annientamento non della classe operaia, ma dell’operaio Albino.
    Lui è un caso clinico, lo sarebbe stato in qualsiasi caso anche se rappresenta anche la condizione dell’operaio nella fabbrica neocapitalistica. Alla reificazione industriale si sovrappone la paranoia, e quella è vista e esperita attraverso quest’ultima.
    Non è un donchisciotte che lotta contro la disumanizzazione della catena di montaggio, né la subisce. E’ l’uomo del sottosuolo, il misogino, paranoide uomo del sottosuolo di Pietroburgo. Ciò che dice sono verità ma sue verità. Senza perdere però lo sguardo lucido sul resto della realtà.
    La fabbrica è quello che è. Anche quella di Ivrea, un modello, non riesce a essere quello che vorrebbe. I tempi e i modi del capitalismo la travolgono; arrivano gli scioperi e anche i celerini, convincendo finalmente Albino di non essere il solo perseguitato. Il linguaggio del volantino della Fiom – simile a quelli che negli anni del reflusso avrebbero bollato col termine “ deliranti” - lo fanno sentire per una volta parte di un tutto:” … mi pareva di averlo scritto io, parola per parola, in tanti anni di lotta in fabbrica, con ognuna di quelle parole sgualcite e nere … quindi tanti altri erano nella fabbrica nelle mie stesse condizioni”. Scopre in sé solidarietà e voglia di lottare ma per poco. La sospensione dal lavoro lo fa ricadere nella paranoia: nessuno potrà salvarlo. Niente di più vero nel disturbo paranoide.

    P.S. Ringrazio di cuore - e mi scuso- chi è arrivato fino alla fine.

    ha scritto il 

  • 5

    Attendevo questo libro da tempo. Leggerne molti porta alla ricerca di quello che sovrasta gli altri. Non in bellezza, tout court, ma in spessore. Memoriale lo metto tra quelli che hanno segnato in sen ...continua

    Attendevo questo libro da tempo. Leggerne molti porta alla ricerca di quello che sovrasta gli altri. Non in bellezza, tout court, ma in spessore. Memoriale lo metto tra quelli che hanno segnato in senso positivo le ultime letture. Non sarà un capolavoro, ma pur datato lancia strali ancora ai giorni nostri. Se avrete la pazienza di dargli corda, porrà nelle teste di ogni lettore domande su domande. Per le risposte, pregasi ripassare... dopo il lavoro! ;)

    ha scritto il 

  • 4

    Volponi riesce a mantenere il lettore attaccato alle vicende di un reduce di guerra tubercolotico che inizia a lavorare in fabbrica. Si vedono bene tutte le forzature e i difetti della fabbrica ma in ...continua

    Volponi riesce a mantenere il lettore attaccato alle vicende di un reduce di guerra tubercolotico che inizia a lavorare in fabbrica. Si vedono bene tutte le forzature e i difetti della fabbrica ma in primo piano c'è un'analisi psicologica del protagonista svolta davvero con una maestria fuori dall'ordinario. Ci troviamo a seguire Albino Saluggia non solo in fabbrica ,ama anche nei suoi ragionamenti paranoici e ossessivi. Un libro che ci immerge appieno nella mente distorta di una persona malata, di un reduce, di un operaio avvicinandoci in maniera commuovente all'umanità più profonda e facendoci riflettere su tutti temi fondamentali per la vita di tutti noi: la malattia, la famiglia, il lavoro.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro che farà impazzire il lettore, che più volte arriverà a chiedersi dove la storia voglia andare a parare. Un lungo viaggio di un uomo che dalle difficoltà della guerra passa alle difficoltà di ...continua

    Un libro che farà impazzire il lettore, che più volte arriverà a chiedersi dove la storia voglia andare a parare. Un lungo viaggio di un uomo che dalle difficoltà della guerra passa alle difficoltà di una società industrializzata, che trova in un possibile complotto la colpa di tutti i suoi mali. Un libro che vi porterà a pensare ad un certo punto che il complotto esista davvero

    ha scritto il 

  • 4

    Ti fa diventare matto

    E' ovvio che sia un capolavoro, ma è duro da mandare giù. C'è, in pratica, quasi solo un personaggio e la realtà vista coi suoi occhi è confusa, ripetitiva e angosciante. L'obiettivo è quello, trasmet ...continua

    E' ovvio che sia un capolavoro, ma è duro da mandare giù. C'è, in pratica, quasi solo un personaggio e la realtà vista coi suoi occhi è confusa, ripetitiva e angosciante. L'obiettivo è quello, trasmettere una realtà opprimente e una condizione di solitudine e straniamento. volponi ci riesce, ma il prezzo è che si rischia di abbandonare...

    ha scritto il 

Ordina per