Memorie dal sottosuolo

Voto medio di 5804
| 723 contributi totali di cui 515 recensioni , 208 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"Sottosuolo" è la sfera della vita psichica, nella sua intimità libera e irrazionale, necessariamente in urto con le leggi del mondo esterno. È disarmonia radicale tra l'informe privato e l'ordine "di facciata", che alimenta una perpetua e morbosa ir ...Continua
Giulia
Ha scritto il 30/04/18
Un uomo, solo da sempre, tenta disperatamente di giustificare i suoi cattivi sentimenti per il prossimo e le sue disfatte personali, senza però voler ammettere il fatto che, di quelle disperate giustificazioni, ha un enorme bisogno. Un uomo che sente...Continua
Bolano
Ha scritto il 21/03/18
La testa d'uovo di Freud!

In questo testo e nella potenza delle analisi in esso contenute è nascosto il segreto della psicanalisi moderna.

Jack
Ha scritto il 24/02/18

Seconda rilettura, peggio di un pungo nello stomaco, ma non sarà di certo l'ultima, non chiedetemi il perchè...

December
Ha scritto il 24/02/18
Dostoevsky è una garanzia.
Chiamarlo scrittore è riduttivo: era un filosofo, un pensatore, un sensibile... era troppe cose assieme. Durante diversi passi del libro provi pietà e imbarazzo per questo uomo del sottosuolo, ma meglio non schernirlo troppo. Infatti, in fondo, sai c...Continua
Alfredo Animale...
Ha scritto il 20/02/18
siamo fregati
Siamo tutti fregati dalla vita, e Dostoevskij l'aveva capito tanto tempo fa. Siamo così fregati che non si riesce nemmeno ad essere empatici con il disgraziato protagonista, che comunque non è empatico con nessuno e si rende conto della sua terribile...Continua

Ivan
Ha scritto il Dec 21, 2017, 18:38
Mi tormentava allora anche una circostanza: proprio il fatto che nessuno mi assomigliasse. "Io sono solo e loro sono tutti" pensavo e restavo assorto a lungo.
Pag. 66
Ivan
Ha scritto il Dec 21, 2017, 18:34
Ci sono nella memoria di un essere umano cose che egli non rivela a tutti, ma solo agli amici. Ci sono cose che egli non rivela neanche agli amici, ma solo a se stesso, e in gran segreto. E infine ci sono cose che teme di rivelare perfino a se stesso...Continua
Pag. 62
Ivan
Ha scritto il Dec 21, 2017, 18:29
Io non solo non ho saputo diventare cattivo, ma non ho saputo diventare niente: né cattivo né buono, né furfante né onesto, né eroe né insetto. E ora vivo nella mia tana facendomi beffe di me stesso, con la maligna e vana consolazione che d'altronde...Continua
Pag. 29
an.i.ta_
Ha scritto il Aug 22, 2017, 10:17
A parte la lettura non avevo niente - ovvero non c'era nulla in quelli che mi circondava, che io potessi allora rispettare o da cui potessi sentirmi attratto.
an.i.ta_
Ha scritto il Aug 20, 2017, 15:19
Non soltanto non ho saputo essere cattivo, ma non ho saputo essere niente di niente: né cattivo né buono, né canaglia né galantuomo, né eroe né insetto. E adesso passo i miei giorni qui nel mio cantuccio, burlando me stesso con la maligna e del tutto...Continua

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi