Memorie del sottosuolo

Voto medio di 5.711
| 718 contributi totali di cui 509 recensioni , 209 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
A quarant'anni Fedor Dostoevskij è uscito da poco da una serie di vicendedrammatiche (la militanza socialista, la condanna a morte commutata all'ultimomomento, la deportazione siberiana) e, pur praticando un'intensa attivitàgiornalistica, sta ancora ... Continua
Ha scritto il 26/07/17
Dostoevskij ci parla del "sottosuolo" quando ancora nessuno aveva iniziato a circoscriverlo e a fare speculazioni o meglio a scrivere teorie. Non si tratta di un romanzo con una storia, ma della riflessione sul "sottosuolo": che cos'è? È qualcosa ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 23/07/17
Inutile, io adoro Dostoevskij e il suo modo ipnotizzante di scrivere.
Le riflessioni dal sottosuolo non possono che essere sublimi.
  • 1 mi piace
Ha scritto il 27/05/17
Non riesco a dar meno di 5 stelle a Dostoevskij
"Io penso perfino che la migliore definizione dell’uomo sia questa: animale bipede e ingrato. Ma questo non è ancora tutto, questo non è ancora il massimo suo difetto; il suo difetto più grave è la sua continua immoralità, un’immoralità ..." Continua...
Ha scritto il 06/05/17
Un libro difficile da leggere ma che fa apprezzare a pieno la scrittura di Dostoevskij. Quest'opera si può sostanzialmente dividere in due parti.Nella prima, il protagonista parla della propria vita e del proprio essere. Si devono affrontare molte ..." Continua...
Ha scritto il 07/04/17
Bisogna essersi già confrontati col proprio narcisismo autodistruttivo per poter comprendere tale opera e, magari, per sentirsi meno soli nel proprio sottosuolo e per, forse, evitare di raggiungere gli eccessi di chi non ha più alcunché da ..." Continua...
  • 2 mi piace

Ha scritto il Aug 22, 2017, 10:17
A parte la lettura non avevo niente - ovvero non c'era nulla in quelli che mi circondava, che io potessi allora rispettare o da cui potessi sentirmi attratto.
Ha scritto il Aug 20, 2017, 15:19
Non soltanto non ho saputo essere cattivo, ma non ho saputo essere niente di niente: né cattivo né buono, né canaglia né galantuomo, né eroe né insetto. E adesso passo i miei giorni qui nel mio cantuccio, burlando me stesso con la maligna e ... Continua...
Ha scritto il Aug 17, 2017, 10:20
irresistibili.wordpress.com/2017/08/14/un-bipede-ingrato/
Ha scritto il Jul 26, 2017, 08:04
irresistibili.wordpress.com/2017/07/26/il-problema-era-come-prendere-le-anguille/
Ha scritto il Mar 06, 2017, 12:37
"E' proprio nella perfetta consapevolezza di ogni cosa e nella vergogna che sta l'ebbrezza."

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi