Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Memorie di mondi notturni

Di ,

Editore: Light Box

3.0
(23)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 8863840083 | Isbn-13: 9788863840087 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , Musica

Ti piace Memorie di mondi notturni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Viaggiare sognando o sognando di viaggiare?

    Una graphic novel dettata da un`idea originale, che sfrutta un campo denso di ispirazione, in cui gli scrittori non s`immergono troppo spesso, nostante offra davvero molto, quello dei sogni. Abbinarlo alla musica e`, a mio avviso, una ricetta vincente. i dialoghi sono poetici, pieni di melodia co ...continua

    Una graphic novel dettata da un`idea originale, che sfrutta un campo denso di ispirazione, in cui gli scrittori non s`immergono troppo spesso, nostante offra davvero molto, quello dei sogni. Abbinarlo alla musica e`, a mio avviso, una ricetta vincente. i dialoghi sono poetici, pieni di melodia come se fossero canzoni degli artisti i cui sogni fanno da guide al viaggiatore misterioso, protagonista del libro. I disegni, sinceramente, mi piacciono. Sono indefiniti, cosi` come spesso lo sono le immagini nel sogno, ma alcuni particolari, come palazzi e decori del tempio, sono curati, a far capire che il loro ricordo e` limpido nella mente del sognatore. Secondo me e` da leggere tutto d`un fiato, non mi piace interrompermi mentre leggo un fumetto. Quando l`ho finito era l`una di notte e ho spento la luce. Stanotte ho sognato.

    ha scritto il 

  • 5

    Categorizzarlo è difficile. Tecnicamente è un fumetto ma in realtà è un sogno e, in quanto tale, deve necessariamente essere costituito in prevalenza da immagini. Ad esse si affiancano buoni dialoghi tra i protagonisti che altri non sono che artisti della scena musicale rock e pop italiana. Da no ...continua

    Categorizzarlo è difficile. Tecnicamente è un fumetto ma in realtà è un sogno e, in quanto tale, deve necessariamente essere costituito in prevalenza da immagini. Ad esse si affiancano buoni dialoghi tra i protagonisti che altri non sono che artisti della scena musicale rock e pop italiana. Da non perdere, più che come lettura, come esperienza di un bizzarro sogno ad occhi aperti che fa riflettere. Piacevole sopratutto l'incontro con Manuel Agnelli che rimanda alla rasserenante canzone "Ritorno a Casa"

    ha scritto il 

  • 1

    Sono rimasta delusa.. a parte qualche tavola abbastanza godibile, la storia risulta debole, un mero espediente per inserire i "personaggi famosi" nella narrazione, che non decolla mai veramente. Inoltre il disegno mi è sembrato poco "accurato", senza caratteristiche stilistiche tali da renderlo p ...continua

    Sono rimasta delusa.. a parte qualche tavola abbastanza godibile, la storia risulta debole, un mero espediente per inserire i "personaggi famosi" nella narrazione, che non decolla mai veramente. Inoltre il disegno mi è sembrato poco "accurato", senza caratteristiche stilistiche tali da renderlo particolare.. insomma, si può "disegnare male" facendolo bene (Gipi docet), ma questo non è il caso.
    Dalle premesse poteva essere un buon esperimento, ma il risultato non è stato dei migliori.

    ha scritto il 

  • 3

    Occasione mancata

    Questa storia monocromatica l'ho vissuta davvero come un'occasione mancata. Mi sono quasi rammaricato. Perché per una volta che si ha l'occasione di parlare di artisti che amo (e ingiustamente poco conosciuti), lo si fa con una scelta che (a mio dire) esclude chi non ha mai sentito parlare di gen ...continua

    Questa storia monocromatica l'ho vissuta davvero come un'occasione mancata. Mi sono quasi rammaricato. Perché per una volta che si ha l'occasione di parlare di artisti che amo (e ingiustamente poco conosciuti), lo si fa con una scelta che (a mio dire) esclude chi non ha mai sentito parlare di gente come Paolo Benvegnù, Cristina Donà, Cesare Basile, The Niro, A Toys Orchestra.

    La storia racconta di una persona ipotetica (potrebbe essere chiunque di noi) che cerca di svelare la sua origine e il suo destino, aiutato dai vari artisti e dai loro sogni (spesso poi diventati brani musicali).

    La storia regge fino a un certo punto. Mentre a me sarebbe piaciuto vedere questo libro come le memorie di molti mondi colorati...

    ha scritto il