Memorie di un folle

Racconti d'autore, 19

Voto medio di 521
| 76 contributi totali di cui 62 recensioni , 14 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Un uomo adulto racconta con trasporto il periodo della propria adolescenza, gli anni del collegio, "le risa e i pianti, il bianco e il nero, i singhiozzi venuti all'inizio dal cuore e poi stesi come un impasto in periodi sonori, le lacrime diluite ... Continua
Ha scritto il 04/05/17
17° lettura condivisa di SALERNO CHE LEGGE
Questo libro l'ho letto in età sbagliata. Adesso posso ammirarne la scrittura, la sapienza grammaticale, l'incredibile lucidità di un giovinetto, ma non riesco più a farmi devastare dalla furia puberale che ogni passo porta con sé. E' un ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 15/01/17
Questo libro l'ho letto in età sbagliata. Adesso posso ammirarne la scrittura, la sapienza grammaticale, l'incredibile lucidità di un giovinetto, ma non riesco più a farmi devastare dalla furia puberale che ogni passo porta con sé. E' un ..." Continua...
  • 6 mi piace
  • 2 commenti
Ha scritto il 02/08/16
Ricordi di gioventù scritti da ... un giovane Flaubert. Prosa acerba pervasa di energia inutile e retorica come è giusto che sia quella di un giovane pieno di sé che guarda con sufficienza ai suoi simili (o meglio più che simili direi ..." Continua...
Ha scritto il 15/07/16
Secondo Proust l'opera di Flaubert, dal movimento continuo, monotono, opaco, indefinito, è letterariamente senza precedenti..."Vorrei qualcosa che non avesse bisogno di espressione nè di forma, qualcosa di puro come un profumo, forte come la ..." Continua...
  • 2 mi piace
Ha scritto il 06/01/15
Una lettura che seppur breve rende lampante le capacità stilistiche di un giovane Flaubert. Pessimistiche e profonde queste sue riflessioni, un ragazzo che a soli 17 anni è riuscito a mettere su carta spaccati della sua giovane vita con una ..." Continua...

Ha scritto il Dec 29, 2015, 11:17
Sognavo il mare, i viaggi lontani, gli amori, i trionfi, tutti aborti della mia esistenza, cadaveri prima di aver vissuto.
Ha scritto il Jan 02, 2013, 09:05
Anche oggi, oggi che tutto irrido, amaramente certo di quanto sia grottesco il vivere, oggi pur sento che l'amore, quest'amore che ho sognato in collegio senza possederlo e che più tardi ho conosciuto, che tanto mi ha fatto piangere e di cui dopo ... Continua...
Pag. 33
  • 1 mi piace
Ha scritto il Oct 22, 2011, 10:53
Vorrei qualcosa che non avesse bisogno di espressione e di forma, qualcosa di puro come un profumo, di forte come la pietra, di innafferrabile come un canto, qualcosa che fosse un tempo tutto questo e niente di tutte queste cose...
  • 1 mi piace
Ha scritto il Jan 31, 2010, 19:19
Campane! Suonerete anche per la mia morte, e dopo un minuto squillerete per un battesimo! Siete anche voi una derisione, come tutto, una menzogna, come la vita, di cui annunciate scrupolosamente ogni fase: battesimi, matrimoni, funerali.
Pag. 102
  • 1 mi piace
Ha scritto il Jan 31, 2010, 19:17
La pazzia non è altro che dubitare della ragione, o meglio, forse, è la ragione stessa che prova i morsi del dubbio.
Pag. 85
  • 1 mi piace
  • 1 commento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi