Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Men At Arms

(Discworld Novel 15)

By Terry Pratchett

(10)

| eBook | 9781407034904

Like Men At Arms ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

'What's so hard about pulling a sword out of a stone? The real work's already been done. You ought to make yourself useful and find the man who put the sword in the stone in the first place.'





Continue

'What's so hard about pulling a sword out of a stone? The real work's already been done. You ought to make yourself useful and find the man who put the sword in the stone in the first place.'





The City Watch needs MEN! But what it's got includes Corporal Carrot (technically a dwarf), Lance-constable Cuddy (really a dwarf), Lance-constable Detritus (a troll), Lance-constable Angua (a woman... most of the time) and Corporal Nobbs (disqualified from the human race for shoving).





And they need all the help they can get, because someone in Ankh-Morpork has been getting dangerous ideas - about crowns and legendary swords, and destiny. And the problem with destiny is, of course, that she is not always careful where she points her finger. One minute you might be minding your own business on a normal if not spectacular career path, the next you might be in the frame for the big job, like saving the world...

114 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Anche questo secondo episodio appassiona e diverte come il precedente. Pratchett non si smentisce mai.

    Is this helpful?

    Euterpelisa said on Mar 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tornano le Guardie di Ankh-Morporok: forgiati nella più ferrea disciplina («Quando io ti dico salta, tu devi rispondere... di che colore?!»), gli uomini d'arme si aprono alle minoranze (nani, troll e...) per mantenere l'ordine - cioè un accett ...(continue)

    Tornano le Guardie di Ankh-Morporok: forgiati nella più ferrea disciplina («Quando io ti dico salta, tu devi rispondere... di che colore?!»), gli uomini d'arme si aprono alle minoranze (nani, troll e...) per mantenere l'ordine - cioè un accettabile stato di disordine - nella prima città del disco. In più c'è anche la trama gialla.

    Is this helpful?

    Stanis LaRochelle said on Nov 25, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    「……隊員不該只是聽了羅波下士說什麼就去做什麼。只因為羅波下士……很會讓人服從命令。」羅波很小心地讓表情保持空白。
    <<p.388>>

    這個系列應該要繼續看下去……

    Is this helpful?

    ooxxvv said on Jun 28, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Succose novità, e non proprio piacevoli: alla Guardia Cittadina, sezione notturna, si sono uniti nuovi membri in rappresentanza delle numerose minoranze etniche che popolano la cosmopolita cittadina di Ankh-Morpork, per imposizione del Patrizio. Cudd ...(continue)

    Succose novità, e non proprio piacevoli: alla Guardia Cittadina, sezione notturna, si sono uniti nuovi membri in rappresentanza delle numerose minoranze etniche che popolano la cosmopolita cittadina di Ankh-Morpork, per imposizione del Patrizio. Cuddy il nano e Detritus il troll sono una fonte inesauribile di problemi, per non parlare poi di Angua che è addirittura una donna. Ma presto non sarà più un problema del cinico Sam Vimes, in procinto di dare le dimissioni e di convolare a nozze con la ricchissima Sybil Ramkin.
    Intanto Edward d'Eath, assassino e ultimo erede di una nobile famiglia decaduta, decide che Ankh-Morpork ha bisogno di una monarchia in vece di un Patrizio, in modo da ripristinare il decoro e l'onore delle famiglie nobili della città. E' così che, poco dopo, dalla sede della Gilda degli Assassini scompare qualcosa, una nuova arma che inizia a disseminare morte ad Ankh-Morpork.

    Continua su
    http://www.lastambergadeilettori.com/2013/05/uomini-dar…

    Is this helpful?

    La Stamberga dei Lettori said on Jun 9, 2013 | Add your feedback

  • 5 people find this helpful

    "A me ricorda un orologio" lo interruppe il Patrizio. "Rotelle grandi, rotelle piccole. Tutto che gira insieme. Le rotelline girano e le rotelle grandi ruotano, tutte a velocità differenti, vede, ma il macchinario funziona. E questa ...(continue)

    "A me ricorda un orologio" lo interruppe il Patrizio. "Rotelle grandi, rotelle piccole. Tutto che gira insieme. Le rotelline girano e le rotelle grandi ruotano, tutte a velocità differenti, vede, ma il macchinario funziona. E questa è la cosa più importante. Il macchinario continua a funzionare. Perché quando il macchinario si rompe..."

    Succose novità, e non proprio piacevoli: alla Guardia Cittadina, sezione notturna, si sono uniti nuovi membri in rappresentanza delle numerose minoranze etniche che popolano la cosmopolita cittadina di Ankh-Morpork, per imposizione del Patrizio. Cuddy il nano e Detritus il troll sono una fonte inesauribile di problemi, per non parlare poi di Angua che è addirittura una donna. Ma presto non sarà più un problema del cinico Sam Vimes, in procinto di dare le dimissioni e di convolare a nozze con la ricchissima Sybil Ramkin.
    Intanto Edward d'Eath, assassino e ultimo erede di una nobile famiglia decaduta, decide che Ankh-Morpork ha bisogno di una monarchia in vece di un Patrizio, in modo da ripristinare il decoro e l'onore delle famiglie nobili della città. E' così che, poco dopo, dalla sede della Gilda degli Assassini scompare qualcosa, una nuova arma che inizia a disseminare morte ad Ankh-Morpork.
    Vimes, guardia fino al midollo, decide di trascorrere gli ultimi giorni della sua carriera a indagare, decisamente ostacolato dal Patrizio il quale crede piuttosto nel principio di autoregolamentazione delle Gilde: in altre parole, la Guardia deve restarne fuori. Ma se Vimes ha le mani legate, così non è per Carota Fabbroferraio, nano d'adozione, miracolosamente sbocciato tra un volume e l'altro e divenuto carismatico leader. Supportato dalla 'vecchia' Guardia (Colon e Nobbs) e dalla 'nuova' (soprattutto da Angua, che ha, diciamo così, un olfatto sopraffino), nonché da un puzzolente bastardino parlante di nome Gaspode, Carota e gli altri si troveranno invischiati in un vero e proprio giallo che li condurrà, attraverso tutta la città, a indagare presso le più influenti gilde.

    Con "Uomini d'arme" (Men at Arms), quindicesimo volume ambientato nel Mondo Disco e secondo del ciclo della Guardia Cittadina, entriamo nella fase centrale della produzione di Terry Pratchett. Spassoso il titolo in apparenza banale, dal momento che in questo romanzo nelle schiere della Guardia Cittadina entrano nani, troll e persino una donna (che peraltro è un lupo mannaro). A tal proposito, in traduzione viene perduta una spassosa gag ricorrente nelle prime pagine, in cui un personaggio lamenta più volte "l'arruolamento di una d...". In originale, ovviamente, la prima lettera della parola tronca è w, che sta per woman ma anche per werewolf.
    La trama del romanzo si configura come un appassionante thriller poliziesco il cui colpevole è apparentemente noto al lettore fin dalle prime pagine; evidente la condanna all'uso delle armi da fuoco (il misterioso artefatto è una sorta di fucile rudimentale chiamato gonne, arcaismo per 'gun' e in italiano reso con terminatore), condanna che nell'atmosfera farsesca del romanzo sottolinea la loro pericolosità e accessibilità, contrapposta alle raffinate e complicate arti degli Assassini. Altro tema portante è, naturalmente, l'integrazione delle minoranze, che una volta entrate nella Guardia e assorbito il suo spirito smettono di essere tali per entrare al servizio della città. Così Cuddy e Detritus, rappresentanti di due razze perennemente in faida tra loro, smettono nel corso del libro di minacciarsi a vicenda per collaborare in nome della giustizia.
    Detto così, sembra che il romanzo di Pratchett si prenda troppo sul serio: sbagliato, perché è più spassoso che mai; è innegabile tuttavia che il ciclo della Guardia tende più degli altri a suggerire amare riflessioni attraverso il disincantato personaggio di Vimes: non a caso, la morte (il concetto, non la personificazione) perde spesso in questi libri la sua accezione ridicolo-punitiva e, oltre a colpire gli stessi eroi, assume una connotazione drammatica anche quando sfiora gli antagonisti. Che il romanzo sia d'altro tenore lo dimostrano anche un accenno più marcato alla sessualità, un linguaggio più adulto, e un maggiore approfondimento nella sfera emotiva dei personaggi.

    Recensione pubblicata anche su
    http://www.lastambergadeilettori.com/2013/05/uomini-dar…

    Is this helpful?

    Sakura87 (mi trovate su GR con lo stesso nick) said on May 28, 2013 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book