Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Mendel dei libri

Di

Editore: Adelphi (Biblioteca minima, 23)

4.1
(869)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 53 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Tedesco

Isbn-10: 884592274X | Isbn-13: 9788845922749 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Ada Vigliani

Disponibile anche come: eBook

Genere: Fiction & Literature , History

Ti piace Mendel dei libri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La storia di un uomo che forse non ha letto tutti i libri, ma che tutti li conosce. Il sovrano di un mondo parallelo - un mondo di carta.
Ordina per
  • 5

    "Al di là dei libri quell'uomo straordinario non sapeva nulla del mondo, perché per lui tutti i fenomeni dell'esistenza acquistavano realtà solo dopo la loro fusione in caratteri da stampa, dopo esser ...continua

    "Al di là dei libri quell'uomo straordinario non sapeva nulla del mondo, perché per lui tutti i fenomeni dell'esistenza acquistavano realtà solo dopo la loro fusione in caratteri da stampa, dopo essersi raccolti e per così dire sterilizzati in un libro".
    Jakob Mendel è un ebreo galiziano ed occupa da anni un tavolo presso il Caffè Gluck di Vienna. Conosce tutti i libri, ma non s'interessa del contenuto: il suo mondo è composto di titoli, autori, edizioni, copertine, prezzi.
    Estraniato da tutto (siamo nel 1915, in piena Guerra Mondiale), andrà incontro, inconsapevolmente, alla propria rovina.
    Ma Jakob Mendel è anche Stefan Zweig.
    "Come Mendel, Zweig è un bibliofilo appassionato, un collezionista di testi introvabili e rari. Come Mendel è cittadino del mondo, ha una visione aperta dell'Europa e non dà peso ai confini internazionali o ai campanilismi tanto violenti che caratterizzano il momento storico che accompagna la nascita o la fine delle nazioni. Come Mendel, Zweig è "punito" dal regime perché viene scoperto ebreo e, proprio per questo, nel 1933 le sue opere saranno mandate al rogo".

    Impossibile non accostarlo al Ray Bradbury di Fahrenheit 451. In entrambi i casi ci troviamo di fronte a persone che vogliono salvare il mondo attraverso i libri: Mendel con la sua prodigiosa memoria-catalogo (il "dovere" di ricordare); gli uomini-libro di Bradbury imparando a memoria intere opere letterarie.

    ha scritto il 

  • 5

    Una storia che commuove, che suscita, in poche pagine, sensazioni contrastanti e che dipinge il potere dei libri e del rapporto che chi li ama instaura con questi oggetti comuni, eppure pieni di mondi ...continua

    Una storia che commuove, che suscita, in poche pagine, sensazioni contrastanti e che dipinge il potere dei libri e del rapporto che chi li ama instaura con questi oggetti comuni, eppure pieni di mondi, parole, sentimenti, sapere.
    http://athenaenoctua2013.blogspot.it/2015/04/mendel-dei-libri-zweig.html

    ha scritto il 

  • 4

    "qui c’ero già stato vent’anni fa o anche più, qui, invisibile come il chiodo nel legno, era ancora abbarbicato qualcosa del mio Io su cui, nel frattempo, si erano accumulate altre concrezioni."

    "all’ ...continua

    "qui c’ero già stato vent’anni fa o anche più, qui, invisibile come il chiodo nel legno, era ancora abbarbicato qualcosa del mio Io su cui, nel frattempo, si erano accumulate altre concrezioni."

    "all’eterno segreto di tutto ciò che è perfetto: alla concentrazione. Al di là dei libri quell’uomo straordinario non sapeva nulla del mondo, perché per lui tutti i fenomeni dell’esistenza acquistavano realtà solo dopo la loro fusione in caratteri da stampa, dopo essersi raccolti e per così dire sterilizzati in un libro."

    "l’unicità diventa ogni giorno più preziosa in questo nostro mondo che irrimediabilmente va facendosi sempre più uniforme."

    "proprio a ciò che è sconvolgente, il destino – sempre faceto e talvolta ironico – ama intrecciare con malizia una certa comicità."

    "libri si fanno solo per legarsi agli uomini al di là del nostro breve respiro e difendersi così dall’inesorabile avversario di ogni vita: la caducità e l’oblio."

    ha scritto il 

  • 4

    Una piccola storia con il magico tocco del grande scrittore. Racconta la singolare e tragica vicenda di un 'OPAC vivente', un Pico della Mirandola della bibliofilia, tutto preso dal suo mondo di libri ...continua

    Una piccola storia con il magico tocco del grande scrittore. Racconta la singolare e tragica vicenda di un 'OPAC vivente', un Pico della Mirandola della bibliofilia, tutto preso dal suo mondo di libri e inconsapevole di ciò che accade intorno a lui, al punto da causare la propria rovina. La scrittura di Stefan Zweig è mirabile e lo è altrettanto la traduzione.

    ha scritto il 

  • 5

    “Perché lui leggeva come altri pregano, come i giocatori giocano e gli ubriachi tengono lo sguardo fisso nel vuoto, storditi; il suo rapimento quando leggeva era così commovente che, da allora, il mod ...continua

    “Perché lui leggeva come altri pregano, come i giocatori giocano e gli ubriachi tengono lo sguardo fisso nel vuoto, storditi; il suo rapimento quando leggeva era così commovente che, da allora, il modo in cui gli altri leggono mi è sempre parso profano”

    Questa novella, che si traveste da romanzo è semplicemente deliziosa, squisitamente intensa, scritta in maniera superba. Ci sono persone che hanno un’unica passione, un solo grande amore nel quale vivono e per il quale si annullano: Mendel ama i libri, non il loro contenuto, ma l’oggetto in sé, tanto da essere il maggior esperto di titoli, edizioni e prezzi di Vienna, noto e ricercato in tutta Europa. Chi ha bisogno di qualche testo va a trovarlo al Caffè Gluck e lui, con quella memoria inverosimile, è in grado di procurarlo. E così Mendel vive fra i libri e per i libri in una vita surreale e dimessa in un mondo a parte che è solo suo; gli eventi e le persone gli scorrono intorno, senza mai scalfirlo o coinvolgerlo. Ma la Storia continua, ripetendo errori e rubando vite, e un giorno Mendel sarà costretto ad uscire da quel rilegato microcosmo fatto di lettere e numeri, e la sua vita non sarà più la stessa.

    ha scritto il 

  • 4

    Una piccolissima perla. È una definizione banale, d'accordo, ma non saprei come altro definire questo brevissimo racconto.
    Non avevo mai letto Zweig, e credo non avrei potuto iniziare a farlo con un'o ...continua

    Una piccolissima perla. È una definizione banale, d'accordo, ma non saprei come altro definire questo brevissimo racconto.
    Non avevo mai letto Zweig, e credo non avrei potuto iniziare a farlo con un'opera migliore: è il racconto perfetto per restare completamente affascinati da un nuovo autore. La scrittura di Zweig è estremamente fluida e ricca, coinvolge tanto da far dimenticare la parola scritta e dipingere nella mente del lettore immagini vividissime. Mi sono veramente bastate pochissime righe per ritrovarmi a fissare incuriosita il tavolino di marmo del Caffé Gluck, rapita dal ricordo del protagonista e dalla figura di Mendel. Sicuramente Mendel, piccolo rigattiere di Vienna, con la sua straordinaria memoria per tutto ciò che rguarda i libri e il suo modo di leggere assoluto, totale, dondolando davanti alle pagine dei libri, entrerà nel cuore di qualsiasi appassionato lettore. Ma accanto alla simpatia per questo buffo omino che conosce a memoria il catalogo di qualsiasi libreria e biblioteca si fa strada una tenerezza per la sua ingenuità che si fa via via struggente mano a mano che la Storia si apre un varco nella vita di Mendel.
    Sul finire, il racconto della "signora della Toilette" non può che stringere un nodo nella gola del lettore.
    Un racconto particolarissimo, un protagonista particolarissimo, maniacale, con qualche tratto che, chissà, sembra quasi ricordare l'autismo, ma che finisce per emozionare immensamente.

    ha scritto il 

  • 5

    Este autor casi siempre (o siempre, en mi experiencia) es sinónimo de buena lectura. Tiene una narración fluida, sin diálogos, pero no se hace pesado y un estilo propio que te va sumergiendo en la his ...continua

    Este autor casi siempre (o siempre, en mi experiencia) es sinónimo de buena lectura. Tiene una narración fluida, sin diálogos, pero no se hace pesado y un estilo propio que te va sumergiendo en la historia.
    Juntar el estilo de Zweig con libros, con el amor a éstos, a la literatura, y mezclarlo todo en un relato, sólo puede ser un éxito.

    ha scritto il 

Ordina per