Messaggio per un'aquila che si crede un pollo

La lezione spirituale della consapevolezza

Di

Editore: Piemme

3.4
(1258)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 268 | Formato: Altri

Isbn-10: 8838410461 | Isbn-13: 9788838410468 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: L. Cangemi

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Salute, Mente e Corpo , Filosofia , Religione & Spiritualità

Ti piace Messaggio per un'aquila che si crede un pollo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La lettura di queste pagine offre l'incontro con i concetti più alti della spiritualità attraverso storielle ed aneddoti, a volte autentiche barzellette. Il volume è quindi un libro di spiritualità, ma pensato e scritto in modo da essere per tutti, persone colte e meno colte, giovani ed adulti, credenti e non.
Ordina per
  • 4

    Uhm...nì

    Ho deciso di comprare questo libro d'impulso, dopo aver letto online una frase dell'autore (appartenente però a un altro suo libro). Trovarlo nel reparto "New Age" della Feltrinelli mi aveva fatto un ...continua

    Ho deciso di comprare questo libro d'impulso, dopo aver letto online una frase dell'autore (appartenente però a un altro suo libro). Trovarlo nel reparto "New Age" della Feltrinelli mi aveva fatto un po' storcere il naso ma ho deciso di superare il pregiudizio e leggerlo comunque, perché sentivo il bisogno di un libro positivo, di quelli che ti danno magari una bella sferzata!^^ Be', purtroppo ha soddisfatto solo in parte questa mia aspettativa, ma non è comunque un testo da buttar via, anzi!
    L'autore, un Gesuita allontanatosi gradualmente ma sempre di più dalla fede cattolica, esorta a "svegliarsi" e "acquisire consapevolezza" con interventi semplici e chiari (si vede chiaramente che si tratta di discorsi fatti a voce e poi riportati su carta) che vanno dritti al cuore dei maggiori problemi dell'uomo: l'invidia e l'insoddisfazione in primis.
    Tuttavia sono già presenti in germe gli elementi che allontaneranno l'autore dalla sua fede: un vago panteismo, la concezione di Gesù come semplice uomo ecc...quindi chi cerca un libro di impronta propriamente cristiana resterà deluso: si tratta infatti di un testo molto "generico", le cui esortazioni non suoneranno nuove a chi non sia totalmente a digiuno di spiritualità orientale (quella a cui maggiormente l'autore si rifà).
    Non sono d'accordo con la nota del Papa Emerito Ratzinger (posta alla fine del volume) che lo definisce pericoloso...a chi ha davvero fede non toglie niente ma può dare qualcosa, a chi non ha davvero fede idem xD
    Esempio: quando racconta di come alcuni missionari avessero convinto le donne indigene a non andare a seno nudo in chiesa, l'autore dice velatamente ma non troppo che quei missionari avevano contaminato l'innocenza di quelle persone portando loro il messaggio evangelico.
    Invece io credo che il problema non stesse nel portare il messaggio evangelico (che in sé è ovviamente sempre buono) ma nell'imporre la propria cultura e la propria malizia (che con il messaggio evangelico nulla hanno a che fare) a chi ancora non ne aveva.
    Direi dunque che si tratta di un ottimo libro da leggere per provare a mettere in pratica alcuni insegnamenti che consentono di vivere meglio, ma senza prenderlo per oro colato!^^

    ha scritto il 

  • 2

    Riletto a distanza di una decina d'anni,. questo libro che mi era sembrato una rivelazione, non mi ha dato le stesse impressioni positive.
    Si, un bel insegnamento, interessanti spunti di riflessione.. ...continua

    Riletto a distanza di una decina d'anni,. questo libro che mi era sembrato una rivelazione, non mi ha dato le stesse impressioni positive.
    Si, un bel insegnamento, interessanti spunti di riflessione... ma niente di che... forse il questi dieci anni sono cresciuta un po'! :)

    ha scritto il 

  • 2

    Troppo New Age

    Troppo New Age e poco incisivo.
    De Mello potrebbe anche non essere male...
    Può andar bene per chi ha problemi di quelli grossi...
    Ma a questo punto è meglio se si "rivolge" a un Emerson o un Maslow. ...continua

    Troppo New Age e poco incisivo.
    De Mello potrebbe anche non essere male...
    Può andar bene per chi ha problemi di quelli grossi...
    Ma a questo punto è meglio se si "rivolge" a un Emerson o un Maslow.

    ha scritto il 

  • 5

    E' vero come dice qualcuno, il libro esprime concetti in maniera generale ma a mio avviso è stato strutturato in questo modo per lasciare il lettore libero di riflettere e di pensare con la propri tes ...continua

    E' vero come dice qualcuno, il libro esprime concetti in maniera generale ma a mio avviso è stato strutturato in questo modo per lasciare il lettore libero di riflettere e di pensare con la propri testa.
    E' stata una bellissima lettura e l'autore una meravigliosa scoperta.
    Consigliato!

    ha scritto il 

  • 2

    Per niente.

    Non mi è piaciuto. Ho lasciato perdere a pagina 50 circa. I concetti sarebbero buoni, li conosco di già da tempo, ma vengono espressi in modo confusionario. Forse un giorno riproverò a leggere. ...continua

    Non mi è piaciuto. Ho lasciato perdere a pagina 50 circa. I concetti sarebbero buoni, li conosco di già da tempo, ma vengono espressi in modo confusionario. Forse un giorno riproverò a leggere.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per