Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Metamorphosis and Other Stories

By

Publisher: Penguin Books Ltd

4.1
(4718)

Language:English | Number of Pages: 320 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Spanish , Italian

Isbn-10: 014118812X | Isbn-13: 9780141188126 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Mass Market Paperback , Others , Hardcover , eBook , Audio CD

Category: Fiction & Literature , Philosophy , Science Fiction & Fantasy

Do you like Metamorphosis and Other Stories ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
This collection of new translations brings together the small proportion of Kafka's works that he thought worthy of publication. It includes "Metamorphosis", his most famous work, an exploration of horrific transformation and alienation; "Meditation", a collection of his earlier studies; "The Judgement", written in a single night of frenzied creativity; "The Stoker", the first chapter of a novel set in America and a fascinating occasional piece, "The Aeroplanes at Brescia", Kafka's eyewitness account of an air display in 1909. Together, these stories reveal the breadth of Kafka's literary vision and the extraordinary imaginative depth of his thought.
Sorting by
  • 2

    Ho cercato con tutta me stessa di farmelo piacere ma trovo questi racconti anche se brevi molto noiosi ! Spesso mi distraevo e dovevo rileggere intere frasi per cercare di capire il cosa volesse dirmi lo scrittore certe volte anche senza riuscirci ! ho dovuto cercare su internet delle recenzion ...continue

    Ho cercato con tutta me stessa di farmelo piacere ma trovo questi racconti anche se brevi molto noiosi ! Spesso mi distraevo e dovevo rileggere intere frasi per cercare di capire il cosa volesse dirmi lo scrittore certe volte anche senza riuscirci ! ho dovuto cercare su internet delle recenzioni o delle analisi del testo per capire veramente ciò che ha scritto Kafka ! mi dispiace ma questa lettura è stata veramente difficile, magari crescendo la saprò apprezzare di più!

    said on 

  • 2

    Che "sgiai"

    Ho letto la metamorfosi, che è il racconto più famoso, e poco altro. Su quel racconto posso dire che è originale, interessante, ma non mi è piaciuto molto, e poi fa quasi fin troppo sgiai! (cioè fa un po' senso, ribrezzo)

    said on 

  • 2

    Ho dovuto violentarmi per arrivare fino all'ultima pagina, non credevo che sarei riuscita nell'impresa ma eccomi qui. E' stata una lettura estremamente pesante, ma sono contenta di non essermi arresa ai primi segni di esasperazione perchè forse i racconti migliori si trovano verso la fine. A part ...continue

    Ho dovuto violentarmi per arrivare fino all'ultima pagina, non credevo che sarei riuscita nell'impresa ma eccomi qui. E' stata una lettura estremamente pesante, ma sono contenta di non essermi arresa ai primi segni di esasperazione perchè forse i racconti migliori si trovano verso la fine. A parte la Metamorfosi la cui fama come racconto lo precede e ho apprezzato abbastanza ad avermi colpito in particolare sono stati Josephine la cantante, Il digiunatore, la Tana e pochi altri. In linea di massima ad avermi affaticato più di tutto è il modo di narrare dell'autore, anche se ho trovato affascinante come l'atmosfera di alcuni racconti desse l'impressione del resoconto di un sogno fatto immediatamente dopo il risveglio, cercando di ricostruirne le dinamiche e di restituir loro una coerenza benchè per il fatto stesso che i sogni non sono razionali ciò non sia possibile. Questo è ciò che mi è parso, perchè molte situazioni descritte rasentano l'assurdo, non perchè siano particolarmente surreali o inverosimili ma perchè magari inserite in quel contesto sono superflue ma trattate come se fossero importanti o determinanti. Oppure vengono spese pagine per analizzare e sviscerare qualcosa che avrebbe potuto essere snocciolato in poche righe e il concetto sarebbe stato chiaro, magari ci si impernia addirittura un intero racconto alchè a un certo punto mi veniva male agli occhi per lo sforzo di seguir l'autore nelle sue "divagazioni". Gli spunti che questa lettura regala sono molto interessanti, mi è venuta una curiosità immensa di approfondire la vita dell'autore perchè già dalle prime righe del primo racconto il lettore intuisce che non deve aver condotto un esistenza ( quantomeno un'esistenza interiore ) semplice. Ma allo stesso tempo mi sono sentita lontana anni luce dalla sua maniera di raccontare. Sicuramente non leggerò altro di Kafka.

    said on 

  • 5

    La metamorfosi è assolutamente il mio racconto preferito. Pieno di satira sociale e di riferimenti alla vita stessa dell'autore. Trovo che Kafka non potesse scrivere un capolavoro più grande eppure così piccolo nella sua estensione. Lo ho amato e letto più volte e ogni volta ne ho trovato un nuov ...continue

    La metamorfosi è assolutamente il mio racconto preferito. Pieno di satira sociale e di riferimenti alla vita stessa dell'autore. Trovo che Kafka non potesse scrivere un capolavoro più grande eppure così piccolo nella sua estensione. Lo ho amato e letto più volte e ogni volta ne ho trovato un nuovo aspetto, non smette mai di sorprendere. Gli altri racconti sono altrettanto interessanti, purtroppo cambiano di edizione in edizione, ma nella mia c'era Nella colonia penale, che ho trovato assolutamente folle e perfettamente stupendo nel suo aspetto barbarico.

    said on 

  • 3

    La metamorfosis es fantástico, un clásico imprescindible. Pero el resto de cuentos, pertenecientes a la recopilación Un médico rural, no están a la altura ni por asomo.

    said on 

  • 0

    Nel racconto "In galleria" Kafka fa l'esempio dello spettacolo di un'artista di circo. Se lei fosse malata, il cavallo malfermo, il superiore frustasse senza pietà, se l'atmosfera fosse di grigiore e orrore...ci sarebbe almeno un uomo sensibile che reagirebbe e fermerebbe tutto. Ma visto che lei ...continue

    Nel racconto "In galleria" Kafka fa l'esempio dello spettacolo di un'artista di circo. Se lei fosse malata, il cavallo malfermo, il superiore frustasse senza pietà, se l'atmosfera fosse di grigiore e orrore...ci sarebbe almeno un uomo sensibile che reagirebbe e fermerebbe tutto. Ma visto che lei appare bella, il cavallo sano, il direttore gentile e l'atmosfera è di allegria...nessuno immaginerebbe dietro un quadretto normale il brutto che ci può essere sotto. L'uomo sensibile sentirebbe solo che c'è qualcosa che non va ma non saprebbe cosa, e allora invece di reagire potrebbe solo piangere.
    I racconti di Kafka sono questo, sono situazioni portate all'estremo per farci vedere ciò che c'è di strano, storto, brutto sotto il mondo che vediamo, sono il sentimento di ingiusto, grottesco, disgusto, paradosso, alienazione, ipocrisia, impotenza che stanno sotto il normale e il quotidiano che noi percepiamo ma non vediamo con distinzione e allora Kafka carica tutto al massimo per farci vedere con chiarezza la nostra reazione di repulsione.

    said on 

  • 5

    Fra bestia e Uomo

    Delineare interamente i contorni di ciò che voleva esprimere realmente, per me, è stato impossibile.
    Ho avuto bisogno di sfogliare alcune recensioni per capire in quale verso scorrevano i suoi pensieri calcati su carta.
    Ciò non toglie che la maggior parte racconti, siano davvero delle ...continue

    Delineare interamente i contorni di ciò che voleva esprimere realmente, per me, è stato impossibile.
    Ho avuto bisogno di sfogliare alcune recensioni per capire in quale verso scorrevano i suoi pensieri calcati su carta.
    Ciò non toglie che la maggior parte racconti, siano davvero delle magnifiche allegorie sul nostro Essere quotidiano.
    Bellissimo.

    said on 

  • 4

    Ho il passo pesante o almeno così pensava la mia ex ragazza, la numero 623, specific non per vantarmi del numero più per dovere di cronaca senza le mie ex ragazze la mia vita fin ora sarebbe stata senza senso grazie a ognuna di loro ho imparato ad apprezzare lo starmene da solo, 623 rompicoglioni ...continue

    Ho il passo pesante o almeno così pensava la mia ex ragazza, la numero 623, specific non per vantarmi del numero più per dovere di cronaca senza le mie ex ragazze la mia vita fin ora sarebbe stata senza senso grazie a ognuna di loro ho imparato ad apprezzare lo starmene da solo, 623 rompicoglioni, di questo sì quasi ne vado fiero. La mia ultima ex ragazza dicevo pensava di me che avevo il paso troppo pesante e si incazzava lei, io e lei avevamo orari diversi lei lavorava in un bar la mattina presto, alle 06:00, per fare i caffè ai miserabili che cominciavano io invece lavoravo in un pub la sera, alle 19:00, per spillare le birre ai miserabili che finivano e io il più miserabile di tutti finivo verso le 03:00, rientravo silenzioso, posavo il giacchetto andavo al bagno e pisciavo attento a evitare rumorose sgocciolate a volte neanche tiravo lo sciacquone aprivo solo la finestra, a volte, perché altre volte lo sciacquone dovevo tirarlo per forza una puzza da morire peggio dei rumori, di quasi tutti tranne quello delle scale ma le scale c'erano e da fare per forza, scale di legno legno vecchio coperto dalla moquette non ho mai voluto sapere che cosa nascondeva quella moquette ma una cosa era certa, al mio passo, inesorabile, il legno scricchiolava, e più tentavo di camminare a modo più lo scricchiolìo era forte e una volta nella stanza, nel buio, gli occhi della mia ragazza erano già lì che brillavano come stelle nel firmamento e le stelle io onestamente non le capisco, provo un rispetto spontaneo per chiunque le stelle le schifa, tutti a dire che belle le stelle, guarda che cielo guarda che stelle e a me viene sempre da dire io non vedo un cazzo solo puntini bianchi come piccoli occhi socchiusi, come i piccoli occhi socchiusi della mia ragazza piccoli occhi aperti che mi guardano nel buio e mi giudicano, sei un elefante, fai piano, mi dice, mi hai svegliata io fra, che ore sono?, cazzo sono quasi le quattro, fanculo stronzo sei un elefante di me non te ne frega niente. La ripetizione non so perché ha effetto sulle menti e sulla mia in particolare ha un effetto formidabile alla mia ex ragazza che sono un elefante gliel'ho sentito dire più volte che ti amo, credo, non importa, lei diceva di no ma non è questo il punto il punto è che sono un elefante, lo ammetto, ho il passo pesante, ci vedo poco ci sento bene le puzze le sento tutte, tutte, non me ne sfugge mezza gli odori troppo forti mi stordiscono, per un buon profumo dal collo di una donna tradisco la fiducia di chiunque, guai a chi si fida di me finché sono un elefante.

    said on 

  • 1

    Una sofferenza

    Finalmente l’ho finito ma è stata una lettura difficile e per niente edificante. Sapevo che si trattava di un’opera non semplice ma non l’ho capita per niente e di conseguenza non l’ho neppure apprezzata.
    Il più noto dei racconti, Metamorfosi, non mi ha detto niente, non mi ha interessato, ...continue

    Finalmente l’ho finito ma è stata una lettura difficile e per niente edificante. Sapevo che si trattava di un’opera non semplice ma non l’ho capita per niente e di conseguenza non l’ho neppure apprezzata.
    Il più noto dei racconti, Metamorfosi, non mi ha detto niente, non mi ha interessato, non mi ha ispirato nulla se non il desiderio che finisse presto la lettura insieme alla vita del povero insetto maltrattato.
    Gli altri racconti, soprattutto quelli brevissimi, li ho trovati di una inutilità imbarazzante. Tra i più lunghi quello intitolato La Tana mi ha fatto chiedere più volte “ma perché ha scritto ‘sta roba?”
    Inutile aggiungere che non leggerò più nulla di Kafka, questo mi è bastato.

    said on 

Sorting by