Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Metro 2033

El último refugio

By

Publisher: Timun Mas

3.6
(497)

Language:Español | Number of Pages: 544 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Russian , German , English , Italian , Swedish , French , Portuguese , Chi simplified , Greek , Chi traditional , Hungarian , Polish

Isbn-10: 8448039807 | Isbn-13: 9788448039806 | Publish date:  | Edition 1

Translator: Joan Josep Musarra Roca

Also available as: Others

Category: Fiction & Literature , Horror , Science Fiction & Fantasy

Do you like Metro 2033 ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Año 2033. Tras una guerra nuclear devastadora, amplias zonas del mundo han quedado sepultadas bajo escombros y cenizas debido a la radiación. También Moscú se ha tansformado en una ciudad fantasma. Los supervivientes se han refugiado bajo tierra, en la red de metro. En cada una de las estaciones, convertidas en pequeñas ciudades estado, sus habitantes se agrupan en torno a las más diversas ideologías, religiones o movidos por un único objetivo: impedir una invasión de las criaturas mutantes del exterior.

Artyom, un joven soldado, será elegido para penetrar en el corazón del metro hasta la legendaria Polis y alertar a todos del peligro que acecha a la estación de la que procede, la VDNKh, y a toda la red metropolitana. De él dependerá el futuro de su hogar, del Metro y puede que de toda la humanidad.
Sorting by
  • 1

    Boh.Libri che non avrebbero mai dovuto essere pubblicati o più che altro esperimenti falliti.
    La prima bozza di questo libro è apparsa su internet nel 2002 o 2003 come racconto a puntate e la stesura definitiva del romanzo,che è stato infine pubblicato nel 2007,ha tenuto conto di suggerimen ...continue

    Boh.Libri che non avrebbero mai dovuto essere pubblicati o più che altro esperimenti falliti.
    La prima bozza di questo libro è apparsa su internet nel 2002 o 2003 come racconto a puntate e la stesura definitiva del romanzo,che è stato infine pubblicato nel 2007,ha tenuto conto di suggerimenti e aggiunte dei lettori della versione primigenia. Pessima idea.O forse è solo l'autore che scrive in modo atroce.Forse tutte e due le cose.
    Sull 'edizione italiana ci sarebbe già da accanirsi furiosamente, è inconcepibile dover lasciare dei soldi alla cassa di una libreria per una roba del genere,la traduzione è atroce con annessi errori (parecchi) di grammatica e sintassi qua e là,l'impaginazione ancora peggio,un vero e proprio stupro visivo,i caratteri enormi sono posti spesso a distanze irregolari.Tra i capitoli ci sono 2-3 pagine vuote di cui nessuno sentiva l'esigenza.
    La storia di interessante ha solo l'ambientazione,resa abbastanza bene,cupa e claustrofobica.La maggioranza dei personaggi sono imbarazzanti e a parte il protagonista (purtroppo) durano solo poche pagine per poi sparire nel nulla.Il protagonista in particolare,di cui sappiamo praticamente soltanto il nome,sembra creato apposta per essere il più insopportabile possibile,passivo,irrazionale e assolutamente idiota.L'autore in più ci stupisce con un'inventiva tale da ricorrere parecchie volte (non sto scherzando parecchie) al cliché del salvataggio fortuito e all'ultimo secondo,raccontando lo stesso sogno ogni volta che il protagonista dorme dilungando inutilmente e fastidiosamente molti capitoli e inserendo totalmente a casaccio inutili e insulsi richiami al sovrannaturale che fanno a pugni con il resto della trama.
    Non mancano mostracchioni da B-Movie creati dalle radiazioni in una quindicina d'anni partendo da non si sa cosa.
    Da evitare come la peste.Maledico la gente che me ne ha parlato bene.

    said on 

  • 2

    ambientazione interessante ed un bel finale (anche se purtroppo aperto).
    non bastano però a sollevare un libro che fondamentalmente mi ha annoiato, dalla trama ripetitiva e dai personaggi superficiali (protagonista compreso).

    said on 

  • 1

    Insopportabile

    Davvero non mi riesce di comprendere perché mai una mezza porcheria come questo libro abbia avuto successo.
    Il protagonista è privo di identità, così come tutti gli altri personaggi che vengono descritti nel libro non sono distinguibili né riescono a lasciare in benché minimo ricordo del lo ...continue

    Davvero non mi riesce di comprendere perché mai una mezza porcheria come questo libro abbia avuto successo.
    Il protagonista è privo di identità, così come tutti gli altri personaggi che vengono descritti nel libro non sono distinguibili né riescono a lasciare in benché minimo ricordo del loro passaggio. Non c'è una personalità che sia una ad emergere, non c'è una costruzione a livello di caratterizzazione dei personaggi.

    Un libro che mi ha irritato e che non sono neppure riuscito a finire, tanto è stata la sua pochezza.

    Da buttare

    said on 

  • 5

    Bello, bello. Personalissima opinione, perché ho intravisto su internet una vastissima gamma di recensioni e non a tutti è piaciuto. Personalmente, ho sofferto solo l'uso della lingua originale per i nomi dei luoghi (le stazioni) che avrebbero anche potuto essere tradotti per la maggior parte, e ...continue

    Bello, bello. Personalissima opinione, perché ho intravisto su internet una vastissima gamma di recensioni e non a tutti è piaciuto. Personalmente, ho sofferto solo l'uso della lingua originale per i nomi dei luoghi (le stazioni) che avrebbero anche potuto essere tradotti per la maggior parte, e che rallentano incredibilmente la lettura (accidenti, Timiryazevskaya proprio non mi viene!). Non è vero che è scritto male, non è vero che le sensazioni sono descritte troppo palesemente. Ho apprezzato soprattutto il finale, ma anche le frequenti digressioni filosofiche ed un'ironia tragica di fondo su quanto siamo, noi uomini, sempre, testardamente, senza speranza, divisi a combatterci, fino alla fine. Artyom, nuovo mito.
    P.S.: presa dall'entusiasmo, abbiamo comprato anche il gioco per pc. A detta di mio figlio è stupendo. Ovviamente, stravolge il senso del romanzo e ne fa uno sparatutto ma era prevedibile.
    P.S.2: Reclamerei un film, ma fatto come Cristo comanda.

    said on 

  • 5

    3 años. Que se dice pronto. El tiempo que me ha llevado acabar esta novela. Principalmente porque no me convenció en sus primeros capítulos, y sin embargo ha terminado encantándome. Demasiados nombres de estaciones complejos, quizás, pero el universo creado en las redes de metro es tan rico y osc ...continue

    3 años. Que se dice pronto. El tiempo que me ha llevado acabar esta novela. Principalmente porque no me convenció en sus primeros capítulos, y sin embargo ha terminado encantándome. Demasiados nombres de estaciones complejos, quizás, pero el universo creado en las redes de metro es tan rico y oscuro que termina por atraparte. Espero que cuando lea su continuación no la deje tan apartada.

    said on 

  • 1

    La verità è che ho sperato tutto il tempo che il protagonista (scialbo, senza carattere né coraggio, totalmente preda degli eventi e provvidenzialmente salvato da morte certa ogni due minuti da qualcun altro) schiattasse male, ma male male.
    E invece niente, lui non muore e il libro, purtrop ...continue

    La verità è che ho sperato tutto il tempo che il protagonista (scialbo, senza carattere né coraggio, totalmente preda degli eventi e provvidenzialmente salvato da morte certa ogni due minuti da qualcun altro) schiattasse male, ma male male.
    E invece niente, lui non muore e il libro, purtroppo, va avanti.
    Non mi sento di salvare davvero nulla. Manco il protagonista, appunto.

    said on 

  • 3

    Me ha parecido que hay mucho relleno, "paja barata y aburrida"... Además, el personaje protagonista sale bien parado de un montón de problemas con explicaciones demasiado mágicas y menos coherentes. Lo mejor el universo "metro" y las descripciones de sus estaciones postapocalípticas, en las cuale ...continue

    Me ha parecido que hay mucho relleno, "paja barata y aburrida"... Además, el personaje protagonista sale bien parado de un montón de problemas con explicaciones demasiado mágicas y menos coherentes. Lo mejor el universo "metro" y las descripciones de sus estaciones postapocalípticas, en las cuales autor ha puesto todo su valor.
    De todas formas, a pesar de lo escrito y aunque resulte extraño creo que con el tiempo leeré el segundo libro de la saga.

    said on 

  • 3

    Una parziale delusione...

    ...l'ambientazione è estremamente interessante, un'ottima variazione sul clichè post-apocalittico. La grossa nota dolente è la trama ed il procedere degli eventi, tutto sembra fin troppo casuale e messo lì per far succedere qualcosa in modo del tutto casuale e slegato dal resto. Anche il finale " ...continue

    ...l'ambientazione è estremamente interessante, un'ottima variazione sul clichè post-apocalittico. La grossa nota dolente è la trama ed il procedere degli eventi, tutto sembra fin troppo casuale e messo lì per far succedere qualcosa in modo del tutto casuale e slegato dal resto. Anche il finale "ad effetto", oltre ad un gusto di già visto conserva questa totale "casualità" con il resto della storia.

    said on 

  • 3

    Dopo un'esplosione nucleare che ha contaminato il pianeta, gli unici sopravvissuti sono coloro che, il giorno dell'esplosione, sono riusciti a rifugiarsi nei sotterranei della metro di Mosca, al riparo dalle radiazioni. Da quel giorno è iniziata per loro una nuova vita. 3 stellette solo perchè la ...continue

    Dopo un'esplosione nucleare che ha contaminato il pianeta, gli unici sopravvissuti sono coloro che, il giorno dell'esplosione, sono riusciti a rifugiarsi nei sotterranei della metro di Mosca, al riparo dalle radiazioni. Da quel giorno è iniziata per loro una nuova vita. 3 stellette solo perchè la traduzione sembra fatta con google translate, ed inoltre nel testo ci sono un sacco di errori ortografici che rendono la lettura irritante. E' un peccato perchè trovo che sia un bellissimo romanzo di fantascienza.

    said on