Mexico City Blues

Il manifesto poetico del padre della Beat Generation

Di

Editore: Newton & Compton (Grandi tascabili economici, 220)

3.6
(244)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 352 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese

Isbn-10: 8879830996 | Isbn-13: 9788879830997 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Carlo Alberto Corsi , Carla Coppola , Paola Fanzeco

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura

Ti piace Mexico City Blues?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Testo orig. a fronte.
Ordina per
  • 5

    Mexico City Blues

    Jack Kerouac

    Il manifesto poetico del padre della Beat Generation
    Testo inglese a fronte

    «Mexico City Blues è un grande classico. È un'opera originale, con un discorso molto personale, di una musicali ...continua

    Jack Kerouac

    Il manifesto poetico del padre della Beat Generation
    Testo inglese a fronte

    «Mexico City Blues è un grande classico. È un'opera originale, con un discorso molto personale, di una musicalità notevole. Un'opera di genio continuato, una suite di 242 poeie, come i Sonetti di Shakespeare, in cui Kerouac "jezza" la lingua americana» (Allen Ginsberg)

    Kerouac. Un autore che mi ha affascinato da subito al nostro primo incontro, avvenuto nell'ottobre del 2013 quando lessi il suo romanzo "Sulla strada", di cui spero di potervi raccontare del mio incontro con questo libro al più presto.
    Arriviamo a Mexico City Blues: una mattina, appena sceso dal tram mi avviavo verso Piazza Castello a Sassari per incontrarmi con un amico, a due passi dalla fermata, attraverso e passo per via Torre Tonda, dove si trova una bancarella di libri usati. Mentre camminavo il mio occhio si posò su questo libro, mi fermai e cominciai a sfogliare alcune pagine... Avevo conosciuto il Kerouac narratore, ma volevo conoscere anche il Kerouac poeta, così senza indugiare oltre acquisto il libro.
    Son riuscito a leggerlo solo di recente.

    Mexico City Blues venne pubblicato nel 1959, ma scritto nel 1955, ed è la sua prima opera poetica pubblicata. Un continuum poetico dal quale si viene condotti dal ritmo della sua Jam Session, ben 242 strofe, nei quali emerge il suo stile definito "prosodia bop" o "prosa spontanea" che rappresenta il testamento e il manifesto della Beat Generation.
    Mexico City oltreché essere un luogo fisico rappresenta anche un luogo di "libertà", in certo senso rappresentata dalla droga lì facilmente reperibile e a basso prezzo, elemento che ritorna più volte all'interno della raccolta e che contribuisce in certa misura alla nascita della scrittura e dello stile di Kerouac. Da Mexico city si parte verso altre mete, verso altri mondi, in viaggio per non restare intrappolato nella sua stessa lirica. Il "blues", come elemento "malinconico" in un senso nostalgico di un America contraddittoria.
    Pagine che raccolgono la sua anima e talvolta pagine visionarie, Kerouac in questa raccolta si a volte si presenta come un maestro della tradizione orientale, altre volte come un musicista che dà vita ad una danza tribale, quasi sciamanica. I temi delle 242 strofe sono vari: infanzia, vita, morte, spiritualità e misticismo che si susseguono nelle pagine una dietro l'altra dove i ritmi lenti, veloci certe volte psichedelici e metafisici, e ci si ritrova a danzare insieme al questo cantante bop, si riesce persino a vederlo. La band che suona un lungo blues dai temi variabili, e lui al centro che canta tutta la sua vita, la sua "malinconia", la sua trascendenza, sudato con una sigaretta in mano, e la folla che davanti a lui balla, rapita dalla sua voce.
    Un battuto e beato, come egli stesso si definì dando una definizione della Beat Generation e questa raccolta racchiude tutti questi elementi, un opera complessa nei temi e non sempre di facile lettura, e in tutto questo la traduzione non aiuta, nonostante il lavoro dei traduttori, molte cose inevitabilmente si perdono nella riscrittura in una lingua "altra", diversa da quella originale. Il mio consiglio è, per chi conosce l'inglese di leggere le poesie prima in lingua madre e successivamente in italiano.
    Detto questo, è un libro del quale ne consiglio la lettura, a tutti e non solo a chi già apprezza l'autore, specie in questa raccolta, Kerouac è una miniera inesauribile di spunti di storie vissute.
    Prima di lasciarvi, vi trascrivo una poesia scelta da questa raccolta.

    119a strofa

    Il tuo Sé sia il mio lume,
    Il tuo Sé sia la tua guida -
    Così parlò Tathagata
    Mettendo in guardia dalle radio
    Che sarebbero venute
    Un giorno
    E avrebbero costretto la gente
    Ad ascoltare automatiche
    Parole altrui

    e il generico flash dei rumori,
    dimenticando il Sé, il non-Sé -
    Dimenticando il segreto...

    Lassù sulle montagne così alte
    i sommi sacerdoti stregoni stanno
    a ramazzare il ponte
    di torsi dalle costole rotte
    rotte sulla ruota di tortura
    di
    Kallaquack
    cercando di capire in che modo uscir
    fuor dalla calamità di polvere e
    eternità, buz, è meglio
    che tu torni alla barca
    g e n t i l e

    Jack Kerouac, Mexico City Blues

    ha scritto il 

  • 4

    Un jazz di parole

    Scorrono le parole, formate da lettere a volte sconosciute, nella mente di Jack e da questa alla sua penna. Un fiume di idee, concezioni, credenze ed illusioni per atterrare nella nostra pancia, sono ...continua

    Scorrono le parole, formate da lettere a volte sconosciute, nella mente di Jack e da questa alla sua penna. Un fiume di idee, concezioni, credenze ed illusioni per atterrare nella nostra pancia, sono le sue note ad essere percepite dalle nostre corde. Il loro flusso ci permette di navigare in un mondo che non si ferma mai, con ritmo sincopato ci trasmette un fiume di sensazioni che pian piano si sedimentanto nel profondo del nostro animo. Un Keruac da valutare, rivalutare e trattenere per sempre.

    ha scritto il 

  • 3

    Frasi dal libro

    "Got up and dressed up
    and went out & got laid
    Then died and got buried
    in a coffin in the grave,
    Man
    Yet everything is perfect.
    Because it is empty,
    Because it is perfect
    with emptiness,
    Because it's ...continua

    "Got up and dressed up
    and went out & got laid
    Then died and got buried
    in a coffin in the grave,
    Man
    Yet everything is perfect.
    Because it is empty,
    Because it is perfect
    with emptiness,
    Because it's not even happening"

    (Mi lavai e vestii
    e uscii e rimediai da chiavare
    Poi morii e fui sepolto
    in una cassa nella tomba,
    Uomo
    Eppure ogni cosa è perfetta,
    Perché è vuota
    Perché è perfetta
    di vuoto
    Perché nemmeno accade.)

    http://frasiarzianti.wordpress.com/2014/10/24/mexico-city-blues-j-kerouac/

    ha scritto il 

  • 5

    Meraviglioso emblema della poesia beat, comprensibile forse solo da persone con una spiccata sensibilità e che hanno assaporato appieno le opere in "prosa" di Kerouac e compagni (Allen Ginsberg, Greog ...continua

    Meraviglioso emblema della poesia beat, comprensibile forse solo da persone con una spiccata sensibilità e che hanno assaporato appieno le opere in "prosa" di Kerouac e compagni (Allen Ginsberg, Greogry Corso, Ferlinghetti).

    Poesia sperimentale, veloce, flusso di coscienza continuo, immensa spiritualità ad ogni verso, ogni singola parola attiva esplosioni di sensazioni , emozioni e "divinazioni" nella mente del lettore che così ha la possibilità di riscoprire verità nel proprio profondo a ritmo di Blues e Jazz.

    ha scritto il 

  • 1

    "Ah! Devi assolutamente leggere Kerouac, il capostipite della Beat Generation! Quest'opera è un vero monumento al flusso di coscienza. La sua poesia è un'innovazione stilistica estrema ecc ecc.."

    Sinc ...continua

    "Ah! Devi assolutamente leggere Kerouac, il capostipite della Beat Generation! Quest'opera è un vero monumento al flusso di coscienza. La sua poesia è un'innovazione stilistica estrema ecc ecc.."

    Sinceramente ?
    Sarà che non sono mai stata un'amante della poesia, ma queste in particolare le ho trovate del tutto prive di contenuti capibili da una persona che, nel momento in cui le legge, non sia sotto effetto di anfetamina.
    Quindi piantiamola con le cavolate da alternativi. Leggere le poesie di Kerouac non fa figo. Ti fa solo perdere tempo utile che potresti utilizzare per fare qualcosa di più costruttivo.

    ha scritto il