Mia madre, la mia bambina

Voto medio di 115
| 18 contributi totali di cui 15 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Ben Jelloun coglie con partecipazione gli atti e i pensieri della madre sofferente. L'Alzheimer che l'affligge non ha uno sviluppo lineare, il peggioramento è impercettebile, e spesso viene intervallato da momenti di lucidità in cui la ...Continua
Marta
Ha scritto il 08/11/11

Delicato e poetico nel suo accostarsi alla descrizione della malattia, che consuma inesorabilmente la sua amatissima madre.Peraltro, non particolarmente coinvolgente,lo stile narrativo di Tahar Ben Jelloun non mi entusiasma.

Coriandola di...
Ha scritto il 01/12/10
Lo scrittore ritorna nel passato e rivive la vita della madre, affetta dall’Alzheimer. La descrizione di episodi che riguardano la sua vita, i suoi pensieri, le allucinazioni e i momenti di lucidità e della memoria che vacilla; la preoccupazione dei...Continua
Squanit
Ha scritto il 12/09/10
E' triste constatare che si sta diventando il padre della propria madre; vedere la malattia rodere i ricordi e l'identità. Potrebbe sembrare un libro ripetitivo, ma non è forse l'Alzheimer che impone un continuo ripetere perchè non vi è più memoria? ...Continua
Lizzie
Ha scritto il 01/04/10
Malinconia e tenerezza si fondono in questo racconto delicato, rispettoso di una vecchiaia che è intrisa di passato giovane. Mette l'accento sul rapporto genitore-figlio, ma anche sulle abitudini di una civiltà diversa da quella in cui viviamo. Consi...Continua
Maria
Ha scritto il 29/03/10
Alla fine ho tirato un sospiro di sollievo dopo essermi persa tra deliri, momenti di lucidità, allucinazioni, ricordi ripetuti in modo ossessivo e distorti dal lento scivolare nel buio della mente e nella disgregazione fisica di un corpo che era stat...Continua

Squanit
Ha scritto il Sep 16, 2010, 12:55
Così mia madre muore. Come avrebbe detto lei se fosse stata in grado di parlare: raccolgo le ore e i giorni, mi chino e ne prendo i pezzetti, non sono granché, anche se i frammenti del tempo che passa non sono trascurabili, ma se sarete tutti qui pot...Continua
Pag. 161
Squanit
Ha scritto il Sep 16, 2010, 12:51
La morte, quella vera, l'insopportabile perdita e assenza, è la malattia, giorni e notti interminabili di deterioramento, di sofferenza e di impotenza. La morte è questo, e non quella frazione di secondo in cui il cuore si ferma.
Pag. 161
Patty
Ha scritto il Jan 16, 2009, 21:28
Non ho paura della morte-ama ripetere mia madre.-La morte e' un diritto datoci da Dio per chiudere la nostra vita.Non sta a me discutere la volonta' divina:La malattia e' un altra cosa,la malattia e' una morte piena di vilta'.Ci gira intorno ,se la p...Continua
Pag. 41

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi