Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Mia madre, la mia bambina

By Tahar Ben Jelloun

(151)

| Others | 9788806179755

Like Mia madre, la mia bambina ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Ben Jelloun coglie con partecipazione gli atti e i pensieri della madre sofferente. L'Alzheimer che l'affligge non ha uno sviluppo lineare, il peggioramento è impercettebile, e spesso viene intervallato da momenti di lucidità in cui la Continue

Ben Jelloun coglie con partecipazione gli atti e i pensieri della madre sofferente. L'Alzheimer che l'affligge non ha uno sviluppo lineare, il peggioramento è impercettebile, e spesso viene intervallato da momenti di lucidità in cui la madre scherza sul proprio male. Gli episodi descritti sono quelli dell'amnesia e confusione tipici della malattia; c'è la crisi dei figli, che oscillano tra l'angoscia e il rifiuto nel vedere la madre in quelle condizioni, nel vedere una persona che sbiadisce come una vecchia fotografia, si spegne, scompare.

16 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    L'Alzheimer spiegato a mia figlia

    Quando nel 1998 apparve nelle maggiori librerie d'Europa
    "Il razzismo spiegato a mia figlia" si rivelò da subito un successo
    di vendita e di pubblico, sorprendente anche per Tahar Ben Jelloun.
    Perchè? Forse perchè il razzismo è un fenomeno odioso ma ...(continue)

    Quando nel 1998 apparve nelle maggiori librerie d'Europa
    "Il razzismo spiegato a mia figlia" si rivelò da subito un successo
    di vendita e di pubblico, sorprendente anche per Tahar Ben Jelloun.
    Perchè? Forse perchè il razzismo è un fenomeno odioso ma che fa parte della nostra natura, lo generano l'ignoranza e la xenofobia, è come un dente
    cariato,la causa del male siamo noi stessi e le nostre cattive abitudini alimentari;possiamo strapparlo via, ma se non cambiamo, si ammalerà un altro dente.Tahar Ben Jelloun si dimostrò un ottimo dentista, ci spiegò
    le cause maggiori e ci offrì una cura, semplice quanto efficace:la Cultura.
    Con la stessa incisiva sobrietà di linguaggio Tahar Ben Jelloun in
    "Mia madre,la mia bambina" affronta il problema di una malattia devastante
    sia per chi ne è ammalato, sia per i familiari e gli amici del degente: l'Alzheimer.
    Il dolore che sparge a piene mani questa malattia sciocca tutta la famiglia
    perchè va a colpire soprattutto la memoria, tutto quello che siamo stati e siamo,
    ancora più doloroso se a confonderti con tutto il resto del mondo è tua madre,colei che ti ha generato.In questo libro Ben Jelloun racconta la vita di Lalla Fatma, sua madre. Viaggiamo in loro compagnia attraverso un Marocco suggestivo, fatto di tradizioni arcaiche , partiamo dalla piccola Fès , città santa fatta di piccoli mercati e numerose Moschee, dove,Lalla Fatma bambina conobbe le prime gioie e i primi dolori per giungere infine nella caotica Tangeri.Ci confronteremo con costumi antichi e lontani dalla nostra cultura,apprenderemo delle incomprensioni con il marito, con i parenti e dell'amore cieco e risoluto per i figli.Ci accoglierà il suo caldo abbraccio: il profumo di madre,ma ci sveglieremo bruscamente con una donna che non ci riconosce più, che teme di essere derubata e abbandonata dalla serva Keltoum, che puzza di merda e odia i pannoloni.
    Non è una favola, è l'Alzhimer, ricordo uno scritto di James Matthew Barrie in "Peter Pan":
    "Dio ci ha donato la memoria, così possiamo avere le rose anche a dicembre",questa malattia
    le rose le brucia, come una gelata improvvisa,non torneranno più a fiorire.

    di Luigi De Rosa

    Is this helpful?

    Luigi De said on Feb 6, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Delicato e poetico nel suo accostarsi alla descrizione della malattia, che consuma inesorabilmente la sua amatissima madre.Peraltro, non particolarmente coinvolgente,lo stile narrativo di Tahar Ben Jelloun non mi entusiasma.

    Is this helpful?

    Marta said on Nov 8, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Lo scrittore ritorna nel passato e rivive la vita della madre, affetta dall’Alzheimer. La descrizione di episodi che riguardano la sua vita, i suoi pensieri, le allucinazioni e i momenti di lucidità e della memoria che vacilla; la preoccupazione dei ...(continue)

    Lo scrittore ritorna nel passato e rivive la vita della madre, affetta dall’Alzheimer. La descrizione di episodi che riguardano la sua vita, i suoi pensieri, le allucinazioni e i momenti di lucidità e della memoria che vacilla; la preoccupazione dei figli che, inermi, assistono al suo lento spegnimento. Non un romanzo, ma un omaggio alla madre.

    Is this helpful?

    Coriandola di serie B said on Dec 1, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    E' triste constatare che si sta diventando il padre della propria madre; vedere la malattia rodere i ricordi e l'identità.
    Potrebbe sembrare un libro ripetitivo, ma non è forse l'Alzheimer che impone un continuo ripetere perchè non vi è più memoria?

    Is this helpful?

    Squanit said on Sep 12, 2010 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Malinconia e tenerezza si fondono in questo racconto delicato, rispettoso di una vecchiaia che è intrisa di passato giovane.
    Mette l'accento sul rapporto genitore-figlio, ma anche sulle abitudini di una civiltà diversa da quella in cui viviamo.
    Consi ...(continue)

    Malinconia e tenerezza si fondono in questo racconto delicato, rispettoso di una vecchiaia che è intrisa di passato giovane.
    Mette l'accento sul rapporto genitore-figlio, ma anche sulle abitudini di una civiltà diversa da quella in cui viviamo.
    Consigliato.

    Is this helpful?

    Lizzie said on Apr 1, 2010 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Alla fine ho tirato un sospiro di sollievo dopo essermi persa tra
    deliri, momenti di lucidità, allucinazioni, ricordi ripetuti in modo ossessivo e distorti dal lento scivolare nel buio della mente e nella disgregazione fisica di un corpo che era sta ...(continue)

    Alla fine ho tirato un sospiro di sollievo dopo essermi persa tra
    deliri, momenti di lucidità, allucinazioni, ricordi ripetuti in modo ossessivo e distorti dal lento scivolare nel buio della mente e nella disgregazione fisica di un corpo che era stato bello.

    Is this helpful?

    Maria said on Mar 29, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (151)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Others 184 Pages
  • ISBN-10: 8806179756
  • ISBN-13: 9788806179755
  • Publisher: Einaudi
  • Publish date: 2006-01-01
  • Also available as: Mass Market Paperback
Improve_data of this book

Margin notes of this book