Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Mica facile trovare un ammazzatigri

Di

Editore: Neri Pozza

3.9
(26)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 240 | Formato: Altri

Isbn-10: 887305806X | Isbn-13: 9788873058069 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Morzenti

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Mica facile trovare un ammazzatigri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Si tratta di dodici racconti ambientati nella Cina contemporanea, a Muji, dovela gente vive una vita solo apparentemente tranquilla, segnata in realtà dapiccoli gesti di insubordinazione, da sottili forme di ribellione. Vi èl'attore televisivo che prende troppo sul serio la sua parte, il maritomodello che frequenta un club letterario maschile segreto, l'ufficiale che haperduto la memoria dopo un terremoto... Trasformazioni, sorprese,mascheramenti abbondano in questi racconti, che gettano luce sulla zonad'ombra della Cina contemporanea, sulla faccia nascosta della vita privata deisudditi dell'Impero rosso.
Ordina per
  • 5

    I cinesi sanno essere formidabili narratori. La precisione nelle descrizioni dà vita a un realismo in cui l'interiorità umana risulta con potente evidenza da cose, gesti, azioni. Un esempio perfetto del "mostrare, non dire" che era il motto di una narratrice come Flannery O'Connor (molto a propo ...continua

    I cinesi sanno essere formidabili narratori. La precisione nelle descrizioni dà vita a un realismo in cui l'interiorità umana risulta con potente evidenza da cose, gesti, azioni. Un esempio perfetto del "mostrare, non dire" che era il motto di una narratrice come Flannery O'Connor (molto a proposito Ha Jin ha vinto il premio a lei dedicato). Dunque, in questi racconti è spesso un gesto, sovversivo o crudele, a esprimere un male di vivere universalmente umano. E allo stesso tempo un attaccamento alla vita esemplificato meravigliosamente dalla bambina che fa pipì sulle verdure raccolte e sente che "d'ora in poi, la sera, non avrebbe più pianto come una mocciosa".

    ha scritto il 

  • 4

    mica facile dire le cose come stanno

    dodici racconti ambientati nella Cina rurale
    racconti tristi, realistici e intensi
    Ha Jin non ci prende in giro e racconta le cose così come le vede
    e le cose non sono per niente buone
    la Cina non è un posto facile in cui vivere, e vivere non è esattamente una definizione ...continua

    dodici racconti ambientati nella Cina rurale
    racconti tristi, realistici e intensi
    Ha Jin non ci prende in giro e racconta le cose così come le vede
    e le cose non sono per niente buone
    la Cina non è un posto facile in cui vivere, e vivere non è esattamente una definizione adatta a quello che fanno i suoi protagonisti
    la reazione tipica di rivalsa che accompagna ogni sopraffazione è il filo conduttore, e tutti i suoi protagonisti in qualche modo si trovano a provare quella sensazione
    il Partito è onnipresente, ma di quella presenza che affligge e controlla
    e la gente gli si deve piegare, la gente è sempre la stessa, è quella che si piega e poi la fa pagare al più debole, la gente non è diversa da nessuna parte, ma a guardarla bene qua fa paura davvero...

    ha scritto il 

  • 4

    brillante.l'autore è un cinese d'oltremare (sta da tempo in America, mi pare)e forse grazie a questo la sensibilità e lo stile sono più vicini a quelli di noi barbari pelosi rispetto ad altri gionguoren.mette a nudo con la giusta ironia il grottesco involontario in cui sguazzano da tempo gli abit ...continua

    brillante.l'autore è un cinese d'oltremare (sta da tempo in America, mi pare)e forse grazie a questo la sensibilità e lo stile sono più vicini a quelli di noi barbari pelosi rispetto ad altri gionguoren.mette a nudo con la giusta ironia il grottesco involontario in cui sguazzano da tempo gli abitanti dell'Impero di Mezzo (da sempre, direi. che matti)

    ha scritto il