Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Michael Tolliver Lives

(Tales of the City, Book 7)

By

Publisher: Doubleday

3.8
(34)

Language:English | Number of Pages: 288 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) French , German

Isbn-10: 0385612400 | Isbn-13: 9780385612401 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Softcover and Stapled , Audio CD , eBook

Category: Fiction & Literature , Gay & Lesbian

Do you like Michael Tolliver Lives ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Un romanzo scorrevole e piacevole, perché tale è lo stile di Maupin da circa 8000 anni. Però ogni libro deve fare storia a sé e i primi meravigliosi volumi di Tales of the city non possono regalare meriti ad un'intera produzione letteraria.


    La sensazione, leggendo Michael Tolliv ...continue

    Un romanzo scorrevole e piacevole, perché tale è lo stile di Maupin da circa 8000 anni. Però ogni libro deve fare storia a sé e i primi meravigliosi volumi di Tales of the city non possono regalare meriti ad un'intera produzione letteraria.

    La sensazione, leggendo Michael Tolliver Lives, è che l'autore volesse scrivere un racconto breve per passare il tempo, scoprendo successivamente che con numerosi ed evitabili riassunti dell'intera saga, ne avrebbe ricavato un romanzo di 300 e più pagine.

    Teoria che autosmentisco: ad un certo punto ci vengono riassunti i fatti letti poche decine di pagine prima. A quanto pare Maupin ha scritto il primo libro per persone con problemi di memoria. Vecchia volpe.

    said on 

  • 5

    Pur non essendo un vero e proprio seguito delle Tales of the City, questo romanzo ha come protagonista Michael Tolliver, che torna per narrare in prima persona la sua vita di ultracinquantenne sieropositivo in una San Francisco dei giorni nostri.
    Mouse adesso è sposato con un uomo di vent'a ...continue

    Pur non essendo un vero e proprio seguito delle Tales of the City, questo romanzo ha come protagonista Michael Tolliver, che torna per narrare in prima persona la sua vita di ultracinquantenne sieropositivo in una San Francisco dei giorni nostri.
    Mouse adesso è sposato con un uomo di vent'anni più giovane e continua a dover affrontare il difficile rapporto con una famiglia che non ha mai saputo accettare (ma solo tollerare) la sua omosessualità.
    È un romanzo molto nostalgico e in cui fanno capolino anche gli altri protagonisti della serie, di cui conserva intatto l'aspetto più umano e coinvolgente.

    said on 

  • 5

    Un ritorno in grande stile

    Ci sono dei libri che leggi come se stessi trovando dei vecchi amici dopo tanto tempo. Ed è stata questa l’impressione ritrovando, dopo tanto tempo, Michael Tolliver “Mouse” in una San Francisco finalmente riportata ai giorni nostri. E gli altri personaggi, come Brian, o l’immancabile Anna Madrig ...continue

    Ci sono dei libri che leggi come se stessi trovando dei vecchi amici dopo tanto tempo. Ed è stata questa l’impressione ritrovando, dopo tanto tempo, Michael Tolliver “Mouse” in una San Francisco finalmente riportata ai giorni nostri. E gli altri personaggi, come Brian, o l’immancabile Anna Madrigal, la “Signora” di Barbary Lane. E benché Armistead Maupin, l’autore gay più letto al mondo, neghi che questo sia il settimo volume della serie “Tales of the City” (Racconti di San Francisco nella traduzione italiana, di cui finora sono usciti i primi 4 volumi ).

    Il racconto, come dice già il titolo, parla di “sopravvissuti”, e le prime pagine raccontano proprio della grande “meraviglia” delle persone sopravvissute all’ecatombe AIDS. Mouse stesso è sieropositivo, ma è uno dei fortunati cui le cure hanno fatto effetto. Incontra una nuova persona, Ben, di “una generazione più giovane” (ha 21 anni in meno), con cui si sposa. Ma il libro non parla solo di questo, ma anche di Anna Madrigal che, abbandonata la famosa casa su Barbary Lane, a causa dell’età, vive adesso in un condominio assieme ad altri trannies. Maichael scoprirà quanto è duro relazionarsi con una famiglia che non lo ha mai completamente accettato per il suo lifestyle, fino ad una dura decisione da prendere: assistere la madre che muore, o andare in ospedale dalla vecchia padrona di casa?

    La recensione completa è disponibile su:
    http://www.ecletticamente.eu/2007/09/16/armistead-maupin-michael-tolliver-lives/

    said on