Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Mil Soles Esplendidos

By

4.4
(17541)

Language:Español | Number of Pages: | Format: Paperback | In other languages: (other languages) English , German , Italian , Chi simplified , Norwegian , Dutch , Swedish , French , Chi traditional , Catalan , Portuguese , Japanese , Slovenian , Finnish , Danish , Korean , Russian

Isbn-10: 8498381355 | Isbn-13: 9788498381351 | Publish date: 

Curator: EDHASA

Also available as: Others , Hardcover , Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , History

Do you like Mil Soles Esplendidos ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Hija ilegítima de un rico hombre de negocios, Mariam se cría con su madre en una modesta vivienda a las afueras de Herat. A los quince años, su vida cambia drásticamente cuando su padre la envía a Kabul a casarse con Rashid, un hosco zapatero treinta años mayor que ella. Casi dos décadas más tarde, Rashid encuentra en las calles de Kabul a Laila, una joven de quince años sin hogar.

Cuando el zapatero le ofrece cobijo en su casa, que deberá compartir con Mariam, entre las dos mujeres se inicia una relación que acabará siendo tan profunda como la de dos hermanas, tan fuerte como la de madre e hija. Pese a la diferencia de edad y las distintas experiencias que la vida les ha deparado, la necesidad de afrontar las terribles circunstancias que las rodean -tanto de puertas adentro como en la calle, donde la violencia política asola el país-, hará que Mariam y Laila vayan forjando un vínculo indestructible que les otorgará la fuerza necesaria para superar el miedo y dar cabida a la esperanza.

Sorting by
  • 3

    Un libro che procede tra alti e bassi e scene a volte sin troppo scontate a volte per nulla. Nel complesso è un buon libro che consente di conoscere il disgraziato destino dell'Afghanistan attraverso ...continue

    Un libro che procede tra alti e bassi e scene a volte sin troppo scontate a volte per nulla. Nel complesso è un buon libro che consente di conoscere il disgraziato destino dell'Afghanistan attraverso la vita di due donne molto diverse tra loro.

    said on 

  • 5

    GOTHA

    Mille splendidi soli" è veramente speciale, l'autore è cresciuto molto ed è riuscito a creare empatia tra le pagine e il lettore. Per lo meno per me è stato così. Anche questo è stato "divorato" in du ...continue

    Mille splendidi soli" è veramente speciale, l'autore è cresciuto molto ed è riuscito a creare empatia tra le pagine e il lettore. Per lo meno per me è stato così. Anche questo è stato "divorato" in due giorni, credo di essere diventata Hosseini dipendente.
    L’autore entra a far parte di diritto del mio personalissimo Gotha degli autori, Christie, Asimov, Follet e Hosseini appunto, grande!!!

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    CONSIGLIO DI LETTURA

    Devo ringraziare Lucia per avermi consigliato questo libro. Da sola forse avrei aspettato ulteriormente, perchè sapevo che effetto poteva farmi.
    Hosseini non mi ha deluso. Per nulla.
    Ho amato e odiato ...continue

    Devo ringraziare Lucia per avermi consigliato questo libro. Da sola forse avrei aspettato ulteriormente, perchè sapevo che effetto poteva farmi.
    Hosseini non mi ha deluso. Per nulla.
    Ho amato e odiato questo libro. Amato..si amato. Come non amare Mariam, figlia di un adulterio e tradita da suo padre? Sua madre si suicida nel momento in cui crede di averla persa per sempre. Costretta a sposarsi un uomo che solo per il fatto che respira, ha sbagliato, è una peccatrice per cui viene percossa ripetutamente. Mariam vive nel terrore. Pensa che sua madre in fin dei conti avesse ragione. Non c'è felicità per quelle come loro.
    Poi abbiamo Laila, che vive in una famiglia moderna. Il padre è un professore. La madre non porta burka è libera. Laila è una sognatrice, va a scuola e scopre si essere innamorata del suo migliore amico.
    Ma poi arriva la guerra e spazza via tutto. La realtà che conoscevano non c'è più. Viene sostituita da un mondo fatto di soprusi, fame, disperazione, ma il destino le fa incontrare.
    Le ho amate fino all'ultima pagina. Ho vissuto con loro tutto. Ho sperato per loro. Sono stata male ogni volta che Rashid le picchiava.
    Ma ho anche odiato questo libro. Si perchè mi ha fatto conoscere la rabbia e l'impotenza di non poter far nulla per un paese dilaniato dalla guerra per il potere, per l'ottusità religiosa e l'ottusità delle gente in generale. Per la crudeltà contro le donne. Per l'ignoranza. E se penso che ancora è così..mi fa male. Sto male. E poi penso a Mariam, a questa donna coraggiosa, che non ha chiesto nulla dalla vita a parte essere amata. Forse è meglio non ci pensi..perchè piango ancora. Ho pianto come una fontana. Mi si è lacerato il cuore. Però c'è Laila che la ricorda e che vive per lei.
    Hosseini non si fa cosi, mi hai distrutto. Ma grazie per aver scritto questa meravigliosa storia, così che tutti possano conoscerla, e che io ho potuto leggere.

    said on 

  • 4

    “Non puoi impedirti di essere quello che sei.”

    Non dovete dipingere le unghie. In caso contrario vi sarà tagliato un dito.” Legge talebana in Afghanistan Nella foto le mie unghie blu inchiostro dipinte da una esperta manicure cinese a Milano.

    Mi h ...continue

    Non dovete dipingere le unghie. In caso contrario vi sarà tagliato un dito.” Legge talebana in Afghanistan Nella foto le mie unghie blu inchiostro dipinte da una esperta manicure cinese a Milano.

    Mi hanno regalato questo libro a Natale (grazie!). Avevo letto, dello stesso autore, Il Cacciatore di aquiloni, un libro che ho molto apprezzato per lo stile semplice ma profondo e per avermi fatto capire meglio la situazione di un paese, l’Afghanistan sempre dimenticato. Mille splendidi soli riprende l’ambientazione a Kabul, in Afghanistan, terra dell’autore, prima e dopo la guerra del 1978. Rispetto al Cacciatore di aquiloni, dove tutti i protagonisti sono uomini, questa è una storia tutta al femminile. Le protagoniste sono donne e il vero protagonista della storia è l’intreccio tra i sentimenti di sostegno, rivalità, incomunicabilità, forza e incredibile riserva di coraggio che ogni donna riesce a tirare fuori nelle occasioni della vita. «Come l’ago della bussola segna il nord, così il dito accusatore dell’uomo trova sempre una donna cui dare la colpa. Sempre.» Così insegna la madre di Mariam, una figlia haram, illegittima, fin dalla sua nascita. Già da questa frase, all’inizio del libro, si capisce che la condizione in cui deve vivere la donna afgana è imparare la sopportazione e la sottomissione al dolore.

    Leggendo le parole lievi che narrano fatti nudi e crudi, mi sono domandata se, in fondo, imparare la sopportazione del dolore non sia una delle prime cose che apprendono tutte le donne del mondo. Il libro, attraverso una trama scandita da vari eventi, si parla di molti generi di dolore, non sto parlando del parto. Si racconta ad esempio del dolore che procura un genitore quando delude a ripetizione, del dolore che spezza il cuore quando un amante ti lascia. Il dolore devastante di chi rimane orfano, il dolore sotterraneo e vergognoso della donna che non può avere figli. Il dolore di bruciante delusione quando l’amore della nostra vita ci maltratta, ci umilia. Il dolore della lontananza, della solitudine, del sentirsi inadeguate. Mentre leggevo dell’ascesa dei talebani in Afghanistan, dell’inizio della guerra, morti, le case e vite distrutte, la proclamazione delle le leggi talebane in Afghanistan* come “Non dovete dipingere le unghie. In caso contrario vi sarà tagliato un dito.”oppure “Non dovete ridere in pubblico. In caso contrario verrete bastonate.”, leggevo e pensavo che le donne sono così forti nel sopportare il dolore e la sopportazione del dolore fa così parte della natura femminile che hanno perso la consapevolezza di avere questa capacità arrivando a sopportare l’insopportabile. Per esempio:

    Il comunicato era scritto anche su volantini che venivano lanciati per le strade. Mariam ne trovò uno in cortile.
    Il nome del nostro watan è ora Emirato Islamico dell’Afghanistan. Queste sono le leggi che noi applicheremo e alle quali siete tenuti a obbedire.
    Tutti i cittadini devono pregare cinque volte al giorno. Se durante l’ora della preghiera verrete sorpresi in altre attività, sarete bastonati.
    Tutti gli uomini devono portare la barba. La lunghezza prescritta è di almeno un palmo sotto il mento. Se non vi conformerete a questa disposizione, sarete bastonati.
    Tutti i ragazzi devono portare il turbante. Gli scolari delle scuole elementari porteranno il turbante nero, quelli delle scuole superiori bianco. Tutti gli studenti devono indossare abiti islamici. Le camicie devono essere abbottonare sino al collo.
    È proibito cantare.
    È proibito danzare.
    È proibito giocare a carte, giocare a scacchi, giocare d’azzardo e far volare gli aquiloni.
    È proibito scrivere libri, guardare film e dipingere.
    Se tenete in casa dei parrocchetti, sarete bastonati e i vostri uccelli verranno uccisi.
    Se rubate vi sarà tagliata la mano al polso. Se tornate a rubare vi sarà tagliato il piede.
    Se non siete musulmani, non dovete praticare la vostra religione in luoghi dove potete essere visti da musulmani. Se disubbidite, sarete bastonati e imprigionati. Se verrete sorpresi a convertire un musulmano alla vostra fede sarete giustiziati.
    Donne attenzione:
    Dovete stare dentro casa a qualsiasi ora del giorno. Non è decoroso per una donna vagare oziosamente per le strade. Se uscite, dovete essere accompagnate da un mahram, un parente di sesso maschile. La donna che verrà sorpresa da sola per la strada sarà bastonata e rispedita a casa.
    Non dovete mostrare il volto in nessuna circostanza. Quando uscite dovete indossare il burqa. Altrimenti verrete duramente percosse.
    Sono proibiti i cosmetici.
    Sono proibiti i gioielli.
    Non dovete indossare abiti attraenti.
    Non dovete parlare se non per rispondere.
    Non dovete guardare negli occhi gli uomini.
    Non dovete ridere in pubblico. In caso contrario verrete bastonate.
    Non dovete dipingere le unghie. In caso contrario vi sarà tagliato un dito.
    Alle ragazze è proibito frequentare la scuola. Tutte le scuole femminili saranno immediatamente chiuse. Se aprirete una scuola femminile sarete bastonati e la vostra scuola verrà chiusa.
    Alle donne è proibito lavorare.
    Se vi renderete colpevoli di adulterio, verrete lapidate.
    Ascoltate. Ascoltate con attenzione. Obbedite. Allah-u-akbar.
    *Citazione tratta dal libro Mille splendidi soli, di Khaled Hosseini con l’elenco delle leggi talebane in Afghanistan
    Dall’intreccio di due destini, una storia che ripercorre la storia di un paese in cerca di pace, dove l’amicizia e l’amore sembrano ancora l’unica salvezza. Le storie di amore e di amicizia sono descritte in modo vivido e vi faranno commuovere:

    Citazione di pagina 141
    «Mi sei mancato.»
    Ci fu un attimo di silenzio. Poi Tariq la guardò con una smorfia mezza scherzosa e mezza schifata. «Che tiprende?»
    Quante volte lei, Hasina e Giti si erano dette quelle stesse tre parole, senza pensarci, dopo soli due o tre giorni di assenza? “Mi sei mancata, Hasina.” “Oh, anche tu mi sei mancata.” La smorfia di Tariq insegnò a Laila che i ragazzi erano diversi dalle ragazze nell’espressione dei propri sentimenti. Non esibivano l’amicizia. Non sentivano il profondo bisogno di parlarne. Laila immaginò che anche per i suoi fratelli fosse stato così. I ragazzi, aveva capito, trattavano l’amicizia alla stessa stregua del sole: ne davano per scontata l’esistenza, e traevano il massimo godimento dal suo splendore solo quando non lo guardavano direttamente.
    «Volevo farti arrabbiare» si giustificò Laila.
    Tariq le gettò uno sguardo obliquo. «Ci sei riuscita.»
    Ma le parve che la smorfia di disgusto sul suo viso si fosse addolcita. Forse, per un attimo, ebbe persino l’impressione che il colore della sua abbronzatura si fosse incupito.
    Altre citazioni di un libro che non voglio dimenticare:

    “Non puoi impedirti di essere quello che sei.”

    “Non si possono contare le lune che brillano sui suoi tetti, né i mille splendidi soli che si nascondono dietro i suoi muri.”

    said on 

  • 5

    Straordinario.

    Non so davvero come esprimermi riguardo questo romanzo. Le uniche parole che mi vengono in mente sono: eccellete, fantastico, unico. Non avevo mai letto nulla di Hosseini; e non so per quale motivo io ...continue

    Non so davvero come esprimermi riguardo questo romanzo. Le uniche parole che mi vengono in mente sono: eccellete, fantastico, unico. Non avevo mai letto nulla di Hosseini; e non so per quale motivo io abbia aspettato così tanto per leggere questo romanzo o anche solo una delle sue opere.
    Avevo sentito parlare di questo romanzo e di Hosseini stesso ma forse avevo paura che non ce l'avrei fatta a 'sopportare' una lettura impegnativa come questa.
    E' stata una scoperta, si.
    Mariam e Laila sono due donne così diverse e così vicine allo stesso tempo. Sfortunate nel ritrovarsi vittime di una guerra che tutt'oggi non trova fine.
    Ma quello che più mi ha colpita oltre alla narrazione scorrevole e appassionante sono i fatti narrati; la storia di un paese martoriato da anni e anni di violenza. Ne abbiamo sentito parlare nei telegiornali praticamente ogni giorno ma da una prospettiva estranea, lontana.
    Questo libro racconta le violenze e la condizione del popolo afgano, in particolare delle donne, in quegli anni, da parte delle donne stesse. E sono rimasta sconvolta della miseria, delle difficoltà, dei soprusi e delle violenze che le donne hanno subìto. E subiscono anche oggi, purtroppo.
    Una delle cose che mi ha più segnato è stato il fatto che sotto il dominio dei talebani le donne erano segregate; non potevano fare nulla. E con nulla intendo proprio nulla.
    Gli ospedali diventano tutti maschili e ne rimane uno solo che accoglie le donne malate. Un ospedale che non ha luce,acqua, nè ossigeno. E' terrificante.
    Ho pianto ma non per la storia (anche se anche quella non è da meno) ma per le condizioni della donna. Mi sono vergognata dell'essere umano e di quanto in basso si possa spingere invocando il nome di Dio nella azioni spregevoli che conduce.

    Questo libro dovrebbe essere letto da TUTTI. Inserito come saggio da leggere nelle scuole per educare le generazioni future e per mettere a conoscenza della brutalità dell'uomo. Episodi che non dovrebbero più accadere. Purtroppo la condizione della donna in questi paesi non è migliorata di molto ma di certo si sono fatti dei grandi passi avanti.
    Questo può essere di grande insegnamento a tutti noi.

    said on 

Sorting by