Milano, si gira!

Gli scorci ritrovati del cinema di ieri

Di ,,,,

Editore: Gremese

4.0
(16)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 192 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8884407451 | Isbn-13: 9788884407450 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Arte, Architettura & Fotografia

Ti piace Milano, si gira!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Dopo l’esperienza nella Capitale con Roma, si gira!, un nuovo affascinante viaggio questa volta conduce i lettori alla scoperta dei cambiamenti intercorsi dagli anni ’30 ad oggi a Milano: città cinematograficamente importante per registi come De Sica, Visconti, Antonioni, Pasolini, Lizzani, con una riscoperta successiva che qui ambientò molti polizieschi degli anni Settanta e un buon numero di commedie “disimpegnate” degli Ottanta, quando il capoluogo lombardo era divenuto il simbolo godereccio del secondo “boom” italiano. A confronto, i luoghi immortalati allora con gli stessi scorci fotografati oggi, in un accostamento non di rado sorprendente che racconta i profondi mutamenti urbanistici verificatisi nel frattempo. Facendo ricorso a mappe, indirizzi e ricostruzioni tridimensionali di intere zone, il libro svela con assoluta precisione location cinematografiche spesso misteriose o liquidate altrove con descrizioni approssimative e imprecise. E consente di riscoprire – anche attraverso le originali, curiose appendici finali – una Milano che pare lontanissima, con le vecchie linee dei tram, piazza Duomo con le insegne al neon, i primi fast food d’Italia, le fabbriche, una doppia escursione sui Navigli e molto altro ancora.
Ordina per
  • 4

    Ma che carino rivedere gli scorci della Milano che fu visti atraverso la cinepresa per confrontarli all'apparenza che hanno oggiogiorno. Tanto per vedere com'è cambiata Milano e chiedersi, sottovoce, ...continua

    Ma che carino rivedere gli scorci della Milano che fu visti atraverso la cinepresa per confrontarli all'apparenza che hanno oggiogiorno. Tanto per vedere com'è cambiata Milano e chiedersi, sottovoce, se in meglio o in peggio.

    ha scritto il