Mille splendidi soli

Di

Editore: A. Mondadori scuola (La lettura)

4.4
(17959)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 338 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Chi semplificata , Norvegese , Olandese , Svedese , Spagnolo , Francese , Chi tradizionale , Catalano , Portoghese , Giapponese , Sloveno , Finlandese , Danese , Coreano , Russo

Isbn-10: 8824729401 | Isbn-13: 9788824729406 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Enrico Saravalle , Antonietta Italia

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Mille splendidi soli?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Include apparato di approfondimento.

La descrizione dura e violenta di una società in cui le donne non hanno diritti, dove l'unica legge è quella religiosa e la sopraffazione è la regola. Un romanzo dalla trama avvincente, animato da personaggi delineati con intelligenza e scritto con passione.

Dopo la saga al maschile de Il cacciatore di aquiloni, K. H sceglie per questo romanzo un punto di vista esclusivamente femminile. Racconta così le storie tormentate di Miriam e Laila: la prima nata dalla relazione tra uno degli uomini più ricchi di Herat e una sua serva, è una harami, un'emarginata destinata a vivere una vita fatta di privazioni e patimenti; Laila, invece, ha vent'anni in meno ed è figlia di un insegnante. Le loro vite, che sembrano non avere nulla in comune, si intrecciano quando entrambe diventano mogli di un uomo crudele e perfido e si trovano a convivere nella stessa casa. H. intreccia le vicende delle protagoniste con la storia afgana degli ultimi trent'anni - dalla caduta della monarchia all'invasione sovietica, dal regime talebano al conflitto scoppiato dopo l'attentato alle Torri Gemelle.
Ordina per
  • 2

    Troppo documentario e poco romanzo

    Il libro racconta la vicenda di due donne molto diverse che inizialmente conducono la loro vita su binari paralleli destinati tuttavia, ad incrociarsi.
    Mariam è sempre stata considerata tra gli ultimi ...continua

    Il libro racconta la vicenda di due donne molto diverse che inizialmente conducono la loro vita su binari paralleli destinati tuttavia, ad incrociarsi.
    Mariam è sempre stata considerata tra gli ultimi, una harami, figlia illegittima e la madre la educa da subito ad essere considerata una nullità, in primis in quanto donna e in secondo luogo poiché nata all'infuori del matrimonio.
    Laila invece, è più giovane appartiene ad un'altra generazione è una figlia amata, istruita con una famiglia unita, con un migliore amico che la protegge dai bulli del quale si innamora e un futuro che si prospetta positivo. Tuttavia, anche lei come Mariam ha un rapporto problematico con la madre per la quale non esiste.
    Mi spiace dover essere una voce fuori dal coro, ma la tentazione di lasciar perdere questa lettura l’ho avuta più volte.
    Interessantissima la descrizione delle condizioni di vita delle donne in Afghanistan. Il libro, a parte qualche lungaggine qui e là, si fa leggere, la storia è sicuramente commovente, ben riuscita, ma, a mio modestissimo e personale avviso, manca il pathos, come se fosse stata costruita a freddo, più per scrivere una denuncia, assolutamente da condividere peraltro, su trent'anni di vita afghana.
    Del resto le minuzie di dettagli sull'evoluzione politica degli avvenimenti sta proprio ad indicare l'aspetto giornalistico, quasi da documentario storico del romanzo stesso; come se all'autore premesse soprattutto privilegiare questo aspetto (ed ovviamente non è assolutamente un difetto, ma non lo rende un romanzo capolavoro).
    Quindi, tirando le somme, lo schema narrativo, anche se efficace, è semplice: maltrattamenti alle donne + guerra in Afghanistan + attentati dell'11 settembre = lacrime e successo garantito!
    Un libro da leggere, ma che non mi ha entusiasmato.

    ha scritto il 

  • 5

    Piacevole nella forma e nei contenuti

    Mariam e Laila sono due donne di età ed origini diverse, portate dalla vita e dalla guerra ad un destino comune di infelicità e segregazione. Oltre alla narrazione scorrevole, ho apprezzato molto anc ...continua

    Mariam e Laila sono due donne di età ed origini diverse, portate dalla vita e dalla guerra ad un destino comune di infelicità e segregazione. Oltre alla narrazione scorrevole, ho apprezzato molto anche i contenuti del romanzo: non solo viene fornita una descrizione sulla condizione femminile in un paese dove vige l'integralismo islamico, ma viene data anche una chiara fotografia dagli anni '70 ad oggi sulle vicende storiche e culturali che hanno portato l'Afghanistan alla recente situazione politica che tutti conosciamo dopo l'11 settembre.
    Insomma, bello ed interessante. Sicuramente consigliato.

    ha scritto il 

  • 0

    Ho sempre letto recensioni positive su questo romanzo e sono sempre stata incuriosita a leggerlo. Avevo grandi aspettative e non sono rimasta assolutamente delusa. Pagina dopo pagina ero sempre più co ...continua

    Ho sempre letto recensioni positive su questo romanzo e sono sempre stata incuriosita a leggerlo. Avevo grandi aspettative e non sono rimasta assolutamente delusa. Pagina dopo pagina ero sempre più coinvolta. Una storia che ti prende dal primo capitolo fino all'ultimo.
    Consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Avevo sentito parlare di questo libro tantissime volte ma, per mancanza di tempo, non ero mai riuscita a leggerlo. Mi è capitato tra le mani per caso, l'ho letteralmente divorato in meno di un giorno ...continua

    Avevo sentito parlare di questo libro tantissime volte ma, per mancanza di tempo, non ero mai riuscita a leggerlo. Mi è capitato tra le mani per caso, l'ho letteralmente divorato in meno di un giorno ed è stata un delle letture più sconvolgenti, illuminanti e belle degli ultimi tempi. Mi ha spinta ad informarmi su tantissime cose e a capirne tante altre che prima ignoravo; proprio quello che i libri dovrebbero spingerci a fare.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Una madre ignorante e cattiva che fa sentire in colpa la figlia perché cerca di avere un bel rapporto con suo padre. Un padre che si vergogna di avere una figlia bastarda. È questa la storia di una gi ...continua

    Una madre ignorante e cattiva che fa sentire in colpa la figlia perché cerca di avere un bel rapporto con suo padre. Un padre che si vergogna di avere una figlia bastarda. È questa la storia di una giovane Mariam che è costretta a sposarsi e a sottomettersi ad un marito vecchio e insolente. Ma la vita ha ancora una gioia da donarle, una ragazza che diventerà la seconda moglie di suo marito. Nonostante i diverbi iniziali le due donne si daranno man forte contro un alleato comune. Con la guerra come sfondo, l'amore vince sempre su tutto.

    ha scritto il 

  • 5

    Il miglior libro di sempre

    Questo libro mi è stato prestato per caso. In classe si parlava della condizione delle donne nei paesi orientali, e la professoressa di italiano ha tirato fuori questo libro.
    L'ho letto tutto d'un fia ...continua

    Questo libro mi è stato prestato per caso. In classe si parlava della condizione delle donne nei paesi orientali, e la professoressa di italiano ha tirato fuori questo libro.
    L'ho letto tutto d'un fiato. Non so proprio come commentarlo.
    Bel lavoro, signor Hosseini.

    ha scritto il 

  • 5

    STUPENDO!!!!!
    Non bastano 5 stelle....Appena ho finito di leggerlo sono rimasta con il libro in mano, respirando profondamente per l'intensità, per il "pugno nello stomaco" che mi ha lasciato. Libro d ...continua

    STUPENDO!!!!!
    Non bastano 5 stelle....Appena ho finito di leggerlo sono rimasta con il libro in mano, respirando profondamente per l'intensità, per il "pugno nello stomaco" che mi ha lasciato. Libro davvero commovente, coinvolgente, forte ed a tratti crudele... ma allo stesso tempo coraggioso, determinato e pieno d'amore...proprio come Myriam e Layla!
    Lo stile scorrevole e "vero" di Hosseini ti permette di immaginare perfettamente luoghi e personaggi; ti catapulta in una terra lacerata dalla guerra, dalla violenza, dove le donne devono rassegnarsi o lottare contro i soprusi, gli abusi, le crudeltà che le tradizioni impongono loro. Assolutamente da leggere!!!!!

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Come inaugurare bene un anno nuovo.

    trovate la mia recensione anche sul mio blog: http://lamenteaffilata.blogspot.it/2016/01/recensione-mille-splendidi-soli-k.html

    Ho inaugurato bene l'anno ma avrei terminato questo libro molto prima se ...continua

    trovate la mia recensione anche sul mio blog: http://lamenteaffilata.blogspot.it/2016/01/recensione-mille-splendidi-soli-k.html

    Ho inaugurato bene l'anno ma avrei terminato questo libro molto prima se non fossi partita per la Francia (e fossi tornata a casa sana).
    E' un libro estremamente emozionante. Mariam e Laila sono due donne estremamente forti che hanno avuto vite piene prima di illusioni poi di disgrazie. In un certo senso, il libro finisce bene. Certo, se Mariam non fosse morta, sarebbe finito ancora meglio ma ognuno deve pagare per le proprie azioni, per quanto ho trovato ingiusto il pagamento con la vita per aver tolto una vita inutile dalla faccia della terra ma così è come va il mondo.
    Temevo fosse un libro troppo crudo o troppo triste invece è stato realista ma pieno di speranza. Come per dire "okay, oggi va male, malissimo, ma abbiamo sempre domani per riprovare."
    Ammiro come l'autore abbia dato molto spazio alle donne del suo paese e non solo perchè sono del suo paese ma perchè sono donne e sono, assieme ai bambini, chi paga le peggiori conseguenze delle guerre.
    E' stato un libro meraviglioso e, tra i sintomi dell'influenza, non trovo sufficienti parole per elogiarlo e recensirlo in maniera più precisa.
    Quindi termino così: leggetelo, trovate voi le parole che io non trovo.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per