Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Mini Shopaholic

(Shopaholic Book 6)

By

Publisher: Random House Group Ltd

3.7
(1993)

Language:English | Number of Pages: 496 | Format: eBook | In other languages: (other languages) Italian , Chi traditional , Dutch

Isbn-10: 1409094464 | Isbn-13: 9781409094463 | Publish date: 

Also available as: Hardcover , Others , Softcover and Stapled , Paperback , Audio CD

Category: Fiction & Literature , Humor , Romance

Do you like Mini Shopaholic ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description

Like mother, like daughter...!





Shopaholic Becky Brandon (née Bloomwood)'s two-year-old is ... spirited. She knows what she wants, whether it's a grown-up Prada handbag or a toy pony (40% off, so a bargain, surely?) When yet another shopping trip turns to mayhem, Becky decides it's time to give Minnie her own pocket money. Is it a bad sign when Minnie goes instantly overdrawn?





Minnie isn't the only one in financial crisis. As the Bank of London collapses, people are having to Cut Back. Everyone needs cheering up, so what better way to do it than to throw a fabulous surprise party? A thrifty party, of course. Except economising and keeping a secret have never been Becky's strong points ...

Sorting by
  • 3

    Leggere la Kinsella per svagarsi un pò...

    Meglio di "I love shopping con mia sorella" e di "I love shopping con il baby", ma ormai risulta chiaro che negli ultimi 3 libri della saga le idee si erano esaurite. Non mancano le situazioni divertenti, ma avrei preferito che la saga si fosse interrotta al terzo libro, con il matrimonio di Luke ...continue

    Meglio di "I love shopping con mia sorella" e di "I love shopping con il baby", ma ormai risulta chiaro che negli ultimi 3 libri della saga le idee si erano esaurite. Non mancano le situazioni divertenti, ma avrei preferito che la saga si fosse interrotta al terzo libro, con il matrimonio di Luke e Becky.
    Leggerò altri libri della Kinsella comunque, è ottima per svagarsi un po'.

    said on 

  • 3

    Oh, Sophie.

    Con tutta la stima che ho per la Kinsella - e credetemi, è molta: non ne ho ancora trovata un'altra che riesca a farmi leggere una chick-lit senza desiderare di aver dedicato il mio tempo ad altro - non pensavo sarebbe arrivato il giorno in cui avrei criticato un suo libro, ma eccomi qui: questo ...continue

    Con tutta la stima che ho per la Kinsella - e credetemi, è molta: non ne ho ancora trovata un'altra che riesca a farmi leggere una chick-lit senza desiderare di aver dedicato il mio tempo ad altro - non pensavo sarebbe arrivato il giorno in cui avrei criticato un suo libro, ma eccomi qui: questo libro non ha trama, neanche lontanamente. Quasi 300 pagine e tutto quello che succede è che Becky organizza una festa a sorpresa per Luke? Davvero? Stavo a pagina 200 e ancora aspettavo che la vera vicenda iniziasse - e poi ho capito. Era tutto lì.

    Il talento della Kinsella è intatto, e sicuramente non mancano gli sketch divertenti, ma la mancanza di idee per questo libro è così lampante che non posso fare a meno di pensare che abbia dovuto scriverlo, per obblighi contrattuali o altro. E francamente, dopo sei romanzi, le panzane di Becky (ormai mamma) iniziano a essere ridondanti e a esasperare un pochino (me, almeno). A questo punto spero che i suoi prossimi libri siano dedicati a nuovi progetti - è sempre un errore protrarrre una saga per troppo tempo, ad un certo punto la perdita di qualità è quasi inevitabile - e questo libro ne è la dimostrazione.

    said on 

  • 3

    Miiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiio mamma Becky, miiiiiiiiiiiiiiiiio :D

    Non è il migliore della serie ma è anche vero che comunque ad un certo punto magari le idee si esauriscono e un personaggio esplosivo e incontenibile come Becky che fino ad ora ne ha fatte e dette di cotte e di crude, arrivi ad un momento di stallo. Mi sono divertita lo stesso a leggerlo ma alcun ...continue

    Non è il migliore della serie ma è anche vero che comunque ad un certo punto magari le idee si esauriscono e un personaggio esplosivo e incontenibile come Becky che fino ad ora ne ha fatte e dette di cotte e di crude, arrivi ad un momento di stallo. Mi sono divertita lo stesso a leggerlo ma alcuni passaggi sono stati veramente un filino esagerati. Secondo me doveva essere anche sfoltito di un bel pò di pagine. Ma tant'è :D. In questo episodio conosciamo Minnie una figlia viziatissima (è inutile che dici di no Becky)e vivace, tanto da pensare di ricorrere alla tata Sue dei reality. Ma oltre che con la bambina pestifera, Becky ha anche il suo bel da fare! C'è il lavoro come personal shopper (geniale l'idea per lo shopping discreto in un momento di crisi per il fallimento della banca di Londra), c'è la festa a sorpresa da organizzare per il compleanno di Luke, tanti saldi perchè siamo a Natale, l'apertura di un nuovo centro commerciale che non si può mancare. E cosa fa andare più fuori di testa Becky se non spendere soldi per se e in questo caso per la figlia e il marito?!!? E' pur sempre shopping no?!

    said on 

  • 3

    A tratti molto irritante il personaggio di Becky: negli altri romanzi almeno un minimo di 'ravvedimento' per il suo shopping compulsivo lo dimostrava. Qua invece zero. E ora pure la figlia!
    3 stelline solo per l'affezione alla Kinsella.

    said on 

  • 3

    e 1/2

    Sicuramente non è uno dei capitoli più brillanti della saga di I love shopping, ma avendolo letto a diversi anni di distanza dagli altri ammetto di aver riso, e parecchio (e ad alta voce!). Quindi missione compiuta: l'ultima avventura di Rebecca Brandon (nata Bloomwood) ha lasciato una scia di bu ...continue

    Sicuramente non è uno dei capitoli più brillanti della saga di I love shopping, ma avendolo letto a diversi anni di distanza dagli altri ammetto di aver riso, e parecchio (e ad alta voce!). Quindi missione compiuta: l'ultima avventura di Rebecca Brandon (nata Bloomwood) ha lasciato una scia di buonumore che mi accompagnerà per giorni.

    said on 

  • 4

    Breve, essenziale:
    Fantastica, Becky, e Brava Sophie.

    Terminati i sei libri, sono in impaziente attesa del prossimo capitolo della serie.

    Perché leggere chick lit vuol dire indossare divertenti lenti rosa! :-)

    said on 

Sorting by