Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Misery

By Stephen King

(94)

| Hardcover | 9780340390702

Like Misery ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

In Misery, as in The Shining, a writer is trapped in an evil house during a Colorado winter. Each novel bristles with claustrophobia, stinging insects, and the threat of a lethal explosion. Each is about a writer faced with the domina Continue

In Misery, as in The Shining, a writer is trapped in an evil house during a Colorado winter. Each novel bristles with claustrophobia, stinging insects, and the threat of a lethal explosion. Each is about a writer faced with the dominating monster of his unpredictable muse.

Paul Sheldon, the hero of Misery, sees himself as a caged parrot who must return to Africa in order to be free. Thus, in the novel within a novel, the romance novel that his mad captor-nurse, Annie Wilkes, forces him to write, he goes to Africa--a mysterious continent that evokes for him the frightening, implacable solidity of a woman's (Annie's) body. The manuscript fragments he produces tell of a great Bee Goddess, an African queen reminiscent of H. Rider Haggard's She.

He hates her, he fears her, he wants to kill her; but all the same he needs her power. Annie Wilkes literally breathes life into him.

Misery touches on several large themes: the state of possession by an evil being, the idea that art is an act in which the artist willingly becomes captive, the tortured condition of being a writer, and the fears attendant to becoming a "brand-name" best selling author with legions of zealous fans. And yet it's a tight, highly resonant echo chamber of a book--one of King's shortest, and best novels ever. --Fiona Webster

633 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Non so che voto dare a questo libro. 3 è poco e è 4 troppo. Anche per me è stato il primo album di King e ci sono stati periodi in cui sentivo l'ansia che mi attanagliava l'anima e altri in cui sono rimasto un po' confuso.

    Is this helpful?

    Simone Marcucci said on Sep 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Caccolicchio!

    Un vero calcio nello stomaco, e lo dico in senso positivo.
    Una storia assolutamente agghiacciante, sviluppata abilmente e portata al finale con una buona dose di angoscia.
    King ha creato un personaggio unico e, soprattutto, umano che è l'incarnazione ...(continue)

    Un vero calcio nello stomaco, e lo dico in senso positivo.
    Una storia assolutamente agghiacciante, sviluppata abilmente e portata al finale con una buona dose di angoscia.
    King ha creato un personaggio unico e, soprattutto, umano che è l'incarnazione dei peggiori incubi di chiunque.
    Annie Wilkes è uno di quei personaggi così complessi da stregare, affascinare e, una volta liberato il loro vero io, di infliggere terribili pene nella mente del lettore.

    Ottimo romanzo, mi è piaciuto, l'ho trovato molto interessante... specialmente per la storia e la psicologia di Annie.

    Consiglio!

    Is this helpful?

    feelingstranger said on Sep 7, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "La sua ammiratrice numero uno."

    Stephen King questa volta non ci spaventa con creature o mostri strani e terribili....ma è Annie Wilkes la terribile Annie Wilkes che tormenterà i nostri tranquilli sogni!
    Uno scrittore di successo, conosciuto dal grande pubblico, per la serie di Mis ...(continue)

    Stephen King questa volta non ci spaventa con creature o mostri strani e terribili....ma è Annie Wilkes la terribile Annie Wilkes che tormenterà i nostri tranquilli sogni!
    Uno scrittore di successo, conosciuto dal grande pubblico, per la serie di Misery, sbanda durante una tempesta di neve, in uno sperduto posto del Colorado, viene aiutato da Annie che lo porta a casa sua, ha le gambe completamente fratturate, lei lo droga pesantemente per togliergli gli atroci dolori, lei sa come fare è un'ex infermiera, cacciata dal suo lavoro perchè incriminata e poi assolta per mancanza di prove, per aver ucciso molteplici persone e altrettanti bambini appena nati (lei doveva farlo per metter fine alla loro vita, non devono soffrire il mondo è crudele e pieno di sofferenze da affrontare, lei mette fine a tutto questo, lei è la buona Annie, la buona, cara, dolce Annie!).
    L'uomo che ha salvato è Paul Sheldon, il suo scrittore preferito, lei è la sua ammiratrice numero uno, è appena stato pubblicato l'ultimo libro della serie "Il figlio di Misery" dove Misery dando alla luce il figlio morirà, quando Annie scopre il destino della sua eroina decide che deve salvare Paul, è assolutamente necessario per scrivere un nuovo libro della serie "Misery non deve morire" in una maniera reale lei deve tornare a vivere!
    "Non so se Dio deciderà di condannarti o salvarti, Paulie, ma una cosa so per certo, se non trovi un sistema per riportare in vita Misery, un sistema che lei possa accettare, ti ucciderà".
    In un crescendo di violenze e brutalità, grazie ad Annie la pazza,
    che parla con un linguaggio buffo, che ha continui sbalzi di umore, che ha una lucidità e furbizia che lascia allibiti, grazie a Paul uno scrittore che vuole vivere, costretto a letto, riflette, ragiona e combatte contro la sua carceriera con la sua arte perchè finchè il suo libro non terminerà, lei non lo ucciderà, il racconto di King mi ha affascinato, avvinto e magnetizzato, non mi riusciva posarlo, dovevo sapere se il malcapitato si salvava, cosa avrebbe escogitato la pazza e se sarebbe riuscita a scamparla anche questa volta restando impunita!
    Un grande classico del genere che un giorno tutti dovrebbero leggere, eccezionale la maestria con cui King ci descrive le sensazioni, i dolori, i pensieri che attraversano la mente dei due protagonisti!
    "Perchè Annie decideva un intervento, andava fino in fondo. Annie non si lasciava dissuadere dalle suppliche. Annie non si lasciava dissuadere dalle grida. Annie aveva il coraggio delle sue convinzioni."

    Is this helpful?

    Matik said on Sep 2, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book