Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Misura per misura

Testo inglese a fronte

By William Shakespeare

(80)

| Others | 9788811368250

Like Misura per misura ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Fra i drammi "dialettici", a mezza strada fra la rapinosità della tragedia ela teatralità della commedia, "Misura per misura" si distingue per la gravitàdei contrasti e delle antinomie, per il tono di corruzio Continue

Fra i drammi "dialettici", a mezza strada fra la rapinosità della tragedia ela teatralità della commedia, "Misura per misura" si distingue per la gravitàdei contrasti e delle antinomie, per il tono di corruzione "alta" e "bassa"degli animi e degli ambienti, per il senso di sessualità repressa, sviata oabnorme che lo pervade, per la presentazione ambigua dei problemi della leggee dell'autorità, per l'ombra che il patibolo e la morte gettano sulleaspirazioni di gioia e di vita. Le forze dell'armonia infine prevalgono, ovengono fatte prevalere, ma sono soprattutto le forze oscure dell'animo edella psiche, le pulsioni della carnalità, gli impulsi dell'inconscio a faredi questo dramma un'esperienza acre e possente, che affascina e opprime.

19 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Proposta indecente

    Traendo ispirazione da un passo dei Vangeli ("Perocché di qual giudizio voi giudicherete, sarete giudicati, e della misura che voi misurerete, sarà altresì misurato a voi), questa commedia a tinte fosche non può certamente inserirsi nell'Olimpo delle ...(continue)

    Traendo ispirazione da un passo dei Vangeli ("Perocché di qual giudizio voi giudicherete, sarete giudicati, e della misura che voi misurerete, sarà altresì misurato a voi), questa commedia a tinte fosche non può certamente inserirsi nell'Olimpo delle migliori opere shakespeariane.
    Senza arrivare a definirlo "penoso", come fece Coleridge, alcuni travestimenti, coincidenze, scambi, appaiono (per gli standard del Bardo) in più di una circostanza mal congegnati e non sempre convincenti/coerenti.

    Is this helpful?

    Conte di Lautréamont said on Jan 8, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Shakespeare e che dire di più?

    Continua col suo stile a rapire cuore e anima. Sublime, in tutto. Genere, trama, personaggi. Non si può descrivere qualcosa di immenso.

    Is this helpful?

    Manuela O said on Jun 25, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Misura per misura? Giusto o sbagliato? Ma chi dà al Duca il diritto di giudicare? E' facile sottrarsi alle proprie responsabilità e poi arrogarsi il diritto di critica. E'giusto manovrare gli altri? Angelo, lusingato dalla scelta, non resiste alla t ...(continue)

    Misura per misura? Giusto o sbagliato? Ma chi dà al Duca il diritto di giudicare? E' facile sottrarsi alle proprie responsabilità e poi arrogarsi il diritto di critica. E'giusto manovrare gli altri? Angelo, lusingato dalla scelta, non resiste alla tentazione , ma si può condannare oppure si può comprendere la sua umanità? Escalo lascia fare al Duca tutto quello che vuole, come un genitore che a malincuore deve lasciare che il figlio faccia le sue esperienze oppure è un imbelle anche lui incapace di assumersi le sue responsabilità? Mariana svela la colpa di Angelo, ma poi chiede che sia risparmiato, anzi se lo sposa!Isabella prima fa il diavolo a quattro per difendere la sua integrità, poi non è capace di difendere fino in fondo le sue scelte ed accetta di sposare il Duca. Non giudichiamo, cerchiamo di capire.

    Is this helpful?

    Astolfo Cortese said on Mar 4, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Con quasi quattro secoli di anticipo, Shakespeare scrive una commedia esilarante sul falso moralismo delle autorità pubbliche, sempre brave a predicare ma raramente buone razzolatrici. Un'opera che andava riscoperta una sessantina d'anni fa... ma imm ...(continue)

    Con quasi quattro secoli di anticipo, Shakespeare scrive una commedia esilarante sul falso moralismo delle autorità pubbliche, sempre brave a predicare ma raramente buone razzolatrici. Un'opera che andava riscoperta una sessantina d'anni fa... ma immagino che certe questioni, in fondo in fondo, non cambino proprio mai.
    Per l'inesauribile serie di equivoci che la costellano, per l'efficacia comica dei suoi puns e doppi sensi e per l'enorme modernità delle sue soluzioni ironiche Measure for Measure è di gran lunga l'opera più divertente ch'io abbia letto del Bardo. Se ne consideriamo la grande modernita (immortalità?) sociale e la splendida caratterizzazione di determinati personaggi (la casta Isabella può esser interpretata teatralmente in almeno tre o quattro accezioni diverse), appare quasi strano che la Measure non sia considerata tra le opere massime del suo autore.
    Ma una voce nella mia testa mi suggerisce che, a ben ragionarci, proprio strano strano non è...

    Is this helpful?

    Krokgard @ Birmingham UK said on Feb 15, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Il titolo dell'opera, citazione biblica, rimanda subito al fulcro tematico dell'opera: il giudizio. Le vicende sviluppatesi porteranno a pronunciarne uno ineluttabile. Giusto? Sbagliato? Shakespeare non offre una risposta univoca, i personaggi vengon ...(continue)

    Il titolo dell'opera, citazione biblica, rimanda subito al fulcro tematico dell'opera: il giudizio. Le vicende sviluppatesi porteranno a pronunciarne uno ineluttabile. Giusto? Sbagliato? Shakespeare non offre una risposta univoca, i personaggi vengono tratteggiati in maniera ambigua, cosicchè la risposta dovrà essere affidata al lettore.

    Is this helpful?

    Emanuele said on Dec 31, 2011 | 2 feedbacks

  • 3 people find this helpful

    Sì, vabbè, recensire Shakespeare

    Dice che la gente si mette a scrivere recensioni su Shakespeare. No, ma vi sembra modo? Quello ha fatto tutto quello che ha fatto, ha detto tutto quello che ha detto, ha scritto tutto quello che ha scritto, e c'è ancora gente che si arroga il diritto ...(continue)

    Dice che la gente si mette a scrivere recensioni su Shakespeare. No, ma vi sembra modo? Quello ha fatto tutto quello che ha fatto, ha detto tutto quello che ha detto, ha scritto tutto quello che ha scritto, e c'è ancora gente che si arroga il diritto di scrivere se le sue robe sono belle o brutte.
    Ma che mondo! Ma che inciviltà! Ma che assurdo senso di ciò che si può e non si può!

    "Misura per misura", tipo. Che gli puoi dire a "Misura per misura"? Bene, bravo, bis.

    Una commedia col lieto fine, un gioco delle parti sopraffino, una storia d'amore, di dignità, di lussuria e di svariate altre cose che non mi vengono in mente anche se il libro l'ho appena finito.
    Grande simpatia al Duca/Prete, grande antipatia per Angelo/Vicario, sguardo bonario per Escalo, per Claudio e, soprattutto, per Isabella e il Bargello. Grandissima voglia di dargli una mazzata sulle gengive a Lucio, che mi somiglia incredibilmente a uno che m'hanno presentato una sera e che avrei voluto ammazzarlo seduta stante, dopo che ha detto tre parole, tre.

    Is this helpful?

    LaCapa said on May 8, 2011 | 1 feedback

Book Details

  • Rating:
    (80)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Others 213 Pages
  • ISBN-10: 8811368251
  • ISBN-13: 9788811368250
  • Publisher: Garzanti Libri
  • Publish date: 2006-01-01
  • Also available as: Paperback
Improve_data of this book