Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Miti d'oggi

By Roland Barthes

(143)

| Others | 9788806388935

Like Miti d'oggi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

33 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    ci sono libri che non invecchiano: questo è uno di quelli.
    praticamente le intuizioni di questo libro sono valide oggi esattamente come lo erano all'epoca della loro pubblicazione.
    possono esser cambiati i soggetti dei miti esaminati, ma i miti che c ...(continue)

    ci sono libri che non invecchiano: questo è uno di quelli.
    praticamente le intuizioni di questo libro sono valide oggi esattamente come lo erano all'epoca della loro pubblicazione.
    possono esser cambiati i soggetti dei miti esaminati, ma i miti che contribuivano a creare sono rimasti tali e quali.
    l'ultimo capitolo, che spiega la teoria dietro alle analisi (concedendosi, nelle ultime righe, anche dei dubbi), è decisamente più difficile e pesante, ma permette di capire meglio ciò che si è letto nelle pagine precedenti (l'elenco delle figure retoriche del mito nel sottocapitolo "il mito di destrra" è qualcosa di altamente illuminate che può permettere di decodificare molto giornalismo di area conservatrice).

    Is this helpful?

    intortetor said on Jul 6, 2014 | Add your feedback

  • 17 people find this helpful

    Liberté

    Dopo oltre mezzo secolo, qualsiasi cosa che contenga la parola "oggi" dovrebbe essere decrepita.

    Invece l'agile Barthes (una testa come Tarzan era nelle jungle) nel lodevolissimo intento illuminista di aumentare la liberté des citoyens, ben sapendo ...(continue)

    Dopo oltre mezzo secolo, qualsiasi cosa che contenga la parola "oggi" dovrebbe essere decrepita.

    Invece l'agile Barthes (una testa come Tarzan era nelle jungle) nel lodevolissimo intento illuminista di aumentare la liberté des citoyens, ben sapendo che non solo non nasciamo imparati ma che molta dell'acqua in cui ci troviamo a nuotare è pesantemente inquinata, cerca di assemblare una serie di acuminati e affilati strumenti critici per esaminare il corpus consegnatoci sia come tradizione in cui cresciamo che le sue - spesso solo apparenti - modificazioni.

    A eterno suo plauso, si ricordi che la "cassetta degli attrezzi" barthiana è sottoposta in sé allo stesso rischio di essere a sua volta criticata.

    Con brillante acume e leggerezza Barthes mostra come (su qualche decina d'argomenti svariatissimi di generale interesse e assolutamente fuori dall'accademia) quasi sempre la società moderna (borghese) veicola come naturale, quindi in qualche modo "bloccato" "difficile da modificare" un bel po' di aspetti che sono invece intrinsecamente culturali.

    Questa truffa, questo camuffamento è il "mito" che è uno dei più potenti generatori e aiutanti del conformismo.

    Va letto con attenzione, leggerezza non significa né pusillanimità tantomeno banalità ma ci si diverte spessissimo.

    Se si trovano dei limiti nell'esposizione, Barthes è un fondatore che andrebbe valutato per le fecondissime novità che ha trovato più che gli inevitabili errori o imprecisioni di chiunque sia un apripista innovatore.

    E' chiaro che la battaglia meritoria contro la piccola e grande borghesia francese meritava d'essere combattuta (gli avidi lettori di Simenon concorderanno) se in questa c'è stata qualche danno collaterale, qualche amara scoperta, cioè che la demolizione della società borghese rischia di segare il ramo su cui pure il critico è seduto, che può apparire il conformismo dell'anticonformismo e che in alcuni argomenti vale l'effetto carciofo: a forza di demistificare e di smitizzare non resta nulla in mano: il mito era l'oggetto stesso (*), va anche quello in conto.

    Ma non ne diminuisce la grandezza: se un lettore qualsiasi riesce a rendersi conto dei limiti di Barthes, è merito del professor Barthes stesso: lode e gloria, e se qualcosa oggi appare ovvio, se perfino noi oggi potremmo riscrivere un suo pezzo, vuol dire che la lezione è servita.
    Se guardando una pubblicità, leggendo una rivista o ascoltando un politico in televisione vi sembra di essere mezzo secolo fa, cogli stessi trucchetti e truffe, vuol dire che c'è ancora troppa gente che dovrebbe impararla.

    ***

    Un'estratto dell'indice: Il mondo del wrestling; I Romani al cinema; Lo scrittore in vacanza; La crociera del Sangue Blu; Saponificanti e detersivi; Il Povero e il Proletario; Marziani; Coniugali; Iconografia dell'Abbé Pierre; Romanzi e bambini; Giocattoli; Un operaio simpatico; Il viso della Garbo; Potenza e disinvoltura; Il vino e il latte; La bistecca e le patate fritte; "Nautilus" e "Bateau ivre"; Pubblicità del profondo; Il cervello di Einstein; L'Uomo-getto; Fotografie-choc; Il "Tour de France" come epopea; La "Guide Bleu"; La Consigliera; Cucina ornamentale; La crociera del "Batovy"; L'utente dello sciopero; La critica né-né; "Strip-Tease"; La nuova Citroën; La letteratura del bambino prodigio; Fotogenia elettorale; "Continente perduto"; Astrologia; La plastica; La grande famiglia degli uomini; Al "music-hall"; La Signora dalle Camelie; Poujade e gli intellettuali; Al vagone-ristorante...

    ***

    Psst! svariati corsi a pagamento presso prestigiose istituzioni che insegnano la "comunicazione" ecc, costano anche un paio di migliaia di euro: la cassetta degli attrezzi di Barthes ne costa dodici, non dite che ve l'ho detto io eh.

    (*) di questo passo di giunge al riduzionismo più spietato, dove le uniche cose che hanno senso sono le poche funzioni corporali essenziali e la lotta per la vita.

    ***

    PS. Rileggo lo strilletto di copertina. "Le fissazioni, gli idoli, i feticci della società contemporanea, dalla Renault alla boxe, dalla moda a Brigitte Bardot. Un "classico" della sociologia della cultura."
    Dov'è la Renault? La «Déesse» è una Citroën, come il titolo del saggillo "La nuova Citroën" suggerisce.

    Is this helpful?

    Procyon Lotor said on Jan 14, 2014 | 11 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    fuso!

    bello, interessante, a tratti melodioso, ma l'ultimo capitolo devo ammetterlo, non l'ho finito: segno, significante, significato, ed altre amenità, sono da mal di testa!

    Is this helpful?

    Stefano Protomartire Leroy said on Nov 25, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I meccanismi son sempre quelli, adesso però l'indrottinamento ha più mezzi. Straripiamo di "miti" può essere mitico anche un termosifone: non è male però spesso per me certa cronaca (quasi tutta) certa tv pontificante (tutta a parte certe cose così r ...(continue)

    I meccanismi son sempre quelli, adesso però l'indrottinamento ha più mezzi. Straripiamo di "miti" può essere mitico anche un termosifone: non è male però spesso per me certa cronaca (quasi tutta) certa tv pontificante (tutta a parte certe cose così regionali, casuali) sono fonte di risate incredibili e forse anche Anobii e gli anobiani sono un "mito". Scusatemi.

    Is this helpful?

    BARBARA said on Nov 21, 2013 | Add your feedback

  • Tagliente

    Certo è un po' inquietante sapere che tutto quello che ci circonda ha un significato ed è decodificabile, che non esiste la stupidità o la banalità pura e semplice.

    Is this helpful?

    gcapuz said on Nov 6, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un classico della semiologia, affascinante e un po' inquietante, che scorre veloce nella sua infinita carrellata di esempi per rispondere alla domanda "cos'è il mito, nel nostro mondo". Nonostante gli anni passati dal momento della sua scrittura, ha ...(continue)

    Un classico della semiologia, affascinante e un po' inquietante, che scorre veloce nella sua infinita carrellata di esempi per rispondere alla domanda "cos'è il mito, nel nostro mondo". Nonostante gli anni passati dal momento della sua scrittura, ha ancora molto da dire.

    Is this helpful?

    Millesecoli said on Aug 31, 2012 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book