Mito e modernità

Voto medio di 26
| 17 contributi totali di cui 3 recensioni , 14 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Il mito fa ancora parte dell'esperienza della modernità? In che modo agisce sull'uomo d'oggi? Seguendo quali percorsi? Con la fantasia del divulgatore, sostenuta da un rigoroso lavoro scientifico, l'autore delinea in questo libro gli orizzonti del ... Continua
Ha scritto il 19/01/14
Rilettura
Una mia prima lettura di questo libretto non è databile.Si tratta di una raccolta di una mezza dozzina di "letture" tenute da Campbell tra il '61 e il '71.Vi si riprendono temi ampiamente sviluppati nei suoi saggi, ma da una angolazione diversa, di ..." Continua...
Ha scritto il 13/02/11
Il volume comprende alcuni saggi, scritti tra la fine degli anni sessanta e i primi anni settanta, che cercano di valorizzare il ruolo dei miti nel mondo moderno ed insieme la necessità di superare le forme religiose differenziate in un'ottica ..." Continua...
  • 1 mi piace
Ha scritto il 28/07/09
Una lettera interessante
Interessante questa lettura e in parte rilettura dei miti e delle leggende del nostro passato, alla ricerca di collegamenti, di matrici comuni e di simbolismi che poggiano sui nostri archetipi.Vivamente consigliato a tutti gli appassionati del ..." Continua...
  • 1 mi piace

Ha scritto il Feb 15, 2011, 20:25
Nessuna mitologia che continui a insegnarci il concetto di un ‘altrove’ e di un ‘altrui’ potrà mai soddisfare le esigenze di quest’ora.
Pag. 141
Ha scritto il Feb 15, 2011, 20:23
Ora viviamo in un’epoca estremamente pericolosa di tuoni, lampi e uragani che si scatenano intorno a noi. Penso che sia del tutto inutile diventare isterici per questo, scaricando odio e biasimo intorno a noi.
Pag. 130
Ha scritto il Feb 15, 2011, 20:20
La nostra natura non è uguale a quella delle altre specie, stereotipate in schemi fissi; un leone è un leone per tutta la sua vita, un cane sarà sempre un cane.
Pag. 116
Ha scritto il Feb 15, 2011, 20:18
Ricordo una massima giapponese a proposito delle cinque fasi della vita di un uomo: “A dieci anni, un animale; a venti, un folle; a trenta, un fallimento; a quaranta, un impostore; a cinquanta, un criminale”. A sessanta, aggiungerei (età nella ... Continua...
Pag. 105
Ha scritto il Feb 15, 2011, 20:10
Problema critico che genitori e famiglie si trovano a fronteggiare direttamente: quello, cioè, di assicurarsi che l’imprinting che stanno dando ai loro figli sia tale da porli in sintonia, e non da alienarli, con il mondo nel quale si accingono a ... Continua...
Pag. 87

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi