Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Moi, Christiane F., 13 ans, droguée, prostituée ...

By Christiane F.

(0)

| 9782715200227

Like Moi, Christiane F., 13 ans, droguée, prostituée ... ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

827 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Il film tratto dal libro faceva venire voglia di bucare,il libro un po' meno ma insomma anche. Christiane-Vera è un'eroina negativa perfetta, ambigua seduttiva bastarda dentro e anche pericolosa, nella vita e nella finzione che qua orrendamente coin ...(continue)

    Il film tratto dal libro faceva venire voglia di bucare,il libro un po' meno ma insomma anche. Christiane-Vera è un'eroina negativa perfetta, ambigua seduttiva bastarda dentro e anche pericolosa, nella vita e nella finzione che qua orrendamente coincidono.
    Se si accetta l'interpretazione vetero comunista l'eroina (la sostanza ) è <una> delle armi più potenti usate dal capitale negli anni '70-'80 per fare piazza pulita del movimento: ecco, qui l'arma è confezionata in bella carta regalo.
    Il che non vuol dire che il libro non si possa leggere o il film non si possa vedere: quest'ultimo tra l'altro è dotato di colonna sonora notevole.

    Is this helpful?

    daimhin said on Aug 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ero un sacco forte quando si trattava dei problemi degli altri. Solo con i miei non ne venivo mai a capo.

    Is this helpful?

    superlativa said on Aug 24, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Abbandonato a pag. 210, troppa merda...

    Is this helpful?

    MSoave said on Aug 23, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'ho letto molti anni fa. Il mio voto non è per la storia (come fai a votare questa di storia, con la sua crudezza, il suo schifo, il suo abbassarsi in gironi dell'inferno metropolitano che nemmeno ti immagini?), semmai per il fatto che non è tutta s ...(continue)

    L'ho letto molti anni fa. Il mio voto non è per la storia (come fai a votare questa di storia, con la sua crudezza, il suo schifo, il suo abbassarsi in gironi dell'inferno metropolitano che nemmeno ti immagini?), semmai per il fatto che non è tutta scritta da Cristiane, ma è più la sua testimonianza. Comunque credo che questo libro sia utile, soprattutto se letto verso i 13/14 anni, che poi è quella l'età della protagonista. Ma andrebbe letto anche dai genitori, che si mettano in guardia. E al limite, se non si devono mettere in guardia, che si considerino fortunati.

    Is this helpful?

    Miriamglserrano said on Aug 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    INDISPENSABILE

    Secondo la mia opinione questo è uno di quei libri che nella vita è indispensabile leggere. Le sue pagine ci fanno entrare in un mondo che speriamo di non toccare mai, ma che è necessario conoscere. La lettura è scorrevole, anche se alcune parti sono ...(continue)

    Secondo la mia opinione questo è uno di quei libri che nella vita è indispensabile leggere. Le sue pagine ci fanno entrare in un mondo che speriamo di non toccare mai, ma che è necessario conoscere. La lettura è scorrevole, anche se alcune parti sono particolarmente crude.

    Is this helpful?

    Simona F said on Jul 29, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    UN DOCUMENTO VERITA' SUL DRAMMA DELLA DROGA FRA I GIOVANI

    Vorrei iniziare con un piccolo antefatto sul libro che è stato il simbolo di quasi una generazione precedente alla mia e che comunque l’ha influenzata parecchio.
    In casa mia questo libro era tabù. Mi ricordo che, all'età di dieci anni, mia zia mi m ...(continue)

    Vorrei iniziare con un piccolo antefatto sul libro che è stato il simbolo di quasi una generazione precedente alla mia e che comunque l’ha influenzata parecchio.
    In casa mia questo libro era tabù. Mi ricordo che, all'età di dieci anni, mia zia mi mise in mano questo libro “perché è ora che impari a cosa vai incontro”. Mia madre me lo strappò di mano dicendo che non dovevo assolutamente sapere niente di certe cose. Per quanto il suo gesto fosse sbagliato, a distanza di anni posso dire che invece è stato corretto.

    Questo non è un libro di narrativa. Non è un libro con un finale e dannazione non ha un bel finale. Trattasi della storia di Christiane F., eroinomane berlinese, le cui parole sono state trascritte durante un interrogatorio. Il realismo crudo e crudele è la chiave di questo libro, accompagnato dalle musiche di David Bowie.

    Christiane è una giovane ragazzina all’inizio della propria adolescenza. A sei anni si trasferisce con i genitori nel complesso residenziale di Gropiusstadt, una fila di casermoni dormitorio nella periferia berlinese, dove cresce in maniera disagiata sia a causa dei genitori, sia a causa della scuola che non è in grado di stimolarla, sia della totale mancanza di strutture dedicate ai giovanissimi nella “moderna” Gropiusstadt.

    "Ora come ora non me ne fregava niente. Di tutto non me ne fregava niente."

    All'età di 12 anni Christiane (1974) inizia a consumare hashish nel centro giovanile della Chiesa luterana di Gropiusstadt, la Haus der Mitte, in compagnia della migliore amica Kessi e il gruppo di ragazzi che “la stimola intellettualmente”. Da lì il salto nel vuoto senza cavo di sicurezza: dal centro giovanile il gruppo si sposta verso il centro, esattamente alla discoteca Sound, dove conosce nuovi amici e il target della droga si alza: acidi, Valium, Mandrax, LSD, Efedrina. Qui incontra Detlef, che diventa il fidanzato di Christiane e con lui si arriva al momento in cui, a quattordici anni, si inizia a consumare l’eroina.

    Da questo momento in poi è il delirio: Christiane, causa mancanza di soldi per comprarsi la dose, inizia a prostituirsi (e Detlef fa altrettanto). Intorno a loro, gli altri eroinomani loro amici cadono come mosche a causa delle overdose.

    In tutto questo ci sono i genitori di Christiane, che sono quelli che in tutta onestà mi hanno sconvolta più di tutti. Nonostante la separazione, è la madre a tenere in casa la ragazza e fino a un passo prima del collasso, non si rende mai conto che la figlia è drogata marcia fino nelle ossa. Una cosa che mi ha fatta pensare alla situazione di allora, un tempo in cui non ero nemmeno nata: come può un genitore non accorgersi che il proprio figlio spurga eroina dalle orecchie? Io non sono nemmeno riuscita a nascondere il mio primo pacchetto di sigarette a mia madre e avevo sedici anni.

    Quanto di tutto questo è davvero colpa di Christiane? Non voglio mettermi a farmi critica sociale, ma è evidente come la cattiva gestione famigliare, unita a tutta una serie di fattori esterni, sia stata la causa scatenante dell’avvicinamento di Christiane alle droghe. Nonostante non venga mai detto, per tutto il libro Christiane letteralmente urla ai propri genitori “Sono qui. Guardatemi. Non lasciatemi sola.”

    Due giornalisti tedeschi del settimanale "Stern", Kai Hermann e Horst Rieck, hanno raccolto al magnetofono e trascritto il suo crudo diario, erano previste due ore per il colloquio: diventarono due mesi.

    Un testo discusso da medici, insegnanti, operatori sociali, e che ha coinvolto profondamente anche il grande pubblico attraverso le immagini del film che ne è stato tratto.

    Is this helpful?

    Wednesday said on Jul 7, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book