Mondo scritto e mondo non scritto

Voto medio di 103
| 22 contributi totali di cui 10 recensioni , 11 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Una silloge di materiale significativo della produzione non narrativa di Italo Calvino: articoli apparsi su riviste e quotidiani, interventi a congressi, interviste, conversazioni, appunti manoscritti, lettere, introduzioni, cataloghi... Testi eterog ...Continua
Klava Bezdomnaja
Ha scritto il 03/09/13
Calvino è sempre Calvino

I suoi saggi parlano da soli, ci vorrebbe troppo tempo a recensirli uno ad uno. Una sola cosa posso dire: i suoi saggi sulla traduzione sono magnifici.

Alice G.
Ha scritto il 21/08/12

Maledetto Calvino, adesso mi hai fatto venire voglia di leggere cose che al momento non avevo in programma!

Angelo
Ha scritto il 14/11/11
Calvino si legge sempre con piacere, ma questo libro soffre del limite di essere cosituito da articoli spesso de-contestualizzati: talvolta una polemica contro un suo commentatore, altre volte una risposta a un articolo altrui. Questo rende la lettur...Continua
Franco Bollo
Ha scritto il 19/08/10

Scrivere di Calvino è inutile, pleonastico.
Se non avete letto nulla di Calvino, siete nei guai, seri.

Agathangelos
Ha scritto il 26/02/10

Un libro dove Calvino parla di scrittura, letture, traduzione, avanguardia, tradizione


Lucia
Ha scritto il Sep 25, 2015, 12:31
Penso che la lettura non sia paragonabile con nessun altro mezzo d'apprendimento e di comunicazione, perché la lettura ha un suo ritmo che è governato dalla volontà del lettore; la lettura apre spazi di interrogazione e di meditazione e di esame crit...Continua
Pag. 141
Lucia
Ha scritto il Sep 25, 2015, 12:27
C'è una continuità nella solitudine che lo scrittore si porta dietro come un destino inerente alla sua vocazione, ma da questa solitudine si sviluppa una volontà e una capacità di comunicare: quella speciale comunicazione della letteratura che si st...Continua
Pag. 139
Lucia
Ha scritto il Sep 25, 2015, 12:24
Un grande libro non vale tanto perché ci insegna a conoscere un determinato individuo, ma perché ci presenta un nuovo modo di capire la vita umana, applicabile anche agli altri, di cui anche noi possiamo servirci per riconoscere noi stessi.
Pag. 133
Lucia
Ha scritto il Sep 25, 2015, 12:20
[...] ciò che cercano gli scrittori di romanzi è di tessere una rete che leghi l'esperienza custodita nei libri durante i secoli a quel pulviscolo d'esperienza che attraversiamo giorno per giorno nelle nostre vite e che ci risulta sempre più inafferr...Continua
Pag. 133
Lucia
Ha scritto il Sep 25, 2015, 12:10
I libri sono fatti per essere in tanti, un libro singolo ha senso solo in quanto s'affianca ad altri libri, in quanto segue e precede altri libri. [...] La nostra civiltà si basa sulla molteplicità dei libri; la verità si trova solo inseguendola dall...Continua
Pag. 127

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Biblioteche...
Ha scritto il Apr 20, 2016, 15:05
854.914 CAL 8933 Letteratura Italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi