Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano

Di

Editore: e/o

4.0
(1531)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 105 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Inglese , Finlandese , Spagnolo , Galego , Farsi , Danese , Olandese , Turco

Isbn-10: 887641858X | Isbn-13: 9788876418587 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback , Altri , eBook

Genere: Educazione & Insegnamento , Narrativa & Letteratura , Religione & Spiritualità

Ti piace Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Schmitt scrive, come sempre, benissimo, emoziona e commuove con questa piccola ma immensa storia di formazione.
    Un ragazzino ebreo mai amato da nessuno e un commerciante arabo nella Parigi anni '50 si ...continua

    Schmitt scrive, come sempre, benissimo, emoziona e commuove con questa piccola ma immensa storia di formazione.
    Un ragazzino ebreo mai amato da nessuno e un commerciante arabo nella Parigi anni '50 si conoscono, si studiano e diventano quasi una cosa sola.
    Un racconto che in maniera delicata e poetica invita alla tolleranza, al rispetto e all'accettazione di qualsiasi diversità.
    Un libro che insegna anche come un sorriso possa cambiare molte cose.

    ha scritto il 

  • 3

    Ingredienti: un ragazzino ebreo quasi orfano alla scoperta del mondo, un negoziante arabo a fargli da guida spirituale, una città (Parigi) vissuta ed esplorata nei suoi bassifondi, un viaggio ad est c ...continua

    Ingredienti: un ragazzino ebreo quasi orfano alla scoperta del mondo, un negoziante arabo a fargli da guida spirituale, una città (Parigi) vissuta ed esplorata nei suoi bassifondi, un viaggio ad est come passaggio all’età adulta e ritorno alle origini.
    Consigliato: a chi ha apprezzato il libro “La vita davanti a sé” o il film “Irma la dolce”, a chi gradisce una breve lezione di tolleranza, integrazione e diversità.

    ha scritto il 

  • 4

    Omaggio a Gary

    Mi è difficile esprimere un parere su questo libro in termini assoluti, perché è evidente che si tratta di un omaggio tributato da Schmitt a "La vita davanti a sé" del supremo Romain Gary. Omaggio, e ...continua

    Mi è difficile esprimere un parere su questo libro in termini assoluti, perché è evidente che si tratta di un omaggio tributato da Schmitt a "La vita davanti a sé" del supremo Romain Gary. Omaggio, e non plagio (come qualcuno ha scritto), in quanto i riferimenti sono così smaccatamente evidenti da far escludere che un autore come Schmitt possa aver commesso una tale ingenuità (o sciocchezza). Piacevole lettura, dunque, ma ancora più divertente è stato individuare il gioco di rimandi con il capolavoro di Gary, che - sa va sans dire - resta insuperato.

    ha scritto il 

  • 4

    Favola di formazione

    Piacevole sorpresa ( soprattutto se non ci si sofferma troppo sui particolari ). Breve favola di formazione, con intento didascalico: la lunghezza non eccessiva evita che la leggerezza della narrazion ...continua

    Piacevole sorpresa ( soprattutto se non ci si sofferma troppo sui particolari ). Breve favola di formazione, con intento didascalico: la lunghezza non eccessiva evita che la leggerezza della narrazione si trasformi in banalità - e il rischio era alto, soprattutto considerato il fattore "buonismo" nel rapporto tra religioni e culture diverse.
    Probabilmente non reggerebbe una seconda lettura, ma come breve diversivo centra in pieno l'obiettivo.

    ha scritto il 

  • 4

    "La bellezza è dappertutto, Momo. Dovunque tu giri lo sguardo."

    Anche in questo piccolo romanzo.
    La bellezza ne riempie le pagine.

    "- Perchè non sorridi mai, Momo?
    - Sorridere è roba da gente ricca, monsieur Ibrahim. Io non ho i mezzi. [..] Quando dico che il sorr
    ...continua

    Anche in questo piccolo romanzo.
    La bellezza ne riempie le pagine.

    "- Perchè non sorridi mai, Momo?
    - Sorridere è roba da gente ricca, monsieur Ibrahim. Io non ho i mezzi. [..] Quando dico che il sorriso è roba da ricchi, intendo dire che è roba per gente felice.
    - Ecco, è qui che ti sbagli. è il sorridere che rende felici."

    ha scritto il 

  • 5

    Apre il cuore e la mente

    I vuoti lasciati nella storia sono perfetti per essere riempiti a fantasia, creati e rielaborati interiormente.
    L'anima è libera di vagare e respirare, temi importanti e "pesanti" vengono liberati da ...continua

    I vuoti lasciati nella storia sono perfetti per essere riempiti a fantasia, creati e rielaborati interiormente.
    L'anima è libera di vagare e respirare, temi importanti e "pesanti" vengono liberati dalla loro zavorra e volteggiano fino ad arrivare al cuore. Come diceva un altro saggio: "l'essenziale è invisibile agli occhi, nonsi vede bene che col cuore"

    ha scritto il 

  • 3

    MONSIEUR IBRAHIM E I FIORI DEL CORANO

    Momo è un povero ragazzo ebreo la cui unica ricchezza è l’ironia. Ibrahim è un commerciante arabo che interpreta la vita seguendo i dettami di un suo personale Corano fatto di saggezza e umanità. Li u ...continua

    Momo è un povero ragazzo ebreo la cui unica ricchezza è l’ironia. Ibrahim è un commerciante arabo che interpreta la vita seguendo i dettami di un suo personale Corano fatto di saggezza e umanità. Li unirà una curiosa relazione d’amicizia, arricchita da un profondo affetto, che li aiuterà a sorridere alla vita. Una vita fatta di rispetto ed amore per il prossimo. Una vita semplice e pura. Una vita a cui non servono grandi risposte. Perché, come dice Ibrahim, spesso anche “nessuna risposta è una risposta”.
    Una breve storia farcita di buoni sentimenti. Ben scritta, piacevole. Nulla di più. Ma meritevole di lettura.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per