Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Moonlight mile

Di

Editore: Piemme

3.6
(348)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 229 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Olandese , Catalano , Chi tradizionale

Isbn-10: 8858503139 | Isbn-13: 9788858503133 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Giovanna Lonza

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Moonlight mile?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
“Ti ricordi di me?” Così la voce al telefono si rivolge al detective Patrick Kenzie svegliandolo nel cuore della notte. Una voce di donna. Nessuna presentazione, nessun giro di parole. Solo un imperativo, che suona come una minaccia: “L’hai trovata una volta. Trovala di nuovo. Me lo devi”. Forse un incubo, si dice il detective al risveglio. Se ne scorderà presto, pensa. Invece il mattino dopo lei è lì, sulle scale della metropolitana, ad aspettarlo. Un volto segnato dal tempo e dalla mano dura del destino. Un volto che Kenzie aveva sperato di non vedere più. Perché, dodici anni prima, la stessa donna gli aveva chiesto di trovare sua nipote: una bambina di nome Amanda, scomparsa nel nulla. Lui e la sua partner, Angie Gennaro, l’avevano ritrovata restituendola alla madre, che beveva e la trascurava, e sbattendo in carcere i rapitori: persone che non volevano farle del male, bensì darle una famiglia stabile e serena. Un caso strano, in cui i colpevoli non coincidevano con i cattivi, e la cui soluzione non era stata un lieto fine. Un caso che Kenzie si era sempre portato dentro con angoscia. Per questo ora che Amanda, ormai diciassettenne, pare essere scomparsa di nuovo, il detective non può tirarsi indietro. La sua ricerca sarà per lui e Angie l’inizio di un viaggio nel cuore di un mercato squallido, dove adozioni, identità e raccolte di fondi sono oggetto di traffici illeciti. Un mondo dove il bene può assumere i contorni del male, e il male quelli del bene. Un gorgo in cui, a volte, sarebbe meglio non andare a cercare ciò che vi è sprofondato.
Ordina per
  • 5

    Tutto perfetto:ritmi, pause e suspance... Perfetta la scrittura. Perfetto tutto ciò che nasce dalla penna di Lehane, che assolutamente merita il suo posto d'onore tra gli scrittori! A mio parere,quest ...continua

    Tutto perfetto:ritmi, pause e suspance... Perfetta la scrittura. Perfetto tutto ciò che nasce dalla penna di Lehane, che assolutamente merita il suo posto d'onore tra gli scrittori! A mio parere,questo episodio è se possibile migliore del precedente... Da non perdere!

    ha scritto il 

  • 0

    Non ho letto il capitolo precedente, ahi ahi ahi, ma lo farò. Lehane mi piace, questo l'ho letto in inglese e, pur essendo una lingua che non conosco come l'italiano, posso dire che mi è piaciuto il s ...continua

    Non ho letto il capitolo precedente, ahi ahi ahi, ma lo farò. Lehane mi piace, questo l'ho letto in inglese e, pur essendo una lingua che non conosco come l'italiano, posso dire che mi è piaciuto il suo stile. A quando un film? Perchè Lehane scrive film, non romanzi. (Tre stelline e mezzo)

    ha scritto il 

  • 3

    Pat, Angie e Bubba

    Non avevo mai letto nulla di questo autore e mi dispiace di questa mia mancanza perché il suo stile mi ha molto colpito ed inoltre i protagonisti mi sono subito diventati simpatici e poco dopo aver te ...continua

    Non avevo mai letto nulla di questo autore e mi dispiace di questa mia mancanza perché il suo stile mi ha molto colpito ed inoltre i protagonisti mi sono subito diventati simpatici e poco dopo aver terminato il libro ne ho sentito la loro mancanza.

    Con questa storia l’autore ci fa notare uno spaccato della società negli anni 2010-2011 analizzando diversi settori: la gioventù, la crisi, i problemi lavorativi e di come tutto ciò con il passare del tempo stia diventando sempre più difficile.

    La storia è avvincente e lo stile è ironico e semplice.
    Unica pecca che ho trovato in questo thriller è la traduzione che alcune volte non è del tutto precisa.

    Passiamo alla trama del libro.

    Pat Kenzie lavora per una società di investigazioni ed un giorno Amanda, la bambina che aveva salvato dodici anni prima, è scomparsa di nuovo.
    Amanda in un certo senso aveva rovinato il rapporto tra Pat e Angie, ora che è sparita nuovamente la donna che lo aveva ingaggiato l’ha chiamato di nuovo.
    Cosa accadrà?
    Ed ora che Pat e Angie sono diventati genitori riusciranno lo stesso a portare a termine la loro missione?

    Che altro aggiungere? Sicuramente un libro da leggere, ma non fate lo stesso mio errore, prima leggete dello stesso autore “La casa buia”.

    Buona lettura!

    ha scritto il 

  • 4

    La fine...?

    Di una delle piu' belle saghe di gialli noir "a coppia". Verrebbe da pensarlo, e allora sarebbe proprio una fine col botto. Grande Lehane, non sbaglia praticamente un colpo.

    ha scritto il 

  • 4

    Proprio bravo Lehane.

    Inutile fare le pulci alla trama e a qualche guasconeria di troppo: ritmo incalzante con pause giuste, atmosfere pennellate con sapienza - e questa è una rarità nei giallisti ame ...continua

    Proprio bravo Lehane.

    Inutile fare le pulci alla trama e a qualche guasconeria di troppo: ritmo incalzante con pause giuste, atmosfere pennellate con sapienza - e questa è una rarità nei giallisti americani, amanti dell'effetto spot.

    I personaggi sono eccessivi, tutti, ma la cosa che forse nuoce di più è il moralismo stucchevole che, in un contesto di assassini drogati ladri e pervertiti, fa sbottare Angie (che risulta comunque abbastanza stupida in tutto il libro) solo quando parla col padre di Sophie, che ha l'unica colpa di essere un pò bacchettone.

    I russi cattivi imperversano da trent'anni nel noir, anche cinematografico, ma convincono ancora.

    ha scritto il 

  • 3

    Lehane scrive bene. C'è poco da fare. Questo Moonlight mile è il seguito di Gone, baby, gone, da cui hanno poi tratto il film.
    Leggevo tra i commenti che qualcuno ha storto il naso per la figura del c ...continua

    Lehane scrive bene. C'è poco da fare. Questo Moonlight mile è il seguito di Gone, baby, gone, da cui hanno poi tratto il film.
    Leggevo tra i commenti che qualcuno ha storto il naso per la figura del cattivo presente nel libro ma, per l'argomento trattato, personalmente l'ho trovato molto credibile.
    Peccato solo per la parte finale che sembra meno autentica e verosimile del resto che, davvero, è da applausi.
    Uno spaccato veritiero e tragico della Boston in piena crisi economica, con i due detective protagonisti pieni di domande ed interrogative a cui non c'è risposta.
    Consigliato!

    ha scritto il 

  • 4

    bello

    Forse uno dei più bei libri della serie che ha per protagonisti Pat Mckenzie e Angie Gennaro (mi ricordano con nostalgia Tommy e Tuppence di Agatha Christie). Questo libro è il sequel de “la casa buia ...continua

    Forse uno dei più bei libri della serie che ha per protagonisti Pat Mckenzie e Angie Gennaro (mi ricordano con nostalgia Tommy e Tuppence di Agatha Christie). Questo libro è il sequel de “la casa buia” ma è superiore a questo di almeno una spanna. La ragazzina rapita allora è cresciuta e stavolta Pat si troverà alle calcagna la mafia russa (irresistibili alcune macchiette) e l’happy ending non sarà così scontato. Mi è piaciuto tantissimo lo stile e la scorrevolezza di Lehane, i dialoghi sono sempre straordinari e di una forza che sfonda le pagine.

    ha scritto il 

  • 3

    Il seguito di "La casa buia", dodici anni dopo.
    Di conseguenza da leggere assolutamente dopo questo.
    Pur scritto con la solita maestria, il libro "soffre" notevolmente nel confronto con il suo predece ...continua

    Il seguito di "La casa buia", dodici anni dopo.
    Di conseguenza da leggere assolutamente dopo questo.
    Pur scritto con la solita maestria, il libro "soffre" notevolmente nel confronto con il suo predecessore (nettamente superiore).
    Una domanda mi sovviene: questa sarà l'ultima indagine di Patrick Kenzie & Angie Gennaro? E Bubba che fine farà?
    Dennis non lasciarci orfani e ripensaci.......

    ha scritto il