Mors tua

Di

Editore: Hobby & Work Publishing

3.8
(288)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 361 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese

Isbn-10: 8871334264 | Isbn-13: 9788871334264 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace Mors tua?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Settima avventura per il senatore-detective Publio Aurelio impegnato arisolvere un altro caso. Come sempre sullo sfondo la consueta ricostruzionestorica della Roma imperiale.
Ordina per
  • 5

    Non si può proprio accusare di omicidio un uomo così intelligente e brillante come Publio Aurelio Stazio, soprattutto se è innocente. Devo confessare che però ho temuto seriamente per la sua vita vist ...continua

    Non si può proprio accusare di omicidio un uomo così intelligente e brillante come Publio Aurelio Stazio, soprattutto se è innocente. Devo confessare che però ho temuto seriamente per la sua vita visto che aveva promesso di uccidersi senza nemmeno passare per il processo, anche se aveva previsto tutto quasi al dettaglio, reazioni e confessione compresi. Una cosa che mi ha colpito di questo personaggio, e che emerge prepotente in questo libro, è che prova delle emozioni che definirei prettamente femminili, direi anche che a volte pensa con la testa di una donna. Sarà che non ho mai conosciuto un uomo che si accosta al sesso con un approccio così cerebrale, che antepone l'orgoglio al mero godimento. Sarà forse che è un personaggio meraviglioso, poliedrico e imprevedibile, e che mi stupisce ad ogni pagina.

    ha scritto il 

  • 4

    Primo racconto

    Dato che mi sono appassionato alle avventure di Publio Aurelio Stazio, non potevo non leggere il primo libro che ha dato il via a tutta la saga. Anche questo, come gli altri, non è un libro troppo com ...continua

    Dato che mi sono appassionato alle avventure di Publio Aurelio Stazio, non potevo non leggere il primo libro che ha dato il via a tutta la saga. Anche questo, come gli altri, non è un libro troppo complesso, pertanto è perfetto per rilassarsi un pò. La storia è ben costruita e il libro si legge con piacere.

    ha scritto il 

  • 3

    Era il primo che leggevo della serie di Aurelio e non mi ha deluso. L'autrice gestisce bene la trama e riesce a rendere appieno e in maniera vivida l'atmosfera dell'antica Roma. Credo che presto prose ...continua

    Era il primo che leggevo della serie di Aurelio e non mi ha deluso. L'autrice gestisce bene la trama e riesce a rendere appieno e in maniera vivida l'atmosfera dell'antica Roma. Credo che presto proseguirò nella lettura delle avventure del galante senatore Publio Aurelio Stazio

    ha scritto il 

  • 3

    Scritto bene, questo giallo storico è il primo volume della serie di “Publio Aurelio” della scrittrice italiana Danila Comastri Montanari.
    Un libro che narra le indagini di Publio Aurelio, senatore ro ...continua

    Scritto bene, questo giallo storico è il primo volume della serie di “Publio Aurelio” della scrittrice italiana Danila Comastri Montanari.
    Un libro che narra le indagini di Publio Aurelio, senatore romano e della sua cerchia di amici e conoscenti.
    La storia si snoda piacevolmente nelle oltre 200 pagine che compongono i libri, i fatti sono narrati bene, i personaggi delineati e caratterizzati al punto giusto da invogliare il lettore a continuare nella lettura; anche se ad un certo punto (circa a ¾ del libro) la storia sempre “congelarsi” per alcune pagine e risulta un po’ ostico il proseguimento della lettura; piccolo neo che per fortuna si risolve abbastanza velocemente e che fa ripartire la narrazione dei fatti e la suspense dell’investigazione.

    Libro poco impegnativo, adatto alla lettura sotto l’ombrellone o in vacanza, quando non si ha voglia di ragionare troppo su indizi, sospetti e moventi.
    Probabilmente in futuro qualche altro libro della serie mi capiterà sotto mano.

    Voto finale: 3 stelline e 1/2

    ha scritto il 

  • 4

    Gradevole scoperta questa serie ambientata nell'antica Roma, le descrizioni rendono bene l'idea dell'antica metropoli, dei suoi usi e costumi.
    La traccia "gialla" è un pretesto per farci fare un tour ...continua

    Gradevole scoperta questa serie ambientata nell'antica Roma, le descrizioni rendono bene l'idea dell'antica metropoli, dei suoi usi e costumi.
    La traccia "gialla" è un pretesto per farci fare un tour per le antiche strade.
    Ben delineati i personaggi principali, piacevoli i "battibecchi" tra il senatore con il pallino delle investigazioni Publio Aurelio ed il suo schiavo/servitore Castore .
    Sicuramente una serie da continuare a leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Siamo nell'anno 42 dopo Cristo...

    Affresco/giallo storico ambientato nell'antica Roma.
    Descrizione accurata degli usi, costumi, modo di vivere del tempo. Perfetta rappresentazione dei personaggi sia principali sia secondari.
    Coinvolge ...continua

    Affresco/giallo storico ambientato nell'antica Roma.
    Descrizione accurata degli usi, costumi, modo di vivere del tempo. Perfetta rappresentazione dei personaggi sia principali sia secondari.
    Coinvolgente e a tratti divertente (come non provare un'immediata istintiva simpatia per il furbissimo Castore, lo schiavo/impiegato/tuttofare greco?!).
    Una magistrale ricostruzione della vita nell'antica Roma...

    Il primo incontro con la Comastri - una sorpresa!- non sarà certo l'ultimo!

    ha scritto il 

  • 0

    dal blog Giramenti

    Lo confesso, io e Publio Aurelio non ci eravamo mai incontrati, mi è stato presentato qualche giorno fa da un’amica carissima: “devi assolutamente leggerlo, è divertente”, così mi dice, e io prendo la ...continua

    Lo confesso, io e Publio Aurelio non ci eravamo mai incontrati, mi è stato presentato qualche giorno fa da un’amica carissima: “devi assolutamente leggerlo, è divertente”, così mi dice, e io prendo la cosa per buona. Scordando, è il caso di farvelo notare, che qualche giallino l’ho scritto pure io, tutta roba alla vecchia maniera, gialli classici, di quelli costruiti a tavolino. Lo si fa coi gialli, lo si fa con gli orologi. O almeno, questa è la mia idea, ma devo credere non sia quella valida.
    Me lo fa pensare la signora Comastri Montanari, e io mi areno a pagina 23, esattamente alla fine del primo capitolo. Più in là non vado, in queste poche pagine ho trovato tanta di quella roba che mi è andata di traverso, da costringermi a una pastiglia Caleffi, subito, alla svelta, o così o tenersi un Publio Aurelio sullo stomaco per giorni o forse mesi.

    CONTINUA su http://gaialodovica.wordpress.com/2012/01/09/una-piccola-recensioneuna-grande-stroncatura-mors-tua-di-danila-comastri-montanari/

    ha scritto il