Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Morte a credito

Di

Editore: Garzanti Libri

4.3
(885)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 558 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese

Isbn-10: 8811685613 | Isbn-13: 9788811685616 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: G. Caproni

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Copertina rigida

Genere: Biography , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace Morte a credito?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"Morte a credito", pubblicato nel 1936, è il secondo romanzo di Céline, chenelle sue pagine ritorna alla propria infanzia e adolescenza. Cresciuto inun'atmosfera soffocante e carica d'odio, illuminata solo dalle presenze dellanonna Caroline e dello zio Eduard, il giovane Ferdinand racconta le proprieesperienze familiari, turistiche, scolastiche, erotiche e di lavoro.
Ordina per
  • 5

    “ Il mio strazio, per me, è il sonno. Se avessi sempre dormito bene non avrei mai scritto un rigo...”

    che non lesina neppure momenti di sesso esplicito Sono dell'opinione che l'approccio con Céline possa non risultare agevole per tutti , né ritengo che tutti riescano ad apprezzarne lo stile allo stess ...continua

    che non lesina neppure momenti di sesso esplicito Sono dell'opinione che l'approccio con Céline possa non risultare agevole per tutti , né ritengo che tutti riescano ad apprezzarne lo stile allo stesso modo .
    Credo però che pochi scrittori sappiano trasmettere un alternarsi di sensazioni contrastanti che spaziano dalla commozione all'irritazione , dall'ilarità al fastidio (quando non addirittura al disgusto) , dalla partecipazione alla condanna , che non lesina neppure momenti di sesso esplicito , ma che tengono inchiodati alla lettura come lui è riuscito a fare con me con questo romanzo .
    Un'opera autobiografica , che segue il celeberrimo “Viaggio al termine della notte” ma che ne anticipa il contenuto , nella quale Ferdinand , ossia la proiezione dell'autore stesso , ricorda episodi della sua vita , della sua difficile infanzia , vissuta tra privazioni e miseria alle prese con un padre severo e manesco e con una madre troppo occupata a gestire il suo negozietto per curarsi di lui , sino alla svolta che capita quando , per interessamento dello zio Edouard che viene così ad assumere quasi il ruolo di padre sostituto , egli incontra il geniale inventore Roger-Marin Courtial Des Pereires che lo assume come assistente , a paga zero, per aiutarlo a mandare avanti il proprio giornale Génitron .
    E con l'entrata in scena di un tale incredibile personaggio fuori da ogni schema , avventuroso , spumeggiante , geniale quanto cialtronesco , così come quello altrettanto singolare di sua moglie Irène con i quali Ferdinand sembra trovarsi perfettamente a suo agio , si apre una nuova fase del romanzo , una lettura nella lettura , che porterà ad una serie di avvenimenti che alla fine riporteranno il giovane nei luoghi da dove era partito costringendolo ad una scelta difficile quanto inevitabile.
    Ma a questo punto , e mai come questa volta , mi viene d'obbligo tirare in ballo il lavoro fondamentale del traduttore Giorgio Caproni il quale , evidentemente pescando a piene mani nel patrimonio lessicale che gli derivava dall'essere nato a Livorno ma di aver vissuto per molti anni a Genova (oltre che a Roma) , ha sciorinato un intero repertorio di verbi , di aggettivi , di vocaboli gergali , di allocuzioni appartenenti ad entrambi i dialetti fra i quali mi ha divertito ritrovarne alcuni genovesi piuttosto datati come “cacciafrusto” (fionda), insieme con altri tutt'ora utilizzati come “pufi” (debiti) , “babanetto” (ragazzino) , “bacàn” (padrone, capo) , e moltissimi altri che non cito perché sarebbero troppi , realizzando così in maniera esemplare l'intenzione dell'autore di esprimersi in un ”argot” inevitabile dato il livello più che popolano della maggior parte dei personaggi che si incontrano .
    Ciò che ne scaturisce , e che rende difficile pensare ad una traduzione diversa , o comunque migliore di questa, è un trionfo di termini onomatopeici , una vertigine di espressioni coloritissime , un'ubriacatura di allocuzioni dialettali la cui comprensione è spesso affidata alla fantasia ed all'intuizione del lettore più che a “Google” all'aiuto del quale ho dovuto comunque ricorrere abbastanza spesso .
    Insomma un susseguirsi di pagine memorabili fra le quali vorrei citare quelle deliranti ad espressione dello stato febbrile di Ferdinand durante un violento attacco di malaria nella prima parte della lettura , ma soprattutto quelle “disgustosamente divertenti” sugli effetti dello squassante mal di mare che colpisce lui e la sua famiglia , come del resto tutta la maggior parte dei passeggeri , durante una tormentosa traversata di ritorno da una breve gita a Londra , leggendo le quali , specie se lo si facesse viaggiando su un autobus o su un qualunque altro traballante mezzo di locomozione , si potrebbero rischiare le stesse rivoltanti conseguenze...
    Insomma un romanzo particolarissimo , unico , completamente diverso da qualunque altro da me letto sino ad oggi , di quelli che lasciano un segno profondo ed incancellabile , al quale assegno obbligatoriamente cinque stelle ma che , per le ragioni già esposte all'inizio , non mi sentirei di consigliare a chiunque.

    ha scritto il 

  • 4

    "Il giorno in cui si fosse reso necessario, già avevo accumulato in me quasi quanto basta per potermi prendere il lusso di morire… […] M’ero abbuffato d’infinito." (p. 8)

    "Mica è gratuito il crepare. ...continua

    "Il giorno in cui si fosse reso necessario, già avevo accumulato in me quasi quanto basta per potermi prendere il lusso di morire… […] M’ero abbuffato d’infinito." (p. 8)

    "Mica è gratuito il crepare. Bisogna presentare alla Dama un bel sudario tutto ricamato di storie. È esigente, l’ultimo respiro." (p. 25)

    ha scritto il 

  • 5

    Piacere a debito

    *********************

    Morte a credito mi è diluviato addosso così rapidamente e con tale violenza che non ho fatto in tempo a ripararmi. La furia narrativa di Céline mi ha completamen ...continua

    Piacere a debito

    *********************

    Morte a credito mi è diluviato addosso così rapidamente e con tale violenza che non ho fatto in tempo a ripararmi. La furia narrativa di Céline mi ha completamente travolto. Per non perderne neanche una goccia, l’ho rincorso a rotta di collo, col fiatone, accordandomi via via al suo ritmo febbrile da montagne russe: partenza in salita, apice verso la metà, caduta libera mozzafiato fino alle fine. Sospiro estasiato a corsa finita con riparo proprio nella sua opera.

    Céline è una colonna portante nella mia Casa della Letteratura, che ha nei classici (Omero, Euripide, Dante etc. etc. etc. …) le fondamenta, ma la cui impalcatura è costituita da chi ha saputo portare il Nuovo, quello che prima non c’era (Kafka, Céline, Saramago, etc. etc. etc. …). Hanno una funzione importante anche gli arredatori (Mari, McCarthy, Joseph Roth etc. etc. etc. ….) che la rendono molto accogliente, ma sono sicura che se venisse un terremoto Céline rimarrebbe “su”.
    (Bolaño è un loft a sé stante che non ha bisogno di niente e dove vorrei abitare io, per altro …)

    P.S.
    La traduzione di Caproni, per me, gli rende talmente merito, che non riesco a immaginarne una migliore.

    ha scritto il 

  • 5

    «Ah, è terribile però…hai voglia d’esser giovane quando t’accorgi per la prima volta…come la gente la si perda per via…compagni che non rivedremo più…mai più…che son scomparsi come tanti sogni…che tut ...continua

    «Ah, è terribile però…hai voglia d’esser giovane quando t’accorgi per la prima volta…come la gente la si perda per via…compagni che non rivedremo più…mai più…che son scomparsi come tanti sogni…che tutto è finito…svanito…che anche noi ci perderemo così…un giorno ancor molto lontano…ma ineluttabilmente…nello spietato torrente delle cose, delle persone…dei giorni…delle forme che passano…che non si fermano mai…»

    Uno tenta di allontanarle certe riflessioni, ma quelle tornano come torna l'onda del mare, anche senza aver letto il libro. C. nell'altro capolavoro dice: «La maggior parte della gente non muore che all'ultimo momento; altri cominciano e si prendono vent'anni d'anticipo e qualche volta anche di più. Sono gli infelici della terra».

    Sono quelli che aspettano che l'onda arrivi.

    ha scritto il 

  • 5

    Gente n'è venuta tanta, in camera mia. Tutti han detto qualcosa. Mica m'han detto un gran che. Se ne sono andati. Si son fatti vecchi, miserabili e torpidi, ciascuno in un suo cantuccio di mondo." ...continua

    Gente n'è venuta tanta, in camera mia. Tutti han detto qualcosa. Mica m'han detto un gran che. Se ne sono andati. Si son fatti vecchi, miserabili e torpidi, ciascuno in un suo cantuccio di mondo."

    ha scritto il 

  • 4

    Morte a credito

    "Sei pronto ? Non lo sei ? Siete in grado ? Mica è gratuito crepare. Bisogna presentare alla Dama un bel sudario tutto ricamato di storie. E’ esigente, l’ultimo respiro."

    ha scritto il 

  • 0

    che assurdità... non conosco nemmeno metà dei vocaboli, il dialetto poi l'ignoro del tutto. sarà come leggerlo censurato. perderò settimane e mesi e tutte quelle parole resteranno incomprensibili, le ...continua

    che assurdità... non conosco nemmeno metà dei vocaboli, il dialetto poi l'ignoro del tutto. sarà come leggerlo censurato. perderò settimane e mesi e tutte quelle parole resteranno incomprensibili, le frasi piene di buchi... leggere in questo modo è come ascoltare il vocio di una folla, un esercizio futile ma estenuante.

    ha scritto il 

Ordina per