Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Morte a credito

By Louis-Ferdinand Celine

(258)

| Others | 9788811685616

Like Morte a credito ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

"Morte a credito", pubblicato nel 1936, è il secondo romanzo di Céline, chenelle sue pagine ritorna alla propria infanzia e adolescenza. Cresciuto inun'atmosfera soffocante e carica d'odio, illuminata solo dalle presenze della Continue

"Morte a credito", pubblicato nel 1936, è il secondo romanzo di Céline, chenelle sue pagine ritorna alla propria infanzia e adolescenza. Cresciuto inun'atmosfera soffocante e carica d'odio, illuminata solo dalle presenze dellanonna Caroline e dello zio Eduard, il giovane Ferdinand racconta le proprieesperienze familiari, turistiche, scolastiche, erotiche e di lavoro.

114 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Gente n'è venuta tanta, in camera mia. Tutti han detto qualcosa. Mica m'han detto un gran che. Se ne sono andati. Si son fatti vecchi, miserabili e torpidi, ciascuno in un suo cantuccio di mondo."

    Is this helpful?

    Luca73 said on May 12, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    La vita

    Triste, spiritoso, angosciante, ma con qualche speranza per il futuro. Come la vita talvolta...

    Is this helpful?

    Maria said on Mar 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Morte a credito

    "Sei pronto ? Non lo sei ? Siete in grado ? Mica è gratuito crepare. Bisogna presentare alla Dama un bel sudario tutto ricamato di storie. E’ esigente, l’ultimo respiro."

    Is this helpful?

    Marks said on Mar 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Tu mica sei sempre stato così rincoglionito come oggi, abbruttito dalle circostanze, il mestiere, il bere, le sottomissioni più funeste... Te la senti, per un momentino, di tornare alla poesia?... Di fare un salterello di cuore e di minchia alla lett ...(continue)

    Tu mica sei sempre stato così rincoglionito come oggi, abbruttito dalle circostanze, il mestiere, il bere, le sottomissioni più funeste... Te la senti, per un momentino, di tornare alla poesia?... Di fare un salterello di cuore e di minchia alla lettura d'un'epopea, tragica certo, ma nobile.... Sfavillante!... Te ne credi capace? ...

    Is this helpful?

    Le.ft said on Jun 27, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    viaggio all'inizio della notte.

    Il bello di Céline è che da sempre se ne frega. Di tutto. Della lingua, delle trame, dei limiti della narrazione. Esagera, incalza, sbuffa, impreca. Da quando era un bamboccio lasciato a redini libere nei quartieri parigini dei rigattieri, dei botteg ...(continue)

    Il bello di Céline è che da sempre se ne frega. Di tutto. Della lingua, delle trame, dei limiti della narrazione. Esagera, incalza, sbuffa, impreca. Da quando era un bamboccio lasciato a redini libere nei quartieri parigini dei rigattieri, dei bottegai alla giornata, delle prostitute e dell'avvento della modernità. La famiglia sgangherata sopravvive a fatica, anche il piccolo. La famiglia distrutta cerca di evitare le tragedie, il piccolo arriva fino a un certo punto; è nato disgraziato, delinquente, è nato libero e segue la sua indole. Inarrestabile sopravvive, inarrestabile approfitta della vita con lui parca di soddisfazioni, avara di occasioni. Dalla città all'Inghilterra, dal ritorno a Parigi ad una nuova avventura in campagna, "morte a credito" rappresenta l'inizio del "viaggio " che l'autore percorrerà più tardi, narrando le profonde e segnate esperienze della guerra e il seguito. Ma c'è già tutto l'autore in queste 600 pagine di colpi di scena, irresistibili, grotteschi e terribili insieme. C'è un verismo tutto suo, che fa dell'esagerazione una cifra stilistica non ridondante, ma efficace per rappresentare ancor meglio la realtà surreale della Parigi di inizio secolo, del cambiamento epocale, della natura umana. Una giostra che non si stanca mai di girare vorticosamente, un romanzo che racchiude tutti i generi, picaresco, biografico, erotico, comico, tragico, grottesco, splatter.
    Degno preludio di un capolavoro.

    Is this helpful?

    Helleonora said on May 2, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book