Morte a credito

Voto medio di 969
| 124 contributi totali di cui 116 recensioni , 8 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Cresciuto in un'atmosfera soffocante e carica d'odio, illuminata soltanto dalle presenze della nonna Caroline e dello zio Éduard, il giovane Ferdinand narra le proprie esperienze familiari, scolastiche, erotiche, di viaggio e di lavoro, sfogando in u ...Continua
Teofano
Ha scritto il 18/06/18
Pubblicato nel 1936, quattro anni dopo il "Viaggio al termine della notte", è il secondo grande romanzo di Céline, e costituisce il perfezionamento del suo personalissimo e rivoluzionario stile basato sull'uso dell'argot, ad imitazione della lingua p...Continua
Massimo Campobello
Ha scritto il 15/04/18
La bestia
Inutile cercare di commentare: per me un capolavoro, al pari di "Viaggio al termine della notte". Amo questo autore in tutti i suoi aspetti, anche umani. Rispecchia quanto la vita possa essere bastarda misera e contraddittoria. Infinito Cèline. ...Continua
Marcel P.
Ha scritto il 22/06/17
Nel '900 è paragonabile a Proust e a Joyce di cui usa molte strategie: associazioni e flusso narrativo. Il lato oscuro dell'anteguerra francese, nella miseria dei vicoli, delle botteghe, delle sbronze e delle ipocrisie borghesi. Un côté veramente sch...Continua
Albe
Ha scritto il 13/05/17
Truculento, irriverente, sfrenato, osceno, picaresco, eccessivo, disperato. Autentico. Céline, come lui, nessuno. Tra i contemporanei, seppur abbia minore esasperazione verbale e diverso punto di vista, l’ho sempre accostato ad Henry Miller. "Morte a...Continua
* Andrea *
Ha scritto il 29/12/16

Bello, ma estenuante


Le.ft
Ha scritto il Jun 23, 2013, 08:58
- Si son cambiati l'anima per tradir meglio, scordar meglio, parlar sempre d'altro. - Non chiede più gran che alla vita. Ha un vecchio dispiacere d'amore. Non desidera liberarsene. Ne parla il meno possibile. Mica era una donna seria. Gustin è un cu...Continua
LaMelaMarcia
Ha scritto il Mar 13, 2011, 10:28
Nella vita, basta che la vada un pò meno peggio perché subito si pensi alle porcaccionate.
Pag. 409
Ligeia
Ha scritto il Jul 25, 2009, 14:46
L'essenziale non è saper se si ha torto o ragione. Non ha invero la minima importanza... Bisogna piuttosto scoraggiar la gente che si occupa di noi... Il resto è vizio.
Pag. 194
Ligeia
Ha scritto il Jul 25, 2009, 14:43
Per potersi difendere dalla vita ci vorrebbero dighe dieci volte più alte del canale di Panama, e piccole cateratte invisibili.
Pag. 32
Ligeia
Ha scritto il Jul 25, 2009, 14:41
Siam provvisori, questo è vero, ma io ho già provvisorieggiato abbastanza per la mia dignità. A lasciarsi trascinar via dalle cose, per mal combinate che le troviamo, ci sarebbe da morir di poesia.
Pag. 30

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi